Tutte le mosse di Matera, Assigeco e Chieti

Tutte le mosse di Matera, Assigeco e Chieti

Commenta per primo!

Siamo ormai ai dettagli, per il play titolare dell’Assigeco 2013-14. Negli ultimi giorni si è parlato di un ballottaggio Lamma-Masoni, per la guida dei lodigiani di Andrea Zanchi, ma la dirigenza di Codogno ha puntato sul cavallo reggiano, 31 anni il prossimo 7 settembre. A riferirlo l’ultraffidabile “Cittadino di Lodi”, Masoni unisce esperienza, lucidità, grinta ma anche continuità rispetto all’ex Fortitudo, Firenze e Verona: Masoni infatti arriva dal quadriennio passato ad Imola (116 presenze, 668 punti e 157 assist in LegaDue) dove, nelle ultime tre stagioni, ha rivestito il ruolo di capitano. In precedenza è passato da Reggio Emilia (2008/2009) tornando sul parquet dove aveva mosso i primi passi cestistici esordendo pure in prima squadra (dal 1999 al 2002), Rieti (stagione 2004/2005), Castelletto Ticino (2005/2006), Ferrara (dal 2006 al 2008) dove ha ottenuto il passaggio in Lega A. Adesso manca una sola casella per l’UCC: sarà un quarto lungo esperto (Bonessio?) o un altro giovane di prospettive, ad offrire una quadratura del cerchio sul roster che inizierà la preparazione il prossimo 18 agosto al Campus?

Nel frattempo anche in Matera è in movimento, e messi gli occhi (con successo) su Marco Maganza, si sceglie per completare i ranghi il prima possibile, ma senza rischi. Una sicura new-entry, stando al “Quotidiano della Basilicata”, sarà l’1/2 classe ’95 Dario Costa: una stagione sicuramente importante per uno dei tanti prodotti del vivaio della Nuova Jolly Reggio Calabria, che tra campionati senior (9,4 punti + 2,2 rimbalzi al 49% da 2 e 2,1 palle recuperate), e giovanili, può solo sorridere per gli ottimi risultati ottenuti, sia a livello individuale che di squadra, da una salvezza ad un raggiungimento play-off in DNC, passando per il titolo regionale con l’U19 della Viola.

Eccoci quindi ad un dilemma assai simile a quello degli amici lombardi: un under o un senior? La strada under, secondo i nomi più gettonati sul taccuino del DS Viggiano, sarebbe l’ex Trento e Lucca Matteo Negri; in alternativa la strada under porta a Daniele Toscano, classe 1993 l’anno scorso con il Nord Barese in Dnb dove ha fatto la sua parte per la vittoria del campionato della formazione di coach Cadeo: per lui qualche problema fisico, ma che oggi si può considerare superato.

Chiudiamo con Chieti, dove dopo gli arrivi del play statunitense Showron Glower e dell’ala Emani Comignani, che si sommano alla conferma delle guardia Manuel Diomede (l’unico superstite dello scorso anno) e al ritorno di Edoardo D’Emidio, si cerca di dare sostanza al nucleo del roster Teate di coach Marzoli. Priorità n.1 un lungo straniero, e tutte le voci porterebbero (Il Centro, Il Messaggero- Chieti) ad Asim McQuenn, classe 1988, 203 centimetri, lo scorso anno nel campionato finlandese dopo diverse tappe europee, e dell’ala alta Taylor Darby, classe 1990, 204 centimetri, nella passata stagione in Israele.

Non si escludono nel frattempo le trattative con Roberto Chiacig e Federico Lestini, atleta pescarese classe 1983, fermo da oltre un anno per due infortuni, che quindi rappresenta al momento solo una scommessa. Sembra essersi arenato invece il tentativo di trattenere in bianco-rosso Andrea Raschi, ma la società non avrebbe ancora mollato. Da sciogliere restano le questioni del nuovo main sponsor (BLS resta partner, ma supporterà come main la cugina Lanciano di DNB), e il problema casa delle Furie che dovrebbe essere ancora il Palatricalle: impianto della storica cavalcata coincisa con la doppia finale play-off due anni fa, ma che lo scorso anno non ha funzionato da talismano, trascorso fin troppo tempo in un PalaSantaFilomena troppo vuoto e poco incisivo, non capace di restituire la giusta affluenza di pubblico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy