UFFICIALE: Recanati, il GM è Michele Paoletti

UFFICIALE: Recanati, il GM è Michele Paoletti

Scongiurata la cessione del titolo a Udine, il Basket Recanati supera anche la separazione dallo storico DS Chiodoni ingaggiando Michele Paoletti, come da nostra anteprima di poche ore fa. Il dirigente jesino ha sottoscritto con il Club leopardiano un accordo su base stagionale.

40 anni giornalista pubblicista dal 1996, Paoletti ha all’attivo un buon numero di importanti esperienze professionali nei campi dell’editoria e dello sport: per 11 anni (dal 2002 al 2013)Responsabile Comunicazione e della Segreteria per l’Aurora Basket Jesi, con cui ha preso parte a campionati di Lega Serie A e Legadue, fino al 28 aprile scorso ha ricoperto l’incarico di Direttore Generale della Pallacanestro Chieti. Sotto la sua gestione la società consolida la categoria, ottenendo nel 2014 il 9° posto valido per i playoff di DNA Silver (perdendo poi contro Mantova, futura vincitrice della post-season), migliorato quest’anno con una lusinghiera 7a piazza in A2 Silver, a soli sei punti dalla zona playoff.

Oltre a sostituire Marcello Chiodoni nella direzione sportiva dell’USBR, Paoletti si occuperà di gestire la struttura societaria a 360 gradi, con occhio particolare all’area marketing e comunicazione, settore nel quale ha particolari competenze essendo giornalista ed occupandosi di uffici stampa di vari settori da ormai oltre 15 anni.
“Tra le diverse ipotesi di lavoro ricevute dopo la mia uscita da Chieti (che ringrazio nuovamente al pari dell’Aurora Jesi per l’opportunità di crescere professionalmente che mi hanno dato ), quella di Recanati non si era mai prospettata – riferisce il nuovo g.m. leopardiano -, nonostante già ai primi di Maggio alcuni dessero l’accordo per fatto. Nè io avevo mai minimamente pensato di propormi in quanto sapevo il forte legame che esiste (non a caso uso ancora il presente indicativo ) tra questo Club e il mio amico Marcello Chiodoni. Mercoledì sera c’é stato il primo contatto e Giovedì mi sono visto per la prima volta con il presidente Giuseppe Pierini, con il quale c’é stata subito intesa ed identità di vedute. Ci accomuna il modo di concepire anche un club di pallacanestro col modello marchigiano : fare sempre il passo secondo la gamba, ma nel contempo raddoppiando le energie lavorando insieme, cercando così di ben figurare al cospetto di chi é più grande e facoltoso di noi. Trovare un accordo parlando la stessa lingua é stato semplice. Questo anche perché , grazie al lavoro del Presidente e di Chiodoni , ho trovato una struttura già ben organizzata che non faticherà nel salto in A2 unica , nella quale non si può più prescindere dall’avere standard professionali di altro livello. Sono carico di entusiasmo e cercherò di trasmetterlo a tutti. Stando ai numeri dei vari censimenti siamo tra i più piccoli,ma faremo di tutto affinché la gente sia portata a pensare il contrario”.

“Era nella nostra lista dei preferiti ed in un battito di ciglio abbiamo trovato subito l’intesa sui programmi e gli indirizzi guida in vista della prossima stagione agonistica 2015/2016 – dice il presidente Giuseppe Pierini – . La grande esperienza di Michele Paoletti , frutto di oltre due lustri a questi livelli , svolti con grande dedizione, serietà impegno e grande spirito di sacrificio , oltre al suo bagaglio di conoscenze rappresentano per noi una garanzia e saranno utili al fine di ottenere in ottica professionale quel salto di qualità nel marketing e nella comunicazione oltre ad un miglior rapporto con i media, gli organi federali ed istituzionali per proiettare sempre più il Basket Recanati per un radicamento verso l’esterno in sede locale , comprensoriale e nell’agone cestistico nazionale”.!

Con il presidente Pierini abbiamo parlato anche di mercato dopo la comunicazione dell’accordo con Paoletti.

“Mi sono dato tre giorni per chiudere con la guida tecnica –ci dice Pierini-, ho una bella lista di nomi sia in ordine alfabetico che di preferenza … ma siamo concentrati su un elemento che voglia scommettere su Recanati. Noi sempre dati per spacciati alla vigilia, invece poi a darle a tutti e questo con allenatori che hanno accettato la sfida del piccolo è bello! Vorrei sottolineare che non abbiamo solo 150.000 euro per fare la stagione, ma che ne mancano a quello che è stato fissato essere il nostro budget stagionale. Ora dobbiamo trovare questo benedetto main sponsor o tre sponsor che si dividano l’onere”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy