Agrigento: arrivato Kwame Vaughn, il punto della situazione

Agrigento: arrivato Kwame Vaughn, il punto della situazione

Commenta per primo!

FOTO : CALOGERO MONTANA LAMPO PER BASKETINSIDE
Nella sala stampa del Palazzetto “Raimondo Moncada” questa mattina è stato presentato il primo giocatore americano della storia della Fortitudo Agrigento: Kwame Vaughn.  Introdotto dal direttore sportivo Cristian Mayer e dal coach Franco Ciani, l’ultimo arrivato in casa bianco azzurra si è presentato a giornalisti e tifosi con il sorriso e l’entusiasmo di chi sa di affrontare una bella e stimolante sfida, fondamentale per la sua carriera. “Finalmente siamo al completo, esordisce in sala stampa il ds Cristian Mayer, speriamo di avere al più presto disponibile anche Alessandro Piazza, in fase di recupero dall’infortunio alla caviglia subito nei giorni scorsi durante gli allenamenti. Dopo la vicenda Young, che tutti conosciamo, la nostra scelta di mercato è stata orientata verso un giovane con grande entusiasmo, con tanta voglia di fare e di mettersi in mostra. La scelta è ricaduta su Kwame, che abbiamo seguito e visto in occasione della Summer League di Las Vegas e  riteniamo che le qualità del ragazzo siano di grande utilità per la nostra squadra”. “Kwame ha fatto allenamento ieri – spiega il coach Franco Ciani – ed è ovviamente indietro dal punto di vista della conoscenza del nostro sistema di gioco. Ha iniziato ad apprenderne i primi movimenti giusto perché, in occasione del torneo di Trapani di oggi e domani, cercheremo e conteremo di fargli giocare qualche minuto. Non credo che in questo momento si possa pensare ad un utilizzo ampio come quello che è destinato ad avere” “Venire ad Agrigento per me è una grandissima occasione, sono le prime parole di Kwame Vaughn, e l’esperienza servirà per la mia crescita professionale. Sono un giocatore che può giocare da play o da guardia e mi piace aiutare la squadra al fine di ottenere il massimo risultato. Sicuramente il basket del college è più fisico e anche nella gestione arbirtrale per quando riguarda i contatti ci sono delle diversità. Mi aspetto una pallacanestro con maggiore strategia e maggiore tatticismo, quindi, meno lineare, naturale ed istintiva, però vedo che i giocatori italiani hanno ottime qualità: grandi tiratori e giocatori di grande livello. Ho trovato una squadra ottima, con giocatori di grande qualità, con un livello più alto di quanto mi aspettassi. Sono convinto che la mia nuova squadra abbia delle qualità per essere competitiva in questo campionato. In altre partle, il personale impatto è stato più che positivo” Nel primo pomeriggio la squadra si trasferirà a Trapani, dove parteciperà alla due giorni del “I° Memorial David Basciano”, organizzato dalla Pallacanestro Trapani in memoria del fratello del Presidente Pietro Basciano, scomparso prematuramente qualche anno fa in un incidente stradale. Alle 21.00 la squdra di coach Franco Ciani affronterà la padrona di casa la PallacanestroTrapani di coach Lino Lardo. Nell’altra semifinale, inizio alle ore 19,00 si affronteranno l’Upea Capo d’Orlando e la Sigma Barcellona. E le stesse squadre saranno protagoniste il 28 e 29 settembre prossimi al “PalaMoncada”, nel torneo organizzato dalla società agrigentina presieduta da Salvatore Moncada in ricordo del giornalista Gerlando Micalizio, scomparso ad inizio estate.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy