Angels Santarcangelo: intervista a coach Padovano

Angels Santarcangelo: intervista a coach Padovano

Commenta per primo!

Coach Padovano, che annata sarà?

“Bisognerà restare concentrati sull’obiettivo salvezza, per noi raggiungere un traguardo del genere sarà come vincere il campionato. Bisogna essere consci delle difficoltà che la stagione ci può proporre e sapere che sarà necessario mettere un impegno enorme in tutto quello che faremo”.

Qual è il valore medio della Dna?

“Ci sono i migliori italiani e i migliori under in circolazione, società con decine d’anni di esperienza in terza serie che partono con un margine di vantaggio ampio rispetto a noi. Per ridurre questo tipo di gap, questa forbice, sarà necessario sputare sangue fin dal primo secondo”.

Una stagione lunghissima…

“34 partite, 8 turni infrasettimanali, un campionato lungo e impegnativo nel quale si incontreranno squadre da nord a sud. Stagione tosta, ma lo sapevamo e siamo consci di dover lottare”.

Un tuo giudizio sui nuovi arrivati…

“Sono i giocatori migliori che col budget a disposizione potevamo prendere. Ancellotti è alto, ha buona mobilità e ci permette di giocare nella nostra maniera abituale, anche di corsa. Dovrà far vedere che è in grado di competere con i migliori pivot del campionato. Italiano è un lottatore, dovrà darci quello che ci poteva dare Meschino l’anno scorso. Un giovane che quindi ci fa proseguire nella politica di sempre. Bonaiuti è la perla del nostro mercato e personalmente lo conosco da dieci anni, ha sempre disputato ottimi campionati di A Dilettanti, ha esperienza e maturità da vendere. Tra l’altro si tratta di un bravissimo ragazzo, motivato e con gran spirito di rivalsa”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy