Brandini Firenze – Assigeco Casalpusterlengo: il finale è thrilling al PalaMandela, spettacolo assicurato

Brandini Firenze – Assigeco Casalpusterlengo: il finale è thrilling al PalaMandela, spettacolo assicurato

Tutte le favole finiscono con un lieto fine; a questo punto in riva all’Arno, orgogliosi di una squadra che con il pokerissimo sta volando verso la Legadue Silver, si prende gusto, e si aspetta domani (ore 18), contro Casalpusterlengo, per mettere in cascina quel poco che manca alla realizzazione del sogno.

Infatti con almeno due punti, sui quattro a disposizione, il traguardo sarà raggiunto. E quali che siano i risultati delle ultime concorrenti rimaste in corsa, ossia Bari e Recanati, entrambe a quota 30. Indubbiamente è tra poche ore che bisogna cercare di portare a casa di punti che varrebbero la Legadue Silver, con tutte le forze: l’Assigeco, con la sconfitta interna subita contro Chieti (60-69) dopo lo straordinario colpo messo a segno sul parquet di Matera, ha ridotto al lumicino le speranze play-off, e per raggiungere Omegna e Agrigento, oggi pià che mai favorite per l’accesso alla post-season pro-Gold, bisognerebbe sperare soltanto nella loro sconfitta, sempre e comunque. Oggi infatti i rosso-verdi e bianco-blù sono a quota 38, e anche se si arrivasse a pari punti, l’Assigeco sarebbe comunque esclusa per la classifica avulsa, quindi probabile che si disputeranno gli ultimi 80′ per l’onore verso la maglia, ma senza dimenticare che la matematica non nega di andare oltre un risultato comunque prestigioso, e in piena linea con gli obiettivi societari.

Tra sette giorni poi il calendario dei gigliati non è dei migliori possibili: ci sarà proprio Agrigento, ferma ai box in questo week-end, ma in piena corsa per il terzo posto con Omegna, che a sua volta potrebbe addirittura pensare di scalzare Matera: strappare quindi altri punti al PalaMoncada sarà non impossibile, ma comunque difficile.

Ma anche le altre della partita avranno almeno un turno poco agevole sugli ultimi due da disputare. Infatti i leopardiani di Coen, che all’ultimo turno avranno una Torino già sicura della vetta, dovranno però fare i conti con Mirandola nell’anticipo di stasera, e gli Stings credono ancora nell11° posto che varrebbe i play-out con fattore campo a favore. Sorte ancor meno benevola per Bari, che probabilmente ha il compito più duro: prima Castelletto, e in trasferta, con i giallo-blù che conservano qualche piccola speranza play-off, a soli due punti dal duo formato dagli uomini di Ciani (questa domenica a riposo) e Di Lorenzo; quindi Latina, che con quattro punti e due match ancora a disposizione vorrebbe provare ad agganciare, anche se disperatamente, il 14° posto oggi nelle mani di Ferrara, seguita da Chieti.

In ogni caso, per evitare noie e alchimie varie, bisogna puntare sul percorso netto per ed in città potranno cominciare i festeggiamenti. All’amico Matteo Calì, addetto stampa della squadra, è stato proposto un Harlem Shake in salsa biancorossa per festeggiare alla grande questo importante obiettivo; ed i lettori di Basketinside saranno sicuramente i primi informati a riguardo qualora questo avvenga.

Tornando alla partita, le individualità ci sono tutte per uno spettacolo di ottima pallacanestro.  La storia dell’avversario del resto non ha mai suggerito il contrario.

L’Unione cestistica Casalpusterlengo è una squadra dell’omonima cittadina lombarda in provincia di Lodi, a due passi da Milano. La storia della squadra lombarda è da libro cuore; infatti è stata fondata poco meno di quarant’anni fa da un gruppo di amici che, oltre ad esserne gli amministratori, erano anche i giocatori. 

Dopo tanti anni passati fra serie D e C, alla fine degli anni 2000 arriva la promozione in B d’eccellenza, coronata poi dalle successive vittorie di Coppe Italia di categoria (nel 2007 e nel 2009).

Arriva poi il massimo risultato per la squadra di patron Curioni; promozione in Lega Due, con due bei campionati in cui i rosso blu si guadagnano la salvezza sul campo. Problemi economici portano però i lombardi a rinunciare alla seconda serie nel 2011; in conseguenza di ciò arriverà l’iscrizione nella A dilettanti, l’attuale DNA. Molti gli atleti di lusso che hanno militato fra le fila dei lodigiani; Danilo Gallinari e il padre ( i Gallinari hanno un peso importante in questa società), Pietro Aradori, Mario Boni. Un bel pezzo di storia cestistica azzurra.

La classifica di quest’anno è stata sontuosa fino a due settimane fa; poi l’incredibili sconfitte con Recanati e soprattutto Chieti nel proprio palazzetto all’ultima di campionato, hanno in parte vanificato quanto di buono fatto! 36 i punti in classifica per gli ospiti, che dopo Firenze affronteranno Castelletto.

Per i play off se la vedranno con Omegna, che affronta Treviglio e poi Chieti, ed Agrigento, che ha due punti in più ma è a riposo questo turno, mentre l’ultima è proprio contro Firenze.

La classifica avulsa condannerebbe i lodigiani nel caso di arrivo a pari punti con le due avversarie.

Bellissimo il finale di campionato!

Vediamo adesso il roster allenato da coach Andrea Zanchi, che ha preso le redini della squadra a Novembre sostituendo l’ex coach Riva. Omegna nel passato del tecnico veneziano; scherzi del destino, sfida nella sfida coi piemontesi. Molte le faccie nuove nella squadra ospite;  Marino e Planezio da Treviglio, Bellina proprio da Firenze, Fiorito da Trento e la giovane promessa Janelidze da Rimini. Non sono annunciate assenze di rilievo fra gli ospiti.

In cabina di regia agisce il play senese classe ’86 Tommaso MARINO, expertize della categoria essendo un ex di Treviglio, Omegna, Porto Torres. Anche Ostuni e Forlì nel suo passato. Anche uno scudetto con la Mens Sana Siena (non da protagonista), squadra in cui si è formato. Uno dei migliori passatori della categoria (oltre 4 assist di media a partita) ed anche ottimo nella media punti (11.3).

Play di scorta il friulano classe ’85 Marco VENUTO; molte le presenze ed i minuti nelle rotazioni per lui.

8 punti nell’ultima giocata contro Chieti. Anche il giovane Luca VENCATO ha trovato spazio come play nelle ultime partite; 4 i punti nella ultima di campionato.

Come guardia agiscono Roberto PRANDIN, classe ’86, veneziano prodotto della Reyer, con Ozzano nel suo passato. Ottimo realizzatore (9 nella classifica dei marcatori stagionali), quasi 15 punti di media per lui.

10 i punti nella ultima giocata; da tenere sotto attenzione!

L’altra guardia è l’ex di Trento Simone FIORITO, milanese classe ’91. Pochi i minuti ed i punti in questa stagione per lui, nonostante la prestigiosa militanza in terra trentina che caratterizza il suo passato.

Come centro agisce il romano classe ’91 Giampaolo RICCI.Alte medie per lui in stagione, sia come rimbalzista (uno dei migliori della Lega) che come stoppatore. Oltre i 10 punti di media per lui. 16 nell’ultima di campionato. Osservato speciale.

Sulle ali agiscono il veneto classe ’87 Alberto CHIUMENTI.203 cm per il giocatore scuola Fortitudo, ex di Forli, Vigevano, Pavia e Latina.Anche lui ottimo prospetto, con buone medie ai punti (14) ed ai rimbalzi (7).

Uno dei migliori come rendimento complessivo nella Lega. Anche lui merita tutte le attenzioni del caso.

Ex della partita il friulano classe ’79 Federico BELLINA. Pesaro, Pavia, Osimo, Verona nel passato del giocatore che ha aiutato i biancorossi nella salvezza dell’anno passato sul campo di Siena, insieme a Davide Lamma.8 i punti di media in campionato per lui e circa 24 minuti di media in campo. In parabola discendente ma ancora pericoloso.

Infine il bergamasco classe ’91 Marco PLANEZIO. Ex di Treviglio, 200 cm sotto canestro.

Molti i giovani nel roster lombardo che potranno essere della partita; l’ala Daniel DONZELLI, il play Marco SALARI, la guardia Riccardo ROSSATO, il centro Giovanni BASSO, le ali Alessandro PAGANI e Giga Janelidze.

All’andata Firenze subì una brutta battuta d’arresto, venendo surclassata al PalaCampus con il punteggio di 78-52.

Arbitri della gara i signori Angelo Valerio Bramante di San Martino Buon Albergo (Verona) e Nicola Cappati di Roncade (Treviso).

Le solite tariffe scontatissime agevoleranno sicuramente l’afflusso di tifosi, speranzosi di poter festeggiare questo traguardo importantissimo già domenica al Mandela. Nel corso dell’intervallo ci sarà la presentazione dell’Under 19 Elite della Pallacanestro Firenze, allenata da Lapo Salvetti, che si è qualificata per le finali nazionali in programma a Gorizia dal 13 al 19 maggio. 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy