Brescia ospita una Legnano sempre più decimata per mantenere la vetta della classifica

Brescia ospita una Legnano sempre più decimata per mantenere la vetta della classifica

Commenta per primo!

Mercoledi 6 gennaio al Pala San Filippo di Brescia andrà in scena per la prima giornata del girone di ritorno del campionato di A2 girone est il match tra i padroni di casa della Centrale del Latte-Amica Natura e la EuroPromotion Legnano. Sarà quasi un testa-coda,visto che Brescia,neo campionessa d’inverno,comanda la classifica con due punti di vantaggio sulla più vicina inseguitrice,ovvero Imola,mentre Legnano conserva due punti di vantaggio sui playout ma è ormai stata pienamente risucchiata nella zona caldissima della lotta per non retrocedere. Per i Knights,che hanno una striscia aperta di quattro sconfitte consecutive,sembra passato un secolo da quando si trovavano in piena zona playoff,e invece sono passate proprio quelle quattro sconfitte, che hanno trasformato la stagione da entusiasmante a preoccupante. La trasferta sul parquet della capolista non è certo l’ideale per interrompere una serie negativa,e oltretutto Legnano arriverà a Brescia surrealmente decimata da infortuni e problemi vari. Sta diventando persino complicato ripercorrere i numerosissimi momenti che hanno portato alla decimazione del roster legnanese. E’ iniziato tutto con l’infortunio di Pacher a Imola al tredicesimo turno. Botta alla coscia,e per lo statunitense ritorno previsto dopo la sosta,forse già il 17 gennaio nel match casalingo contro Ferrara. Alla quattordicesima giornata,in casa contro Trieste,c’è stato lo choccante infortunio di Frassineti (rottura del crociato,stagione finita per il Forlivese). Prima del match dell’ultimo turno,a Treviglio (poi perso da Legnano 86-62 dopo essere stata in gara solo per i primi due quarti),si sono aggiunti in infermeria capitan Maiocco (vittima nella notte pre gara di un violento virus intestinale che l’ha costretto addirittura a recarsi in pronto soccorso) e Michael Sacchettini,che dopo l’ottima prova contro Trieste è rimasto vittima in allenamento di una classica scavigliata, ha stretto i denti ma ha potuto giocare solo 10 minuti,senza riuscire a dare il solito apporto in energia e grinta. L’impegno di Brescia a sole 72 ore di distanza da quello di Treviglio certo non facilita il compito a una squadra con le rotazioni così corte e con giocatori come Maiocco e Sacchettini che avrebbero avuto bisogno di qualche giorno in più per recuperare. A Treviglio coach Ferrari ha dovuto schierare Luca Battilana come ala grande nel quintetto titolare,e concedergli ampio minutaggio (28.31 minuti in campo per lui) nonostante fino a quel momento avesse giocato pochissimi minuti sommando tutta la scorsa stagione e quella in corso. Battilana ha giocato dignitosamente,segnando anche due triple in avvio di match,ma sulla distanza si è fatta sentire inevitabilmente la mancanza di esperienza. Mentre c’è una girandola di nomi riguardo al possibile sostituto di Frassineti,che arriverà a Legnano presumibilmente durante la sosta e sarà disponibile per il match contro Ferrara,le scelte di Ferrari per il match di Brescia saranno più che obbligate. In regia ci sarà Palermo (con Navarini pronto a fargli come di consueto da backup),come guardia giocherà Raivio (che a Treviglio ha ben figurato giocando oltre 38 minuti,segnando 21 punti con 5/10 da due,catturando 8 rimbalzi e subendo ben 9 falli),sulle ali ci saranno Martini (13 punti a Treviglio) e Battilana e come centro Allodi. Difficile pensare che Maiocco e Sacchettini dopo i problemi fisici avuti prima dell’ultimo match possano partire titolari o comunque godere di un ampio minutaggio.

Per Brescia questo match sembra davvero poter essere una formalità. Reduce da due vittorie consecutive e ben otto vittorie nelle ultime nove sfide (unico stop a Treviglio alla tredicesima giornata),la squadra allenata da Andrea Diana potrebbe avere come maggior nemica nel match contro Legnano l’eventuale convinzione di avere già vinto la partita. Affrontare il match senza la giusta concentrazione sembra davvero poter essere l’unico ostacolo per una vittoria,ma sicuramente coach Diana e i giocatori conoscono questo rischio e cercheranno di evitarlo. Per tentare di vincere,i padroni di casa si affideranno come sempre al gioco di squadra,che finora in stagione sta portando quattro giocatori in doppia cifra di media per quanto riguarda i punti (Hollis 16.9,Holmes 14.4,Fernandez 12.3,Alibegovic 10). Hollis dovrà dare anche il solito contributo in fatto di rimbalzi (ne cattura 8 in media in questa stagione,risultando il miglior rimbalzista dei suoi oltre che il miglior realizzatore),e Fernandez dovrà garantire il suo apporto in assist (4.6 in stagione).

La trasferta di Ferrara nell’ultimo turno (vittoria 79-73 a favore di Brescia) non è stata una passeggiata,e il match si è risolto a favore della Leonessa solo nell’ultimo quarto. Brescia alla fine del primo tempo era sotto di 9 punti,ha catturato solo 31 rimbalzi contro i 38 degli avversari ma ha perso solo 10 palloni contro i 20 degli avversari.(in stagione le palle perse per Brescia sono 13.1). Coach Diana potrebbe schierare lo stesso starting five visto a Ferrara,con Fernandez playmaker,Holmes guardia,Alibegovic e Hollis sulle ali e Bruttini centro. Dalla panchina sarà poi pronto a entrare con alto minutaggio Bushati nel ruolo di guardia,e inoltre giocheranno Cittadini come backup di Bruttini e Passera come sostituto di Fernandez.

All’andata Brescia espugnò il PalaBorsani,vincendo 82-73 in un match che non fu mai veramente in discussione. Palla a due prevista alle 18,per una partita che comunque offre tanti spunti interessanti e che merita di essere seguita con attenzione

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy