Castelletto, situazione a rischio, parla il Vicepresidente: “Serve un miracolo per la Legadue Silver”

Castelletto, situazione a rischio, parla il Vicepresidente: “Serve un miracolo per la Legadue Silver”

Commenta per primo!

Lo scoop, molto molto amaro, è dell’emittente locale VCO Azzurra TV, e l’ufficialità arriverà solo entro il 30 giugno: fino ad allora qualsiasi gioco può considerarsi aperto. Ma sembra proprio che la Pallacanestro Lago Maggiore non parteciperà al prossimo campionato di Legadue Silver.

Specie se la conferma è tutta nelle parole del Vicepresidente Fabio Tosi, che non lasciano spazio a dubbi. “ Ci siamo trovati ed abbiamo deciso quello che era nell’aria: a meno che arrivi un magnate nei prossimi giorni, possibilità vicina allo zero, ci vediamo costretti a ridimensionare i nostri obiettivi. La Plm dunque non si iscriverà alla Legadue Silver: la situazione economica rende impossibile questo scenario. Abbiamo degli impegni da onorare nei confronti dei tesserati di quest’anno e dei debiti pregressi di cui dobbiamo rispondere. Visto che vogliamo avere la coscienza a posto-spiega Tosi- e la nostra priorità è quella di sistemare i conti, ci vediamo costretti a scegliere la via dell’autoretrocessione” .

Da dove si ripartirà adesso? C nazionale? C regionale? “ Non è più il tempo di vivere di promesse e di sogni- continua Tosi- anche perché poi qualcuno, nella fattispecie alcuni dirigenti, devono rispondere direttamente degli impegni sottoscritti. Abbiamo già cominciato a spiegare la situazione a giocatori, tecnici e procuratori, che hanno apprezzato la nostra schiettezza- prosegue il dirigente di Castelletto. Che poi si rivolge ai tifosi. “ Magari qualcuno non capirà, specie chi ha nella testa ancora le immagini degli americani ai tempi della Legadue: quei tempi però sono lontani. Mi auguro che tanti comprendano ed accettino la nostra scelta- conclude Tosi.

Sarebbe certamente una batosta dura, severa, per una realtà che ne ha vissute certamente di migliori, che gode di uno dei migliori gruppi organizzati della DNA, gli storici Viking Ticino, e che sperava tutt’altro, lanciata dal successo di Coppa Italia, appena pochi mesi fa in quel di Cecina: quasi una foto già sbiadita. Poi qualche voce, prontamente smentita dalla società, e forse la lotta play-off fallita potrebbe avevano compromesso l’esistenza progetto, che pure sembrava puntare in alto con un roster di altissimo profilo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy