Cda Virtus Bologna: “A breve coach e gm, si ad un possibile ripescaggio”

Il punto in casa Virtus Bologna.

Commenta per primo!

Si è riunito oggi il Consiglio di Amministrazione di Virtus Pallacanestro Bologna, alla presenza di tutti i consiglieri. Nella sede di via dell’Arcoveggio erano presenti il presidente Alberto Bucci, il vicepresidente Maurizio Mazzieri, il consigliere delegato Daniele Fornaciari, il consigliere Stefano Zunarelli, oltre ai rappresentanti del Collegio sindacale e dei consulenti della società. Presenti anche il presidente di Fondazione Virtus, Pietro Basciano, Claudio Albertini, membro del Consiglio di indirizzo, e il vicepresidente di Sef Virtus, Giuseppe Sermasi.

“Abbiamo ascoltato una relazione del presidente Bucci”, ha spiegato il consigliere delegato Daniele Fornaciari, “che si è soffermato sugli aspetti emozionali della Virtus; abbiamo fatto l’esame della situazione economico-finanziaria, che dal punto di vista patrimoniale è forse una delle migliori che si possono riscontrare nel panorama del basket nazionale, pur con alcune tensioni finanziarie; abbiamo firmato la domanda di ripescaggio per la Serie A, che domani sarà inviata; abbiamo verificato i vari punti relativi all’iscrizione al campionato di A2, perché dobbiamo essere pronti ad ogni evenienza; abbiamo presentato i budget relativi all’annata sportiva 2016/2017, tenendo conto di entrambe le possibilità, cioè giocare in Serie A o in Serie A2”.

“Per quanto riguarda mie eventuali dimissioni dal CdA”, ha aggiunto Fornaciari, “di cui si è scritto nei giorni scorsi, specifico che la cosa è nata dal fatto che per miei problemi personali e familiari partirò ai primi di luglio per restare fuori dall’Italia per un paio di mesi. Mi sembra difficile poter gestire un’azienda come questa, impegnativa, restando così a lungo assente, per cui ho chiesto con il conforto della proprietà di risolvere questo problema. Io resterò dunque consigliere, le mie deleghe saranno date ad altro consigliere: a breve sarà convocata un’assemblea dei soci, nella quale sarà stabilito il nuovo CdA, che sarà allargato ad almeno cinque membri e nel quale saranno redistribuite le deleghe”.

“Infine”, conclude il consigliere delegato, “abbiamo parlato anche del prossimo organigramma, e pur avendo davanti questa incertezza su quello che sarà il nostro campionato, se quello di A o quello di A2, speriamo entro la prossima settimana di poter annunciare il nuovo general manager e il nuovo tecnico”.

Uff.Stampa Virtus Bologna

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy