De’ Longhi – Dinamica Generale, la sala stampa

De’ Longhi – Dinamica Generale, la sala stampa

A Mantova non basta un Corbett infuocato per espugnare un Palaverde da oltre 5000 spettatori.

Commenta per primo!

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – DINAMICA GENERALE MANTOVA 74-71 (20-16, 36-36, 54-54)

Sono oltre 5000 i tifosi trevigiani che danno il bentornato ai propri beniamini tra le mura del Palaverde e lo spettacolo che viene regalato loro è il meglio possibile per questa prima casalinga. La partita è punto a punto e divertente con percentuali discrete per entrambe le squadre. La De’ Longhi è penalizzata moltissimo dalle pessime percentuali dalla lunetta (48% ma al termine del terzo periodo il referto diceva 5/18) e forse anche per questo, oltre che per l’esperienza di Giachetti, la Dinamica riesce a restare attaccata fino alla fine arrivando anche a +6. È ancora una volta il baby di casa a togliere le castagne dal fuoco, Davide Moretti si erge a protagonista nella seconda metà del quarto periodo e sostenuto da Rinaldi e Negri permette ai padroni di casa di vincere una partita tiratissima. A Mantova non basta un LaMarshall Corbett in grande spolvero nel suo ruolo di ex da 17 punti (6/11 dal campo) e 3 rimbalzi.

Ecco le dichiarazioni dei protagonisti nel post partita.

Stafano Pillastrini, coach di Treviso: “Quella di oggi è stata una partita durissima, Mantova ha molto talento e ha giocato davvero bene, soprattutto Corbett. Anche in questa occasione la difesa si è dimostrata la chiave del nostro successo, ma rispetto a Trieste in modo meno eclatante. In verità nel secondo e terzo quarto c’è qualche errore di troppo, ma fortunatamente nell’ultimo ci siamo ripresi. Sicuramente qualche passo aventi c’è stato, stiamo migliorando a livello di gioco di squadra, ma questa sarà una stagione difficile come dimostrato da queste due partite finite punto a punto. I tiri liberi? Oggi ci sono stati veramente tanti errori, anche da chi solitamente è freddo dalla lunetta, un 1/7 da Fantinelli penso di non averlo mai visto e lo stesso DeCosey, che in America mi aveva colpito per la sua freddezza, oggi ne ha sbagliati tanti. C’è da dire che poi quelli importanti sul finale li abbiamo segnati e vincere con questo handicap è un merito in più. La classifica? Il campionato è ancora lunghissimo, siamo solo alla seconda giornata. Come ha già detto ci sono squadre davvero forti nel nostro girone e non mi stupisce nessun risultato, non ci sono Cenerentole. Per quanto ci riguarda dobbiamo sempre tirare fuori il nostro meglio e dar fondo a tutte le risorse per migliorare e sperare che tutte le partite finiscano come queste prime due.”

Davide moretti, playmaker di Treviso e MVP con 15 punti 8 assist 5 rimbalzi e 30 di valutazione: “Anche oggi la squadra è stata brava, io come al solito ho cercato di rendermi utile e sono soddisfatto di aver visto che siamo rimasti uniti anche quando il tabellone diceva che eravamo sotto. In attacco non siamo stati molto fluidi ma non abbiamo mai mollato, siamo cresciuti nel corso della partita e così siamo riusciti a portare a casa una vittoria allo scadere. Il momento chiave? Senza dubbio gli ultimi minuti quando, pur non trovando soluzioni offensive, ci siamo stretti in difesa riuscendo a girare l’inerzia del match. I tiri liberi? Una percentuale più alta ci avrebbe dato più sicurezza e tranquillità, ma alla fine quelli decisivi li abbiamo segnati. Mantova e Trieste sono due ottime squadre, abbiamo fatto vedere chi siamo e ora dobbiamo continuare così.”

Andrea Saccaggi, guardia di Treviso: “Sto cercando di fare il meglio possibile dando il massimo sia in attacco che in difesa mettendo la maggior aggressività possibile per aiutare la squadra. L’esordio al Palaverde è stato una grande emozione con così tanto pubblico e non è mai facile, ma abbiamo portato a casa la vittoria. La spinta del pubblico? L’ho sentita eccome. I tifosi ci hanno aiutato moltissimo e nei momenti di difficoltà sono stati un valore aggiunto. La squadra è stata solida e non si è mai scomposta, ma parte del merito va al nostro pubblico. L’inserimento di noi nuovi? Procede bene, abbiamo cercato di ascoltare le indicazioni del coach, lottando per l’obiettivo comune che è la vittoria. È chiaro poi che nei momenti chiave del finale giocano i ragazzi che si conoscono meglio.”

Alberto Martellossi, coach di Mantova: “Anche pensando all’anno scorso devo dire che non sono molto fortunato nei finali punto a punto qui al Palaverde. Devo fare i complimenti ad entrambe le squadre per la partita che hanno giocato, ma non ho molto da commentare. La vittoria era alla portata di mano di tutte e due le formazioni, ma noi abbiamo commesso troppi errori all’inizio del match e facevamo molta fatica a fare buone azione difensive legate poi ad altrettante buone azioni nella metà campo offensiva. Noi siamo venuti qui con l’idea di giocare la nostra pallacanestro senza stravolgerla e quindi correndo il più possibile, sapevamo che poteva essere rischioso contro un’avversaria come Treviso ma la risposta che ho avuto dai miei ragazzi è stata buona. Abbiamo davanti un percorso impegnativa ma la risposta che portiamo a casa oggi, nonostante la sconfitta, è buona e incoraggiante.”

LaMarshall Corbett, guardia di Mantova 17 punti e 3 rimbalzi: “Ho cercato di allenarmi al meglio in settimana per poter arrivare al meglio a questa partita. Giocare qui al Palaverde è sempre una grande emozione, soprattutto per me, e aspettavo questa partita per incontrare nuovamente i miei ex compagni di squadra e gli amici che ho lasciato qui a Treviso e anche lo stupendo pubblico del palazzo. La squadra? Abbiamo giocatore di ottima qualità e uniti abbiamo la possibilità di fare davvero bene.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy