[ESCLUSIVA] Candi: “Le emozioni del derby le racconterò ai miei figli, ma ora testa ai play off”

[ESCLUSIVA] Candi: “Le emozioni del derby le racconterò ai miei figli, ma ora testa ai play off”

Leonardo Candi, pedina fondamentale della Fortitudo Bologna, ha risposto in esclusiva alle nostre domande sui play off, sulla regular season e sul derby.

di Lucia Montanari, @LuciMonta15

1)Ciao Leo, iniziamo subito con l’argomento più caldo: i play off. Come state preparando la sfida contro Agrigento? Quali sono le insidie della vostra avversaria?

Stiamo preparando la sfida con Agrigento con molta attenzione, guardando sopratutto le piccole cose e i dettagli, anche se credo che sarà la serie che si deciderà su questioni non tattiche: sarà in particolar modo determinante la voglia di vincere e di raggiungere i quarti di finale che giocherà un fattore fondamentale. Sarà sicuramente una serie lunga e combattuta. Noi dovremmo sempre dare tutto ed essere concentrati sin da gara uno perchè è importantissimo, ma dobbiamo anche sbancare il campo di Agrigento almeno una volta e questa sarà una vera e propria battaglia. Stiamo visionando con il coach il loro video per conoscerli al meglio. Noi siamo pronti e carichi per iniziare questi play off.

2) Come valuti la tua regular season e quella della Fortitudo? A cosa ambite?

Dal punto di vista personale, penso di aver fatto un’ottima stagione regolare. Nel penultimo mese non ho espresso un grandissimo basket a causa del mio infortunio, in quanto mi sono concentrato maggiormente sul recupero, per essere pronto per questi play off. Anche da parte della squadra c’è stata una buona regular season: siamo migliorati molto tutti sotto vari punti di vista. Adesso ci sono i play off e siamo pronti per giocarli fino alla fine.

3)Vedendo l’ambiente della Fortitudo da fuori, sembra che siate un gruppo molto unito: quali sono le chiavi di questa armonia e quanto è importante poi sul campo?

Sicuramente siamo un bel gruppo: sono 3 anni ormai che ci conosciamo, lo zoccolo duro del gruppo è sempre lo stesso ed ha influito molto sul nostro essere squadra. La chiave, secondo me, è il fatto che i ragazzi di Bologna, come me e Montano, sono stati bravi a far capire quello che la gente vuole dalla Fortitudo, cosa piace ai tifosi e a trasmettere loro tutto ciò che significa essere fortitudini. Un altro fattore determinante è stato il fatto di essere tutti dei bravi ragazzi che vanno sempre d’accordo. Quando possiamo cerchiamo sempre di stare insieme e ciò è molto importante.

4) Anche se ormai sono passate due settimane dalla vittoria del derby, il ricordo è ancora “caldo”: raccontaci le tue emozioni di quella sera.

Sono tante da raccontare, ma proverò a riassumerle. Mi considero un ragazzo fortunato ad aver giocato questo derby perchè è stato il primo dopo tanti anni al Paladozza. Per me, giocarlo da protagonista è sempre stato un sogno, quindi posso dire di averlo realizzato. Le emozioni che vivi quando giochi il derby sono tantissime e non si possono descrivere, sono davvero uniche, però so che me lo ricorderò per tutta la vita questo derby, così come quello dell’andata: sono cose che ti rimangono impresse nella mente e che sicuramente racconterò ai miei figli. Il derby è stato davvero bellissimo, però adesso è tempo di play off e vogliamo solo pensare a quelli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy