Ferrara-San Severo: i giallo-neri rispondono sul caso Ferri

Ferrara-San Severo: i giallo-neri rispondono sul caso Ferri

Commenta per primo!

In riferimento all’infortunio del tesserato Michele Ferri, ex giocatore dell’A.S. Cestistica San Severo avvenuto in gara 3 dei playout tra l’Enoagrimm Cestistica San Severo e la Mobyt Ferrara, la società Cestistica San Severo comunica quanto segue:

premesso il dispiacere e l’augurio di una pronta guarigione per l’infortunio occorso a Michele, che ricorda tanto quello avvenuto a Randy Childress nella partita contro Scafati (nel corso della stagione 2010-11 in Legadue, proprio la stessa in cui Michele militava nella formazione giallonera), la società Cestistica San Severo ritiene infondate le accuse di gioco violento mosse nei confronti del proprio tesserato Andrea Iannili da parte della società Pallacanestro Ferrara 2011, di Michele Ferri e del coach Adriano Furlani.

Visto il filmato appare evidente che il normale e fortuito scontro di gioco avviene tra Ousmane Gueye,Andrea Iannilli e Michele Ferri, il quale contestualmente va ad urtare l’arto superiore di Andrea Iannilli . E’ altresì evidente come sia l’atteggiamento tenuto in campo dai giocatori di Ferrara e dai direttori di gara negli attimi successivi all’evento dimostrino che non vi era né violenza né premeditazione da parte del nostro tesserato.

Pertanto la Società Cestistica San Severo nel ribadire l’innocenza del proprio tesserato dalle accuse infondate rivoltegli, si augura che la società Pallacanestro Ferrara 2011 voglia abbassare i toni tenuti nella giornata odierna riconducendoli ad un più appropriato livello sportivo ed evitando speculazioni polemiche e tentativi di destabilizzare l’ambiente prima di gara 4.

Per quanto è al momento di sua conoscenza la Società Cestistica San Severo in ordine alle ventilate azioni legali nei confronti del proprio tesserato ad opera dei tesserati e della società Pallacanestro Ferrara 2011, ribadisce sin d’ora la propria ferma volontà di difendere e tutelare il proprio tesserato davanti a qualsiasi organo di giustizia sportiva ed ordinaria sia in sede civile che in sede penale.

Da ultimo la Cestistica San Severo, si augura che quanto accaduto non incida negativamente sul regolare svolgimento delle prossime partite sia dal punto di vista arbitrale che ambientale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy