Fortitudo: a Matera (senza Iannilli) per continuare il trend positivo

Fortitudo: a Matera (senza Iannilli) per continuare il trend positivo

Commenta per primo!

 

Turno infrasettimanale inedito per i ragazzi di Boniciolli: i biancoblù saranno ospiti al PalaSassi di Matera per la prima volta nella loro storia. Fortitudo-Matera, infatti, non è mai stata giocata.

Le due squadre si presentano alla partita in condizioni di forma distanti più o meno come i  chilometri che separano le due città. La Fortitudo infatti arriva da due convincenti vittorie interne, che hanno ridato carica e morale all’intero ambiente; Matera invece viene da cinque sconfitte consecutive che le hanno additato un ultimo posto ingrato, e da un cambio d’allenatore che finora non ha portato risultato.

FORTITUDO: Buon periodo per i bolognesi, che sembrerebbero aver incanalato il binario giusto. Dopo un avvio di stagione singhiozzante il gioco ora è più fluido, e la difesa sembra proprio quella dell’anno scorso. Raucci si sta dimostrando un ottimo giocatore per la categoria (forse un po’ a sorpresa di tutti), sia per le capacità difensive su lunghi e soprattutto piccoli, sia per la duttilità, sia per la qualità delle scelte offensive. Flowers e Daniel sono ad oggi una garanzia, il primo è un fattore vero e proprio, il secondo colma con l’esuberanza fisica e atletica quello che manca sul lato tecnico. Domani si spera di rivedere un Montano al 100% della condizione fisica, e di ritrovare quell’Italiano che tanto bene ha fatto l’anno scorso, ma che sta faticando in questo avvio di campionato, questa trasferta sarà una buona occasione per rifarsi vista la leggerezza sotto canestro dei lucani. Non sarà purtroppo della partita Iannilli, per un problema alla schiena; toccheranno quindi gli extra a Italiano e Quaglia.

MATERA: Squadra ancora da oliare per il neo-coach Luigi Gresta, subentrato a Giulio Cadeo la scorsa giornata. I lucani infatti hanno vinto solamente la gara d’apertura con Treviglio, si trovano ora in piena crisi di risultati ed hanno la peggior difesa del girone (85.8 punti subiti a partita). La squadra si basa vede come punti cardine i due stranieri, Hamilton e Okoye. Il primo è una guardia/ala di 201cm, grande realizzatore, capace di giocare sia fronte che spalle a canestro. Il secondo è un ala di origini nigeriane classe ’91, anche lui buon realizzatore e grande atleta. La regia è affidata al capitano Francesco Guarino, playmaker di Bentivoglio ben conosciuto qui a Bologna avendo fatto la trafila delle giovanili proprio in Fortitudo. La guardia titolare è Mastrangelo, classe ’91 dotato di buona mano dalla distanza. Il centro del quintetto di partenza è invece l’argentino Corral, 205 cm di statura e stazza fisica importante. Dalla panchina danno una grande mano l’ala Cantagalli, ottimo difensore, e la guardia Rugolo, capace di portare esperienza e temperamento alla causa.

La palla a due sarà alle ore 21:00, gli arbitri saranno Ciaglia di Caserta, Capurro di Reggio Calabria e Mottola di Taranto. E’ prevista una nutrita presenza bolognese al seguito della squadra; a questi va uno speciale plauso, sia perché si parla di un giovedì sera lavorativo, sia perché i chilometri sono 720, forse qualcosa in più.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy