Fortitudo a Treviglio, test di continuità per le aquile senza Flowers

Fortitudo a Treviglio, test di continuità per le aquile senza Flowers

Commenta per primo!

A esattamente un terzo di regular season, coach Boniciolli e la sua Fortitudo parte alla volta di Treviglio, la stessa Treviglio già conosciuta nel lontano 2010 (che poi così lontano non è, ma per quello che è successo nel frattempo sembra una vita fa) nel campionato di A Dilettanti.

La BluBasket è una squadra che negli anni ha trovato una sua solida quadratura nel campionato di B1, disputando anche stagioni di tutto rispetto. Quest’anno invece sta accusando il salto di categoria, e non poco. I bergamaschi infatti si ritrovano nel gruppone delle penultime a 6 punti,  vengono da 5 sconfitte nelle ultime 6 partite (vincendo tra l’altro a Verona ndr.) e da prestazioni poco convincenti a livello di gioco.

La Fortitudo invece arriva dalla confortante vittoria casalinga con Ravenna, facendo anche vedere ottime cose sul parquet. Sarebbe quindi il momento di dare una continuità a tutto questo, soprattutto in trasferta dove si sta faticando parecchio: la gara a Treviglio sarebbe un occasione ghiotta per realizzare ciò e per non far scappare il gruppo di testa guidato da Treviso.

BluBasket Treviglio:  squadra tanto giovane quanto corta. Coach Adriano Vertemati infatti manda a referto mediamente solo 7/8 giocatori, concedendo grande minutaggio allo starting five. In campionato sta viaggiando a 73 punti di media, spartiti piuttosto equamente tra i giocatori. I due riferimenti della squadra sono capitan Rossi, pivot 33enne di 206 cm a cui piace fare la voce grossa sotto i due canestri ed andare a rimbalzo d’attacco, e il play Marino. Quest’ultimo è grande passatore e tiratore, preferisce però correre in contropiede e tenere alti i ritmi, inoltre si prende molte responsabilità quando la partita è calda. La guardia titolare è il 21enne Tambone, giocatore giovane ma completo, con grande ball-handling e capacità di difendere su tutti gli esterni avversari. Le due ali titolari sono i due stranieri della squadra: il primo è Kyzlink, classe ’93 a cui piace tirare dalla distanza, il suo punto di forza è però la difesa, il giocatore ceco infatti è uno dei migliori difensori della categoria. Il secondo è il lituano Sorokas, ala di due metri con grande mobilità di piedi, capace di giocare sia fronte che spalle a canestro, ad oggi miglior marcatore dei suoi con 13 punti a partita. Dalla panchina contribuiscono alla causa la guardia Turel, ex Imola, che viene da un inizio di campionato difficile, e l’ala/pivot Chillo, ben conosciuto sotto le due torri visto che ha fatto l’intera trafila del settore giovanile Fortitudo indossando anche la fascia di capitano.

Fortitudo Bologna: ancora privi di Flowers i biancoblù dovranno fare gli extra in attacco, cosa che sta anche riuscendo bene visti i buoni momenti di Italiano, Raucci, Montano e di uno straripante Daniel. Sarà invece incerottato Candi, che ha un problema alla mano e probabilmente giocherà fasciato. Per il resto la squadra è al completo, Montano dopo l’infortunio sembra riaver trovato un’ottima condizione e gli exploit di Sorrentino non stanno facendo sentire l’assenza della guardia americana. Toccherà a Boniciolli far girare la squadra allo stesso modo in cui gira tra le mura del PalaDozza. Treviglio è una grande occasione.

La palla a due è fissata a domenica ore 18:00 al PalaFacchetti di Treviglio, gli arbitri saranno Bonfante di Vicenza, Yang Yao di Varese e Cailea di Sassari.

La diretta sarà come al solito trasmessa da Radio Nettuno e Nettuno Tv.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy