Fortitudo, presentato Valerio Amoroso: “Sono molto contento di essere qui. Posso dare ancora tanto e ambientarmi in fretta”

Fortitudo, presentato Valerio Amoroso: “Sono molto contento di essere qui. Posso dare ancora tanto e ambientarmi in fretta”

foto: www.fortitudo103.it

Archiviata la spiacevole parentesi della monetina lanciata all’indirizzo di coach Ticchi da un soggetto che con lo sport e la sportività non ha veramente nulla a che fare (gesto che è costato la squalifica del campo per un turno commutata in multa di 8000 euro che sarà pagata dall’associazione di tifosi “Per amore solo per amore”, nata nel 2010 per soccorrere l’Aquila in grande difficoltà, come annunciato a margine della conferenza dall’avvocato Federico Dettori portavoce della stessa) la Fortitudo guarda al futuro presentando ufficialmente il suo nuovo acquisto Valerio Amoroso che farà il suo esordio in biancoblu sabato contro Verona. A fare gli onori di casa è il DS fortitudino Davide Lamma che ripercorre i passi di una trattativa non semplicissima e che ha avuto felice conclusione dopo qualche colpo di scena: “ é stata una trattativa un po’ complicata perché prima si è presentata l’occasione di portarlo da noi, poi sembrava tutto destinato a sfumare ma quando si è ripresentata l’opportunità di riaprire il discorso siamo stati veloci ad agire e anche grazie alla voglia di Valerio abbiamo concluso il tutto e siamo siamo molto contenti. La società ancora una volta è stata fondamentale perché di fronte alla possibilità di migliorare un roster che comunque già stava facendo bene non si è tirata indietro e ha dato un ulteriore contributo importante dimostrando quanto tiene al buon operato della squadra. Il giocatore sta lavorando da due settimane per sistemare i piccoli problemi al ginocchio e tutto sembra partito con il piede giusto. E’ stato accolto bene dal gruppo e credo sia perfetto per inserirsi in questo contesto.” Giocatore con un curriculum di tutto rispetto e un passato anche in Nazionale, Valerio Amoroso è alla sua terza esperienza bolognese dopo aver giocato alla Virtus Bologna e alla Virtus 1934 ma l’emozione di giocare a Basket City e alla Fortitudo è difficile da nascondere e lui stesso non fatica ad ammetterlo: “sono contentissimo di essere arrivato qui. Una squadra e un ambiente come quello che circonda la Fortitudo era quello che cercavo sia dal punto di vista fisico per recuperare dai miei fastidi al ginocchio, perché hanno un centro medico di primo livello, che ambientale. Ho avuto un po’ di problemi all’inizio e ci vorrà un po’ di tempo per tornare al 100% ma piano piano riusciremo a fare tutto. Non vedo l’ora di cominciare a giocare, ieri ho fatto il primo allenamento in gruppo ed è stato buono. Dal primo giorno che sono arrivato a Bologna mi sono accorto di aver fatto la giusta scelta, anzi forse sarei dovuto venire qui prima”. Sulla stessa lunghezza d’onda Lamma che riprendendo la parola sottolinea il grande contributo del ragazzo per rimettersi in forma: “era ovvio che un po’ avrebbe faticato in principio ma lui non ha mai mollato e ha già regalato due tre chicche…Una delle sue più grandi qualità e quella di saper migliorare anche gli altri. Se tutto andrà come deve nel momento più opportuno sarà al top e ci darà un grande aiuto”. Quando si arriva in un ambiente nuovo, si sa, l’adattamento al sistema e il primo impatto con i nuovi compagni ha un peso fondamentale ma anche su questo il lungo campano sembra avere le idee molto chiare: “la prima impressione sui ragazzi è ottima. Molti già li conoscevo già e so che sono dei gran lavoratori. Giocare con il sistema di Boniciolli comunque rende tutto un po’ più facile”. Trentacinquanni sulla carta d’identità, tanta esperienza sulle spalle e la possibilità di ricoprire più ruoli vestendo i panni di un prezioso jolly nel ricco mazzo a disposizione di coach Boniciolli: cosa può dare Amoroso al gruppo? “Comincio con umiltà e in punta di piedi perché ancora non sono al massimo ma so che potrò dare tanto e nel momento più opportuno. Posso ricoprire sia il ruolo del cinque che quello del quattro adattandomi alle varie situazioni di necessità”. Inevitabili gli accenni alla suo passato bianconero casertano e virtussino e al mancato approdo a Scafati: ” fisicamente non stavo molto bene e loro avevano un po’ agevolato questa situazione. Nelle ultime due settimane passate là il clima era diventato molto pesante, il pubblico se l’è presa con me aggredendomi. Sono stato anche scortato dalla Polizia perché mi aspettavano fuori dal palazzo. La società non ha preso una posizione e allora ho deciso di andare via rinunciando anche ad una parte del compenso. A Scafati non sono funzionate alcune cose e allora ho deciso di non seguire più la strada di guadagnare tanto ma di andare in un contesto che funziona e in cui posso stare bene come qui. Alla Virtus invece poteva trasformarsi nell’opportunità di una vita e invece si è trasformata in un incubo ed è finita malissimo. Non sono riuscito a diventare il giocatore che poi ora sono”. Con un aggiunta di questo calibro per la categoria il tifoso Fortitudo sogna in grande ma Amoroso preferisce smorzare per un attimo gli animi chiamando in causa un inedito alleato: ” Sono napoletano e sono molto scaramantico”

Il sipario sul nuovo acquisto biancoblù è ufficialmente alzato così come l’asticella della competitività del roster e quella degli obiettivi ora la parola spetta al gioco e al campo che daranno l’ultimo e definitivo responso.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy