Inside A2 LNP CUP Final Eight – Verona ancora incompleta, ma il momento no è alle spalle

Inside A2 LNP CUP Final Eight – Verona ancora incompleta, ma il momento no è alle spalle

La Tezenis paga gli infortuni di Udom ed Henderson, ma guarda con ottimismo al prosieguo della stagione

di Jacopo Burati

Ricordo dolce-amaro per la Tezenis della Coppa Italia. Nel 2015, la formazione dell’allora coach Alessandro Ramagli conquistò il trofeo alle final six di Rimini. Torino e Ferentino caddero sotto i colpi di Umeh e compagni, ma quella stagione è ricordata più per il successivo tonfo al primo turno dei Playoff (dopo una stagione regolare dominata) che per il trofeo in bacheca. Tuttavia, da allora Verona non ha più assaggiato la competizione e l’appuntamento di Porto San Giorgio, con l’esordio di venerdì 1 marzo alle 14 contro la Virtus Roma, è un’ulteriore occasione di crescita per un gruppo falcidiato quest’anno dagli infortuni, ma con talento sufficiente per dare fastidio a tutti.

IL MOMENTO. Alle nove vittorie consecutive per chiudere il girone d’andata, hanno fatto seguito 5 sconfitte in fila per aprire quello di ritorno. Ora la formazione di coach Luca Dalmonte si è rimessa in carreggiata e riconquistato il quarto posto, grazie a tre vittorie filate (Treviso, Cagliari e Piacenza). Un toccasana importante per una formazione giovane, colpita dai problemi fisici di due giocatori poco appariscenti ma molto importanti come l’ala grande Mattia Udom e la guardia-ala americana Terry Henderson. Entrambi sono tornati ad allenarsi a ritmo ridotto, salteranno la coppa Italia, ma l’obiettivo è riaverli per la ripresa del campionato. Verona non ha mollato il sogno promozione e per raggiungerlo servono dei Playoff sontuosi.

LA CHIAVE. La pericolosità diffusa. Il quintetto veronese non ha un punto di riferimento preciso, nemmeno quel Jazzmarr Ferguson che dovrebbe essere la star del gruppo. Nella gara di Cagliari, la Tezenis ha avuto sei giocatori in doppia cifra, quattro contro la Bakery Piacenza (più Candussi a quota 9). Dalmonte ha sopperito bene alla teorica riduzione della rotazione coinvolgendo tutti quelli a disposizione, responsabilizzando Omar Dieng (classe 2000, 10 punti di media nelle ultime due) e dando sempre più fiducia a Iris Ikangi (21 punti totali tra Treviso e Cagliari).

IL PUNTO DI FORZA. Per tutto il resto c’è la precisione al tiro e il massiccio uso delle triple: addirittura 20/42 contro la Bakery e sicuro punto di forza di una squadra abbastanza sbilanciata sul perimetro, specie con Amato, Ferguson e l’ultimo, scatenato Serverini (6/7 da tre contro la Bakery). Tuttavia, la sensazione è che le squadre avversarie non possano permettersi di sguarnire l’area, perché Poletti, Candussi e a (brevi ma intensi) tratti anche Quarisa sono lunghi capaci di aggredire il canestro e garantire peso e sostanza vicino al ferro.

PUNTO DEBOLE. La difesa ha dimostrato di saper essere di buon livello quando viene chiesto uno sforzo importante e recentemente anche in maniera prolungata (vedi vittoria con Treviso), ma le caratteristiche tecniche difensive del miglior quintetto proponibile da Dalmonte non sempre sono affidabili: Poletti-Candussi peccano di mobilità, Amato-Ferguson non sono mastini sul pick and roll, Severini a volte fa fatica fisica in posizione di ala piccola.

LA SORPRESA. Decisamente Mitchell Poletti. fresca conoscenza della Tezenis, tornato a dicembre dopo la parentesi a Siena, ma capace in queste prime sei gare in gialloblu di compilare cifre inaspettate: 15.3 punti, 5.7 rimbalzi, il 65% da due e il 40% da tre. L’impatto è stato amaro con tre sconfitte con Mantova, Imola e Asscego Piazenza. Poi è tornato il sorriso.

ROSTER per la Coppa Italia:

0 – Omar Dieng – ALA – 201 cm
3 – Jazzmar Ferguson – PLAY/GUARDIA – 185 cm
4 – Mitchell Poletti – ALA/CENTRO – 204 cm
5 – Andrea Amato – PLAY/GUARDIA – 190 cm
9 – Giovanni Severini – GUARDIA/ALA – 197 cm
10 – Francesco Oboe – PLAY – 185 cm
13 – Francesco Candussi – CENTRO – 211 cm
20 – Mirko Cacciatori – GUARDIA – 190 cm
25 – Andrea Quarisa – CENTRO – 205 cm
35 – Iris Ikangi – ALA – 200 cm

Indisponibili:

15 – Terry Henderson – GUARDIA – 196 cm
22 – Mattia Udom – ALA – 200 cm

STAFF

Capo Allenatore – Luca Dalmonte
Assistenti Allenatore – Marco Gandini, Michele Dall’Ora
Preparatore Fisico – Matteo Ferrari

TOP SCORER – Jazzmar Ferguson – 16.0

BEST TWO POINTER – Andrea Quarisa – 67%

BEST THREE POINTER – Giovanni Severini – 44%

BEST REBOUNDER – Francesco Candussi – 7,9

BEST ASSIST MAN – Andrea Amato – 4.5

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy