Inside the A2 Est, 3a Giornata – La preview di Basketinside.com

Inside the A2 Est, 3a Giornata – La preview di Basketinside.com

Tutte le info e le analisi dei redattori sul prossimo turno nel girone Est di Serie A2 Citroën.

Commenta per primo!

Terza giornata di gare nel girone Est di Serie A2 Citroën. Tutte le gare si giocano domani con inizio alle 18.00.

 

Jesi: Aurora Basket-Andrea Costa Imola
Trieste: Alma-Proger Chieti
Ferrara: Bondi-Roseto Sharks
Cividale del Friuli: G.S.A. Udine-Ambalt Recanati
Bologna: Kontatto Fortitudo-OraSì Ravenna
Verona: Tezenis-Assigeco Piacenza
Casalecchio di Reno: Segafredo Virtus Bologna-Dinamica Generale Mantova
Forlì: Unieuro-De’ Longhi Treviso

 

Classifica
OraSì Ravenna 4, Segafredo Virtus Bologna 4,  Roseto Sharks 4, Aurora Basket Jesi 4, De’ Longhi Treviso 4, Tezenis Verona 2, Kontatto Fortitudo Bologna 2, G.S.A. Udine 2, Ambalt Recanati 2, Unieuro Forlì 2, Proger Chieti 2, Dinamica Generale Mantova 0, Bondi Ferrara 0, Alma Trieste 0, Andrea Costa Imola 0, Assigeco Piacenza 0

 

LE PARTITE

 

AURORA BASKET JESI – ANDREA COSTA IMOLA
Dove: UBI BPA Sport Center, Jesi (An)
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Perciavalle, Solfanelli, Fabiani
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/aurora-jesi-vs-andrea-costa-imola-2?lang=it

 

QUI JESI

Di Elisa Ortolani  Due successi su due partite disputate: questa la situazione di Jesi prima della terza giornata di campionato. Il primo in trasferta a Mantova, in obiettivo playoff, la seconda in casa contro Recanati per inaugurare l’UBI BPA Sport Center con un bel derby delle Marche, di fronte a un pubblico appassionato e discretamente numeroso. Una stagione aperta positivamente grazie soprattutto all’aiuto dei due USA di cui l’Aurora dispone, non rookies ma giocatori dotati di esperienza, uno degli elementi fondamentali che servono ad una squadra che punta alla salvezza confidando tendenzialmente sui giovani. Con un nuovo capitano -il terzo in tre stagioni- e un coach (quasi) nuovo, l’Aurora cerca di riscattare l’esperienza playout dello scorso campionato, e le due vittorie collezionate in apertura sono la piccola dose di positività che serve alla squadra per affrontare le sfide di quest’anno.
Damiano Cagnazzo (allenatore) –
 “La settimana post derby è proceduta regolarmente con sedute mirate al nostro miglioramento individuale e collettivo oltre che alla preparazione tecnico/tattica della partita; dopo una vittoria lo spirito è sempre positivo e gli stimoli per voler fare ancora meglio aiutano nel lavoro quotidiano in palestra. L’unico svantaggio potrebbe essere quello di ‘montarsi la testa’, ma siamo consapevoli del percorso che dovremo affrontare quest’anno e delle difficoltà che lo caratterizzeranno. La sfida con Imola presenterà diverse difficoltà: la prima consiste nel fatto che Imola è squadra con giocatori di talento ed esperienza capaci di segnare in molti modi, la seconda riguarda il sistema di gioco di Imola basato sull’attacco triangolo, che permette a loro di essere imprevedibili e pericolosi. L’ultima, ma non per importanza, sarà sicuramente il fatto che ci troveremo ad affrontare Michele Maggioli, giocatore che ha segnato un pezzo di storia dell’Aurora Basket”.
Note – Tutti i giocatori sono a disposizione di coach Cagnazzo.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass. L’incontro sarà disponibile da martedì sul canale YouTube Vallesina TV e sarà visibile sul canale 675 del digitale terrestre YouTVRS.

 

QUI IMOLA
Di Gianluca Dalmonte – Non è un momento facile quello che sta attraversando l’Andrea Costa Imola, che dopo due giornate di campionato si trova ancora a zero punti in classifica. Un minimo di conforto si può trovare nella consapevolezza che la prima sconfitta, in trasferta a Recanati, è arrivata beffardamente allo scadere, mentre la seconda, all’esordio casalingo, è stata inflitta da una Virtus Bologna parsa di un altro livello sul piano tattico e fisico. A scuotere l’ambiente ci ha pensato l’amministratore unico Domenicali, che ha invocato un atteggiamento di maggior sacrificio e intensità da parte dei propri ragazzi, e scambiato due battute sul caso Borra (ancora inutilizzato in campionato per problemi alla schiena): “ […] sull’infortunio di Borra bisogna cominciare a mettere dei paletti. Fino alla 5ª-6ª giornata può andare bene così, ma se non dovesse rientrare, allora bisognerà affrontare in altro modo la questione.” Il calendario non è certamente di aiuto alla formazione di coach Ticchi, attesa da due trasferte consecutive, la prima delle quali (domenica alle 18) contro una Jesi a punteggio pieno e in gran forma, la seconda a Roseto. Per risollevare gli animi serve un passo in avanti da parte di ogni singolo (luci puntate in particolare sugli americani, fino ad ora non brillanti), ma soprattutto una prova di carattere come squadra, per ripartire e riportare serenità in casa biancorossa.

Giampiero Ticchi (allenatore) – “Iniziare il campionato con una sconfitta a 2 decimi dalla fine e una prestazione come quella di domenica scorsa, non è la situazione migliore. Quello che vogliamo è avere una reazione, soprattutto rispetto alla prestazione che abbiamo avuto domenica in casa con la Virtus. Una partita che non abbiamo affrontato con la giusta determinazione e personalità e ne sono dispiaciuto. Abbiamo lavorato per fare in modo di non aver più questo atteggiamento passivo ma vogliamo lottare e cercare di affrontare tutte le partite al pieno delle nostre possibilità”.
Michele Maggioli (giocatore) – “Andiamo a Jesi dopo uno 0-2 iniziale e vogliamo portare a casa i primi due punti della stagione. Affrontiamo una squadra che viene da due vittorie ed è stata insieme a Roseto, per questo inizio, un po’ la sorpresa del campionato. Io da ex non posso che essere contento per Jesi per questo inizio, però dobbiamo andare in casa loro agguerriti, perche conoscendo Jesi mi aspetto il palazzetto pieno, e dobbiamo cercare di portare a casa 2 punti e di non regalare nulla”.
Note – In dubbio Jacopo Borra, alle prese con i fastidi alla schiena che gli hanno impedito di allenarsi con continuità anche questa settimana.
Media – La partita sarà trasmessa in streaming sulla piattaforma LNP TV per gli abbonati al servizio.  L’emittente televisiva DI.TV (canali 90 e 17 del digitale terrestre  in Emilia-Romagna, nella provincia di Pesaro e Urbino, e in parte del Veneto) trasmetterà la differita dell’incontro lunedì alle 22 ed in replica il giorno seguente.

 

ALMA TRIESTE – PROGER CHIETI
Dove: PalaTrieste “Cesare Rubini”, Trieste
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Cappello, Bonfante, Furlan
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/alma-trieste-vs-proger-chieti?lang=it

 

QUI TRIESTE

Di Marco Novello – L’Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste si presenta alla vigilia di questa terza giornata di campionato ancora al palo con nessun punto incamerato dopo le partite contro Treviso e Roseto. Nelle ultime due stagioni si può affermare che sia quasi un portafortuna incominciare male per i giuliani. Sia nel campionato 2014-2015 che in quello 2015-2016, infatti, i triestini partirono col piede sbagliato incamerando due sconfitte nelle prime due giornate, ma proprio nel terzo turno incominciarono le loro positive stagioni con una vittoria casalinga. La cabala vorrebbe che non vi sia due senza…, ma forse è meglio non correre troppo in là con l’entusiasmo perché quella di domenica non sarà di certo una partita dall’esito scontato. Per l’Alma infatti è ancora in forte dubbio la presenza di Andrea “Sunshine” Pecile, che ha già saltato la negativa trasferta in terra abruzzese, di certo una brutta notizia per l’allenatore Dalmasson che rischia di dover rinunciare anche per questa giornata ad uno dei suoi leader più carismatici e di esperienza. Per il resto tutti a disposizione dell’allenatore mestrino che spera di poter contare su un apporto migliore da parte della sua stella Jordan Parks, apparso un po’ sottotono in questo avvio di stagione. L’ala americana, infatti, ha dato l’impressione di giocare col freno a mano tirato in queste due prime uscite, giocando più per la squadra e senza lasciar spazio al proprio estro che gli aveva fatto guadagnare il soprannome di “Picasso” nell’ultimo campionato appena terminato. D’altra parte le uniche note liete di questo inizio campionato son rappresentate dall’ottimo rientro di Baldasso, autore di14 punti contro Roseto, dalla conferma dell’ottimo periodo di forma di Bossi e il rapido ambientamento nella categoria di Javonte Green. Domenica pomeriggio arriverà in terra giuliana Chieti, abile nell’ultima giornata ad imporsi a Ferrara. Ci sono tutti gli ingredienti per un’ottima partita, ma sarà solo il campo a dire se anche quest’anno la storia per Trieste potrà ripetersi.
Eugenio Dalmasson (allenatore) – 
“Per tanti aspetti sarà una partita particolare, ma anche una sfida che può adattarsi molto bene alle nostre caratteristiche. Dovremo metterci il massimo impegno, con la volontà di conquistare a tutti i costi il risultato. Di fronte troveremo una squadra che merita attenzione e rispetto, nelle prime due giornate sono primi per valutazione complessiva, un aspetto che sicuramente non è frutto del caso. Ma noi, pur considerando questo fattore, non possiamo permetterci un passo falso. Le nostre lacune tecniche dovranno essere colmate dall’entusiasmo, dalla voglia, dalla fame di conquistare i primi punti del nostro campionato, ancor più vista la settimana che abbiamo trascorso”.
Andrea Coronica (giocatore, capitano) – “Abbiamo una gran voglia di sbloccarci, di regalarci la prima gioia stagionale. È un momento difficile e ne siamo consapevoli, a prescindere dall’esito delle prime due partite. È stata una settimana di emozioni forti, impossibili da spiegare. La nostra forza dovrà essere quella di canalizzare tutto quello che è successo nella giusta direzione, non sarà facile ma abbiamo il dovere di provarci, dando ognuno il proprio contributo. Teniamo molto a questa partita e a dare una soddisfazione al nostro pubblico, al di là della classifica abbiamo un motivo veramente importante per mettere in campo tutto quello che abbiamo. Cercheremo la vittoria con tutte le nostre forze, per dedicarla a chi ha lasciato un vuoto così grande in tutto l’ambiente”.
Note – Roster quasi al completo per Eugenio Dalmasson. Tutti disponibili ad eccezione di Andrea Pecile, ancora costretto a vedere i compagni da bordocampo, complice un problema muscolare non ancora risolto. In occasione di questa partita, la società ha invitato tutte le squadre locali che partecipano a campionati giovanili, un modo per testimoniare vicinanza alla famiglia di Eugenio Rossetti, il giovanissimo cestista del BaskeTrieste mancato lo scorso martedì.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass. La partita sarà raccontata in diretta dall’emittente radiofonica locale Radioattività (fm 97.5/97.9, streaming www.radioattivita.com), aggiornamenti live sui social di Alma Pallacanestro Trieste, Facebook (https://www.facebook.com/pallacanestrotrieste2004/) e Twitter (https://twitter.com/PallTrieste2004).

 

QUI CHIETI

Di Gianfilippo Monti – Seconda trasferta consecutiva per la Proger Chieti, che si appresta a partire per Trieste, la trasferta più lunga della stagione. Dopo aver espugnato il PalaHilton Pharma di Ferrara per 84-72, la squadra di coach Galli ha voglia di continuare a stupire. La vittoria di Ferrara ha sicuramente conferito una maggiore consapevolezza dei propri mezzi, mostrando una Proger capace di soffrire e di reagire. Infatti, proprio come accaduto nel match casalingo con la Fortitudo, Chieti parte fin troppo diesel nel primo quarto. 25 punti Bologna, 29 Ferrara, sono il frutto di un inizio troppo timoroso da parte della squadra e coach Galli ha teso a sottolineare, in sala stampa dopo la vittoria di Ferrara, che questo è un aspetto su cui bisogna migliorare. C’è da sottolineare poi come la squadra riesca a reagire e mettere sui binari giusti un treno che sembrava deragliare, complice una difesa aggressiva e un attacco che sa il fatto suo. Con Bologna la Proger non è riuscita ad ottenere i frutti di questa crescita, ma contro Ferrara si è vista una squadra solida, capace di toccare anche i +19 e costringendo gli avversari a tiri forzati. Gigi Sergio è stato sicuramente l’uomo in più, freddo al tiro sia dalla media che dalla lunga distanza e mastino in difesa, vanificando dunque le speranze estensi di recupero. Impressionante la crescita di Matteo Piccoli, complimentato a fine partita da Yankel Moreno, mai domo quando scende sul parquet, confermando quanto di buono fatto anche nel precampionato; Venucci e Zucca, in queste prime due uscite, sembrano non temere il salto di categoria, elementi su cui fare affidamento quando Piazza e Martellaro devono tirare il fiato; e gli americani, Golden e Davis, danno quel senso di sicurezza e spettacolarità in più ad una squadra giovane, in parte nuova, ma con tanta voglia di fare bene. Tutti ingredienti per proseguire il lungo e tortuoso di A2, coach Galli chiede dunque attenzione, dedizione al lavoro settimanale e tanta voglia di migliorare e migliorarsi.
Pino Di Paolo (vice allenatore) – 
“Ci prepariamo ad affrontare una partita difficile. I triestini vengono da due sconfitte consecutive e giocano in casa, ricordiamo bene quanto il loro palazzetto sia un fattore importante, per il tifo e per il loro stile di gioco aggressivo che, specie nei match interni, sembra essere ancora più deciso. Dovremo essere bravi a gestire il ritmo e dovremo, come abbiamo fatto con Ferrara, limitare il numero delle palle perse, perché la caratteristica principale nei nostri prossimi avversari è il gioco in transizione. Inoltre reputo che sarà necessario avere un buon equilibrio in attacco in modo da avere buone percentuali, come nell’ultimo quarto della gara di domenica scorsa. Nella passata stagione tirammo con solo il 28% dal campo e quindi cercheremo di migliorare soprattutto questo aspetto. Dovremo contrastare la loro forte fisicità, prestando la massima attenzione anche ai dettagli più marginali”.
Cade Davis (giocatore) – “Penso che la mia condizione fisica sia visibilmente migliorata, ritengo comunque che io debba continuare a lavorare duro per evitare cali psicofisici, specie nell’ultimo quarto. Ci alleniamo duramente durante la settimana per essere pronti la domenica, non solo sul campo ma anche in palestra. Il nostro coach inoltre è molto preparato e presta molta attenzione al modo di giocare dei nostri avversari, facendoci osservare tramite video i loro movimenti e soprattutto i loro punti di forza. So che Trieste è una squadra molto aggressiva, specie in casa. Hanno perso le prime due gare stagionali e sicuramente ci terranno a conquistare la prima vittoria davanti al loro pubblico, quindi per tornare vittoriosi dobbiamo essere pronti sia fisicamente che mentalmente”.
Note – Tutti a disposizione di coach Massimo Galli.
Media – La gara, oltre ad essere visibile in diretta streaming esclusiva su LNP TV Pass, sarà anche seguita con aggiornamenti play by play, curati dai nostri due inviati Federico Ionata e Gianfilippo Monti, sul profilo Facebook della Pallacanestro Chieti (https://www.facebook.com/pallacanestrochieti/).

 

BONDI FERRARA – ROSETO SHARKS
Dove: Pala Hilton Pharma, Ferrara
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Di Toro, Capurro, Capozziello
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/bondi-ferrara-vs-roseto-sharks-2?lang=it

 

QUI FERRARA
Di Andrea Mainardi – Un inaspettato avvio di campionato col freno a mano tirato costringe già a dover vincere a tutti i costi la partita di domenica al Pala Hilton Pharma contro Roseto. Ci saranno incroci interessanti dato il recente passato di Tony Trullo e Yankiel Moreno con gli abruzzesi, ma i sentimenti dovranno essere messi da parte. Le prime due sconfitte patite contro Forlì e Chieti sono figlie di una preparazione estiva funestata da troppi infortuni, la chimica giusta quindi deve ancora essere trovata. In entrambe le gare poi la Bondi ha dato battaglia per tre quarti per poi cedere di schianto nei primi dieci minuti (a Forlì) o nell’ultima frazione (contro Chieti). A questo si aggiungono poi i problemi di falli in cui sta incappando Bowers, elemento cardine per i biancoazzurri che non possono permettersi di tenerlo troppo in panchina. Roderick poi deve ancora calarsi alla perfezione nel gioco di Trullo e ne risente un attacco ancora troppo lontano dal suo reale valore. Di buono c’è la conferma di Riccardo Cortese come uno dei leader in campo e di Francesco Pellegrino che ha messo in fila prestazioni assolutamente solide sotto canestro. Attenzione massima dunque contro gli Sharks che hanno già messo in mostra un realizzatore da oltre trenta punti di media come Adam Smith, senza tralasciare poi due grandi ‘vecchi’ di questo campionato come Robert Fultz e Valerio Amoroso.

Andrea Bonacina (assistente allenatore) – “Incontriamo una squadra come Roseto che è in grande fiducia, dopo aver vinto le prime due partite di campionato contro Verona in trasferta ed in casa con Trieste. È una squadra molto ben definita a livello di gerarchie e d’esperienza, a partire dal loro capitano Fultz, play-maker titolare, per finire da Amoroso, ala forte che non ha bisogno di presentazioni. La punta di diamante al momento è la loro guardia americana Adam Smith, autore di 62 punti in sole 2 partite: grande tiro da fuori, abilità nel pick&roll, gioca molto con la palla in mano. Sotto canestro siamo in attesa di scoprire se la società abruzzese riuscirà a tesserare in tempo l’ultimo arrivato, lo statunitense Sherrod. Dovremo fare attenzione ai loro obbiettivi, che sono lineari: il pick&roll di Fultz, l’abilità dal post basso ed il pick&pop di Amoroso e poi il talento di Smith. Quello che ci servirà per vincere è una grande attenzione alle caratteristiche individuali dei loro giocatori, non possiamo permettere a Roseto di giocare la partita in tranquillità. Dovremo reagire dopo la sconfitta casalinga, ci teniamo a dare la prima gioia stagionale ai nostri tifosi”.
Note – A livello di roster, tutti disponibili per coach Trullo che per la prima volta in stagione è riuscito a fare una settimana d’allenamento con la rosa al completo.
Media – La partita sarà trasmessa su LNP TV Pass. Aggiornamenti in tempo reale per i parziali di ogni quarto sugli account ufficiali Facebook e Twitter della società. Appuntamento del lunedì ore 18.30 con la telecronaca della partita su Tele Ferrara Live (canale 188) e alle ore 20.10 “Basket In” su Telestense (Ch. 16 e 113). Martedì ore 23.00 telecronaca della partita su Tele Ferrara Live (Ch. 188).

 

QUI ROSETO

Di Piergiorgio Stacchiotti – Godiamoci il momento, sapendo che presto potrebbe terminare. E’questo il messaggio che trapela nelle ultime ore in casa Roseto Sharks, dopo il super avvio di stagione che li ha visti prima espugnare Verona e poi regolare l’Alma Trieste al PalaMaggetti. L’idea di fare lo scherzetto nella nuova casa dell’ex coach Tony Trullo di certo non manca. Per questo Di Paolantonio e il suo staff stanno studiando delle mosse particolari per placare le bocche da fuoco estensi. Infatti gli ultimi due allenamenti della squadra sono stati svolti eccezionalmente a porte chiuse, onde evitare che, anche bonariamente, qualche vecchio amico del ‘rosetano lavoratore a Ferrara’ Trullo potesse svelargli in anteprima le soluzioni ideate dal suo ex vice in biancazzurro. In settimana è stato ufficializzato il nome del nuovo americano che andrà a sostituire Maurice Briggs, tagliato alla vigilia dell’avvio della stagione. Brandon Sharrod non sarà della partita a Ferrara ma in prospettiva, al di là dei mezzi tecnici, regalerà agli Sharks una varietà maggiore di soluzioni tattiche. Lo statunitense dovrebbe fungere da pivot in difesa e da ala grande in attacco, scambiando la posizione con Amoroso, ma in certe fasi potrebbe anche giocare assieme ad altri lunghi (Amoroso e Fattori) che in passato hanno già ricoperto lo spot di ala piccola. Fatta eccezione per l’ultimo arrivato e per Mirko Gloria, ai box ancora per diversi mesi, coach Di Paolantonio dovrebbe avere a disposizione l’intero roster.
Emanuele Di Paolantonio (allenatore e direttore sportivo) – 
“Affrontiamo in trasferta una squadra costruita con ben altri obiettivi rispetto ai nostri come Ferrara, che avrà inoltre grande voglia di rifarsi dopo i risultati delle prime due giornate: per questo sarà una gara estremamente difficile. Dovremo provare ad imporre il nostro gioco sul campo di una Bondi forte ed attrezzata in ogni reparto, consapevoli delle difficoltà che andremo ad incontrare, ma cercando di fare un ulteriore passo avanti in ottica di costruzione”.
Giovanni Fattori (giocatore) – “Per una squadra completamente nuova partire con due vittorie è sicuramente molto positivo, anche perché accelera il nostro processo di conoscenza reciproca. Abbiamo rotto il ghiaccio nel migliore dei modi, ma non dobbiamo commettere l’errore di adagiarci: con quattro punti non si va da nessuna parte, quindi servirà mantenere sempre alta la concentrazione e prepararsi ad affrontare i momenti difficili che ogni stagione riserva. Molto del merito di questo inizio va anche allo staff, con cui c’è sano e costruttivo confronto in ogni allenamento, e questo è un altro aspetto che aiuta a migliorarci e tenere sempre più compatto il gruppo”.
Note – Eccezion fatta per il neo-acquisto Brandon Sherrod e per Maurizio Cantarini che ha rimediato un trauma al ginocchio, coach Di Paolantonio avrà tutti i suoi effettivi a disposizione nella trasferta estense. È infatti in via di recupero l’ala Riccardo Casagrande, già in campo per qualche minuto domenica scorsa nella sfida casalinga vinta contro Trieste.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass.

 

GSA UDINE – AMBALT RECANATI
Dove: Palasport via Perusini, Cividale del Friuli (Ud)
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Galasso, Foti, Chersicla
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/gsa-udine-vs-ambalt-recanati?lang=it

 

QUI UDINE

Di Michela Trotta – Apu Gsa Udine e Ambalt Recanati si affrontano nella terza giornata di campionato con un bilancio identico: stessi punti in classifica, una vittoria e una sconfitta. Ma a Cividale del Friuli (UD), campo di gioco della formazione di casa, c’è grande attesa perché in settimana è sbarcato in Italia l’americano Allan Ray, un neoacquisto con i fiocchi per la società del presidente Pedone che a stagione già iniziata ha dovuto sostituire Delegal e Laser. Con l’arrivo del secondo straniero, si completa finalmente il roster friulano e coach Lardo ora può davvero fare sul serio. Udine dovrà cavalcare l’onda della vittoria raggiunta la scorsa settimana a Piacenza, la prima della sua giovane storia, anche se comunque capitan Pierini e compagni possono nascondere delle insidie. Infatti, i leopardiani hanno sì perso la partita contro Jesi (61-68), ma all’esordio hanno piegato Imola a soli 2” dalla fine, dimostrando di poter stare in partita fino alla fine grazie a un gruppo solido e compatto. Per domenica sera si prospetta il sold out a Cividale: considerando la sfida tra i due “big” Lardo-Calvani e l’arrivo di Allan Ray, lo spettacolo è garantito.
Lino Lardo (allenatore) – 
“Recanati, prima di tutto, è guidata da un bravo allenatore. Ciò detto, si tratta di una squadra solida e quadrata che gioca una pallacanestro essenziale e redditizia. La coppia di americani è ben assortita e s’innesta con un importante nucleo di giocatori italiani. Dovremo esprimerci al massimo per battere i marchigiani”.
Joel Zacchetti (giocatore) – “Torniamo a giocare in casa con l’idea di cogliere il primo successo tra le nostre mura amiche dopo avere rotto il ghiaccio domenica scorsa a Piacenza. Ci vorrà la migliore Apu Gsa per vincere. Allan Ray è arrivato da pochi giorni, avremo bisogno di tempo per amalgamarci, ma credo che potrà darci già da subito una mano”.
Note – Riccardo Castelli è temporaneamente ai box a causa di un attacco influenzale, ma si cercherà di recuperarlo in extremis. Michele Ferrari, invece, non sarà sicuramente della partita a causa di un problema alla schiena. Mercoledì è arrivato in Friuli Allan Ray che esordirà proprio domenica. L’attesa in città e in provincia è febbrile. La prevendita è proseguita nel corso della settimana a gonfie vele tanto che sono già stati staccati oltre 400 biglietti.
Media – L’emittente Udinese Tv (canale 110 del digitale terrestre in Fvg e 195 in Veneto) trasmetterà in diretta il prepartita con Massimo Fontanini e Gian Bosio al microfono, lo studio a metà gara e le interviste del post partita curate dallo stesso Fontanini, mentre la differita andrà in onda lunedì alle 23.30. Diretta streaming su LNP Tv Pass. Aggiornamenti in tempo reale alla fine di ogni quarto sia sul profilo Facebook (www.facebook.com/apugsaudine) che su quello Twitter (www.twitter.com/apudine) dell’Apu Gsa.

 

QUI RECANATI
Marco Calvani (allenatore) – 
“Udine è una squadra importante, per quello che era e per quello che ha fatto la scorsa stagione con la promozione in A2, ed attualmente con l’inserimento di Allan Ray,oltre a giocatori che hanno fatto la Serie A, vedi Traini,Cuccarolo e Vanuzzo. Hanno perso la prima in casa contro Ravenna, ma hanno subito risposto a Piacenza in un campo difficile, dimostrando il loro valore. Sappiamo benissimo che Udine è un test difficile, ma che abbiamo le qualità per far bene come squadra, in quanto rivedendoci la partita contro Jesi abbiamo preso coscienza di quanto buono abbiamo fatto, correggendo inoltre le negatività non avendo  a tratti rispettato il piano partita. Udine-Recanati sarà pertanto una partita incerta per quanto concerne il risultato, essendo due buone squadre che hanno voglia di confermare quanto di buono hanno fatto: noi nella prima partita ed Udine domenica scorsa”. 
Massimiliano Fossati (giocatore) – “Sarà una partita tosta e difficile, come d’altronde tutte in questo campionato. Tre quarti della squadra di Udine la conosco molto bene, in quanto l’ho vista lo scorso anno ai playoff. Gran parte del roster è rimasto, ultimamente hanno aggiunto oltre a Cuccarolo gli stranieri Okoye e Allan Ray, oltre all’ex leopardiano Andrea Traini in cabina di regia. Ciò che fa paura è che si tratta di un gruppo che gioca insieme da un anno, dove hanno ottenuto  un’importante promozione in A2, al termine di un ottimo campionato, grazie soprattutto ad una grande intensità difensiva, il loro punto di forza. Noi comunque ce la metteremo tutta come sempre per sovvertire il pronostico”.
Note – In settimana cambio della “guardia” all’Ambalt Recanati. Infatti è partito Korey Billbury, rilasciato dal Basket Recanati dopo aver effettuato la pre-season senza l’utilizzo del visto. Al suo posto è arrivato da Okemos (Michigan) l’atleta USA Richard Travis Bader (’91), guardia di 196 cm che vanta il record dei canestri da tre punti (504) realizzati nella storia della NCAA con la maglia di Oakland, con una media del 40,5%, oltre ad un ottimo 94,3% ai liberi. Richard Travis Bader nell’Ambalt indosserà la maglia numero 3, che aveva sin dai tempi del college. Già a posto con le pratiche per il visto, se sarà risolto a tempo di record l’iter burocratico del tesseramento potrà fare il suo esordio in terra friulana. Due ex nel match Udine-Recanati, entrambi tra le file friulane: si tratta del play Andrea Traini (’92), che ha militato con Recanati nelle stagioni 2012-13 e 2015-16, mentre Riccardo Castelli (’88) venne ingaggiato dal Basket Recanati nel corso della campagna di rafforzamento nel febbraio 2013: l’ala piemontese contribuì alle fortune del sodalizio leopardiano, che alla fine di quella stagione ottenne l’ammissione in DNA Silver. Anche in terra friulana, la seconda trasferta più lunga del campionato con oltre 500 km di distanza da Recanati, la formazione gialloblù non sarà sola: infatti sarà presente la Brigata Leopardiana, oltre a numerosi supporter con macchine private al seguito della squadra.
Media – La gara Apu GSA Udine–Ambalt Recanati sarà trasmessa, per gli abbonati al servizio, in diretta streaming sulla piattaforma LNP TV Pass. Aggiornamenti in tempo reale sui canali social Facebook e Twitter dell’Ambalt Recanati. La partita, prodotta da On Air Tv, sarà trasmessa in differita su TVRS Marche Canale 11 lunedì 17 ottobre  alle ore 20.15 e in replica martedì 18 alle ore 12.45 sul Canale 111. Differita anche su È TV Marche (canale 12) lunedì 17 ottobre alle ore 23.15.

 

KONTATTO BOLOGNA – ORASÌ RAVENNA
Dove: PalaDozza, Bologna
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Beneduce, Ascione, Ferretti
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/kontatto-f-bologna-vs-orasi-ravenna?lang=it

 

QUI FORTITUDO BOLOGNA      

Di Matteo Airoldi – Lo stiramento rimediato ai flessori della gamba destra da Chris Roberts complica e non poco le cose per la Fortitudo Kontatto che in una situazione d’emergenza si appresta ad affrontare una formazione mlto ben preparata come l’OraSì Ravenna che al contrario arriva al PalaDozza molto galvanizzata per i quattro punti in classifica sin’ora ottenuti. Oltre all’assenza del play titolare Michele Ruzzier, quindi, la Fortitudo sarà quasi certamente costretta a fare a meno anche della sua guardia USA che, partita con Verona a parte, ha sempre garantito un cospicuo bottino di punti. E proprio la pessima prestazione di domenica scorsa dovrà essere per i biancoblu lo stimolo in più per tirare fuori più carattere e cattiveria e per cercare un immediato riscatto che permetterebbe di riprendere subito la corsa. In attesa di capire poi se il sogno chiamato Carlos Delfino si concretizzerà o se verrà tesserato il play Gianluca Marchetti per sopperire alla mancanza di Ruzzier che ne avrà ancora per un po’, Boniciolli deve fare con quel che ha – che comunque per la categoria è decisamente qualcosa di eccellente – per cercare di mettere in difficoltà la squadra allenata dal suo ex assistente ai tempi della Virtus Roma, Antimo Martino, che lo stesso coach triestino ha definito uno dei giovani e più promettenti coach del panorama nazionale. La chiave per un eventuale successo biancoblu, oltre alla spinta dei 5000 del PalaDozza che dovrà essere vissuta come un punto di forza e non di pressione, potrebbe essere l’approccio iniziale che dovrà essere indubbiamente molto più grintoso e aggressivo per cercare di mettere subito in difficoltà l’avversario ed evitare di galvanizzarlo. Giocatori come Raucci, Italiano e Mancinelli saranno fondamentali per poter ottenere questo.
Stefano Mancinelli (giocatore) – 
”Tornare a Bologna dopo tanto tempo e perdere la prima in casa non è stato il massimo. Con questo non dobbiamo deprimerci. Abbiamo commesso un errore ma pensiamo già a Ravenna, che non ha vinto le prime due partite per caso. Sarà una partita da giocare come una finale, con quello spirito che dovremo mettere sul parquet anche in tutte le altre gare della stagione. Nel precampionato, da loro abbiamo perso, ma questo non ci condizionerà. Sapremo reagire. Stiamo facendo le cose giuste, allenandoci nel modo migliore. Sarà fondamentale iniziare con un approccio da Fortitudo. Continuo a pensare che quasi tutto dipenda da noi. Se con Verona avessimo giocato dall’inizio come abbiamo fatto nel terzo e nell’ultimo quarto, probabilmente avremmo vinto la partita”.
Leonardo Candi (giocatore) – ”Non ha senso guardarsi alle spalle, vogliamo solo rifarci davanti al nostro pubblico. La settimana di allenamenti è stata tosta, abbiamo lavorato molto sulla difesa perché anche quest’anno, se vogliamo essere competitivi fino in fondo, non potremo prescindere dalla miglior difesa possibile. È pressochè automatico che quando subisci 52 punti in un tempo, ogni azione offensiva è molto più complessa da portare a termine e non è un caso che, contro Verona, abbiamo segnato solo 26 punti. Resettiamo tutto e ripartiamo, Ravenna è molto forte e lo sta già dimostrando ma anche noi siamo certi di non essere la squadra vista domenica scorsa e vogliamo subito tornare a dimostrare il nostro vero valore”.
Note – Assente Michele Ruzzier. In dubbio Chris Roberts a causa di uno stiramento ai flessori della coscia destra.
Media – Diretta tv su TRC (canale 15 digitale terrestre in Emilia Romagna) e streaming su LNP TV Pass.

 

QUI RAVENNA

Di Giuseppe Mele – È un’OraSì reduce dalla vittoria nel primo storico derby contro Forlì quella che si presenterà domenica alle 18 al PalaDozza di Bologna per affrontare la Fortitudo. La partita si preannuncia come un appuntamento importante ma anche molto difficile per i giallorossi che, oltre alla caratura della compagine bolognese, dovranno fare i conti con il fattore PalaDozza. Il pronostico pende tutto dalla parte bianco-blu, che cercherà di riscattarsi dalla brutta prova offerta contro Verona, ma dovrà comunque fare i conti con un’OraSì in gran forma: se la squadra di Antimo Martino riuscirà a fornire una buona prova corale, mettendo in campo la stessa intensità difensiva offerta nelle prime due gare della stagione, sarà in grado di mettere in grande difficoltà la Fortitudo Bologna che, ancora priva di Michele Ruzzier in cabina di regia, sa di non può sbagliare per non incappare in quella che sarebbe la seconda sconfitta casalinga consecutiva e per non perdere il contatto con le prime posizioni.
Antimo Martino (coach) –
 “Ci aspetta una sfida affascinante, contro una squadra blasonata, in un palazzetto storico e davanti a 5000 persone. Al di là della propria fede sportiva si tratterà di un’emozione speciale che dobbiamo vivere con gioia. Troveremo una squadra molto arrabbiata per l’ultima sconfitta e che vorrà subito ritornare a fare quello a cui è abituata e soprattutto quello per cui è stata costruita. Noi dovremo essere bravi prima di tutto a limitare il loro impatto emotivo e poi, al di là dei vari aspetti tecnico-tattici, a pareggiare la loro energia e intensità, perché questo è l’unico modo per provare ad essere competitivi. Sappiamo che sarà dura, ma vogliamo andare a Bologna con coraggio e con il desiderio di dare continuità a quanto di buono stiamo facendo. È sempre un piacere per chi fa sport a questi livelli giocare partite del genere, e dobbiamo viverle con gioia perché  questo è l’unico modo per provare ad essere competitivi contro squadre del livello della Fortitudo”.
Stefano Masciadri (giocatore) – “Ci aspetta una partita tosta in un campo difficile, e il fatto che loro abbiano perso settimana scorsa non ci aiuta, perché sicuramente giocheranno con ancora più energia. Dopo la brutta prestazione contro Verona mi aspetto una reazione forte da parte di tutto il palazzetto e il nostro compito è quello di eguagliare la loro energia, soprattutto nei primi minuti del match. Dobbiamo fare le nostre cose, andare a Bologna con serenità sapendo che è una partita complicata e che avremo bisogno di giocare la nostra migliore pallacanestro”.
Note – Roster al completo.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass.

 

TEZENIS VERONA – ASSIGECO PIACENZA
Dove: AGSM Forum, Verona
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Tirozzi, Pazzaglia, Capotorto
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/tezenis-verona-vs-assigeco-piacenza?lang=it

 

QUI VERONA

Di Jacopo Burati – Parola d’ordine a casa Tezenis: piano con l’euforia. Il rischio dopo l’impresa di Bologna contro la Fortitudo, pur contro una formazione acciaccata e priva di un elemento importante come Ruzzier, è stato subito affrontato da Fabrizio Frates. Il coach ha mantenuto un invidiabile equilibrio, sia dopo il capitombolo contro Roseto, sia dopo la tonante vittoria di domenica scorsa. Ma qual è la vera Verona? Quella poco incline a piegare le gambe in difesa, che si è fatta prendere dal panico e le ha prese dagli Sharks, o quella famelica, che cavalca ogni onda positiva e si “mangia” la quotata Fortitudo? Probabile che la verità stia nel mezzo. Di certo pare, da queste prime due giornate, che la squadra veronese sia emotiva e sia influenzata nell’atteggiamento dagli avvenimenti (positivi o negativi) del campo. Ma è inoltre vero che il gruppo al completo è insieme da poco e ha intrapreso un buon percorso di crescita, anche per la bella unità d’intenti che si respira a tutti livelli, sia tecnico sia societario. Il tempo dirà la verità: il talento c’è, e per spingere i più giovani a rendere serve la leadership e il carisma dei veterani, che non mancano. Per esempio Dawan Robinson: poco coinvolto e pasticcione alla prima giornata, leone infermabile, fin troppo aggressivo (vedi “litigio” con la Fossa) a Bologna. Poi David Brkic: un allenamento alle spalle e non entrato alla prima giornata, pedina fondamentale per Frates contro la Fortitudo per l’atipicità e l’esperienza. Dane Diliegro, problemi di falli a parte, ha confermato la sua affidabilità. Giorgio Boscagin, nonostante non abbia più l’esplosività di un tempo, può rendersi utile in tutti i modi (8 rimbalzi). E poi c’è il “giovane-vecchio” Marco Portannese a dare fisicità e talento in maniera continuativa. I giovani virgulti ringraziano, a partire dal rookie Michael Frazier (0/6 da tre contro Roseto, 27 punti a Bologna), passando per le prove coraggiose di Nicolò Basile e Leonardo Totè. Insieme si cresce.
Fabrizio Frates (allenatore) –
 “Ci aspetta una partita molto pericolosa. Perché Piacenza viene da una sconfitta in casa ed avrà certamente tanta voglia di riscatto dopo aver giocato una buona prima gara con Bologna. Dall’ultima prestazione casalinga saranno rimasti certamente sorpresi e avranno tutta l’intenzione di rifarsi. Per quel che riguarda noi dovremo confermare la splendida prestazione di domenica in casa della Fortitudo. Adesso bisogna continuare su questa strada senza perdere di vista concetti importantissimi come l’umiltà e l’identità di squadra che stiamo sempre più acquisendo”.
Dawan Robinson (giocatore) – “Se vogliamo giocare un campionato di vertice dovremo assomigliare molto ogni domenica alla Tezenis che ha vinto a Bologna e non a quella che ha perso la prima con Roseto. Credo che la vera nostra faccia sia quella fatta vedere contro la Fortitudo, ma ogni gara ha i suoi rischi. Compresa quella con Piacenza. Vogliamo il sostegno del nostro pubblico, ne abbiamo bisogno perché con un palazzetto pieno sono sicuro sapremo esprimerci ancora meglio. Sono stati fantastici i tifosi che ci hanno incitato a Bologna, vorrei ce ne fossero tanti domenica per una partita che di sicuro semplice non è”.
Note – Ancora assente Giovanni Pini. Saranno Alessandro Tirozzi di Bologna, Jacopo Pazzaglia di Pesaro e Gianluca Capotorto di Palestrina (Rm) ad arbitrare Tezenis Verona-Assigeco Piacenza, gara della terza giornata del campionato di Serie A2 Citroën in programma all’Agsm Forum domenica 16 ottobre. Segnapunti Damiano Marini, cronometrista Alessandra Parisi, al cronometro dei 24” Marco Alessio. La palla a due alle 18.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass. Sintesi lunedì su Telenuovo dalle 18. Alle 18.40 l’approfondimento MarioBasket, con commenti sulla partita ed ospiti in studio.

 

QUI PIACENZA

Di Simone Efosi – Ancora a secco di vittorie la Assigeco Piacenza, che dopo le prime 2 giornate di campionato, non è riuscita nell’intento di regalare un successo in rapidità alla città di Piacenza, che da tempo attendeva il ritorno del Grande Basket al PalaBanca. La formazione rossoblu, capitanata da Luca Infante, vecchia conoscenza dei cittadini con quella Morpho Piacenza che anni fa fece definitivamente innamorare della palla a spicchi la città Farnesiana, non è riuscita a imporsi all’esordio contro la Virtus Bologna nonostante la bella partita del suo fuoriclasse per eccellenza Kenny Hasbrouck. Non è andata meglio la settimana scorsa, all’inaugurazione casalinga, dove non è bastata la leadership di Capitan Infante per contrastare un Okoye da 25 punti, che ha regalato a Udine la vittoria complice anche un 4° periodo della Assigeco tenuta a soli 6 punti realizzati. Piacenza torna in campo nel week end per affrontare la Tezenis Verona, dove la leadership di Infante e il talento individuale di Hasbrouck e Bobby Jones saranno fondamentali nel tentativo della Assigeco di espugnare il difficile campo in territorio veneto e cogliere la prima vittoria della sua stagione e della sua storia. 
Marco Andreazza (allenatore) – 
“La squadra si è ritrovata in palestra dopo la sconfitta con Udine con la consueta voglia e serietà. Abbiamo bisogno di consolidarci come gruppo a questo livello e questo può avvenire con le buone prestazioni ma anche con una vittoria importante per il morale dei ragazzi. Affrontiamo una grandissima squadra, ottimamente allenata, costruita per vincere. Loro hanno giocato due partite agli antipodi perdendo malamente in casa contro Roseto e dominando a Bologna. Dovremo essere umili e concentrati per 40 minuti cercando di non farli infiammare e provando ad alzare la qualità dei nostri attacchi contro una difesa fisica come la loro”.
Kenny Hasbrouck (giocatore, guardia) – “Le ultime due partite le abbiamo perse in modo deludente in quanto ci siamo sopravvalutati, sentendoci meglio di come invece abbiamo giocato effettivamente. Abbiamo concesso troppi rimbalzi offensivi e avuto troppo pochi cambi, dovuti alle assenze per infortunio di tre dei miei compagni. Stiamo crescendo come squadra e continueremo a migliorare ogni giorno di più, tutti insieme. La nostra prossima partita sarà una prova per la nostra volontà di batterci e di capire quanto siamo in grado di crescere insieme”.
Note – Il playmaker Valerio Costa, l’ala Matteo Formenti e l’ala grande Dincic sono infortunati: per i tre prosegue il piano di recupero. Tutti gli altri a disposizione di coach Andreazza.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass. L’incontro sarà raccontato in diretta sul profilo Facebook (www.facebook.com/uccassigecopiacenza/) e da lì sul sito www.uccassigecopiacenza.it.

 

SEGAFREDO BOLOGNA – DINAMICA GENERALE MANTOVA
Dove: Unipol Arena, Casalecchio di Reno (Bo)
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Masi, Pepponi, Longobucco
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/segafredo-v-bologna-vs-dinamica-generale-mantova?lang=it

 

QUI VIRTUS BOLOGNA

Di Matteo Capelli – La Virtus arriva all’impegno di domenica all’Unipol Arena contro gli Stings di Mantova nel miglior momento possibile dal punto di vista dei risultati: due vittorie su altrettante partite e primo posto in classifica da condividere con Treviso, Jesi, Roseto e Ravenna. Due successi tutto sommato tranquilli per la truppa capitanata da coach Ramagli e la sensazione di una qualità di gioco in crescita: mentre all’esordio con Piacenza le Vunere ci hanno messo un po’ prima di prendere il largo, la trasferta di Imola, che potenzialmente era molto insidiosa, è stata dominata per 40 minuti con lunghi tratti di eccellente pallacanestro, nonostante le pesanti assenze dei veterani Ndoja e Michelori. Quest’ultimi dovrebbero essere a disposizione per la gara con la Dinamica, contribuendo così ad allungare le rotazioni del roster bolognese. Rotazioni che finora sono rimaste piuttosto ampie grazie soprattutto all’impatto positivo di tutti i giovanissimi provenienti dal settore giovanile bianconero: Penna e Petrovic hanno svolto un ruolo fondamentale contro Piacenza, Pajola ed Oxilia sono stati strordinari in quel di Imola. Decisive anche le prestazioni dei due americani, con un Lawson che sta confermando le buone cose mostrate a Recanati e un Umeh in crescita di condizione fisica dopo il rientro dalle Olimpiadi. La Virtus ora è chiamata alla conferma nelle parti alte della classifica. Non sarà una sfida facile quella contro la Dinamica Mantova perché le due W hanno aumentato la pressione sulle spalle degli uomini di Ramagli.
Alessandro Ramagli (allenatore) – 
“Siamo una squadra nuova, potremo tirare una prima riga alla fine del girone di andata. Domenica, dopo la vittoria di Imola, avevo parlato del diritto dei miei giocatori di festeggiare un bel successo, ma anche della necessità di voltare pagina al rientro in palestra. Così è stato: abbiamo lavorato pensando alla prossima partita, concentrati sulla Dinamica, che dobbiamo attendere alla Unipol Arena col massimo rispetto”.
Klaudio Ndoja (giocatore) – “Il nostro momento è molto positivo, la squadra è equilibrata, con due americani di spessore e tanti giovani che fanno bene la loro parte. Io spero di esserci, ho voglia di iniziare davvero questa avventura dopo lo stop delle prime due giornate. Ritrovo Mantova: mi è dispiaciuto andare via perché avevo coltivato belle amicizie e venivamo da un campionato per niente negativo, ma sono felice di essere approdato in una società come la Virtus”.
Note – Buone notizie per Klaudio Ndoja e Andrea Michelori. Entrambi hanno ripreso ad allenarsi col gruppo già da mercoledì, e sono pronti a rientrare nel roster. Ex di turno: Klaudio Ndoja ha giocato nella Dinamica Generale nella stagione 2015-2016, viaggiando a 12.6 punti e 5.3 rimbalzi di media-partita in stagione regolare, 12 punti e 4.5 rimbalzi di media nei playoff. Prima della partita, andrà in scena la tappa del torneo di minibasket Coop Alleanza 3.0 (iniziativa che accompagnerà tutte le gare casalinghe di Virtus Segafredo), che vedrà impegnate, insieme ad una squadra di Virtus Unipol Banca, UP Calderara con due formazioni, Minibasket Francesco Francia.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass. TRC, emittente ufficiale della Virtus Segafredo, trasmetterà la partita in differita alle 22.45 sul canale 15 del digitale terrestre, telecronista Luca Muleo. La diretta radiofonica sarà trasmessa sulle frequenze di Radio Bologna Uno, 89.8 FM, e digitale terrestre canali radio in tutta l’Emilia Romagna. Radiocronista Nicola Zanarini.

 

QUI MANTOVA

Di Alberto Carmone – “Focus, Focus, Focus” si sente dire spesso nelle ultime due settimane dalle parti di Via Melchiorre Gioia a Mantova. E il riferimento non è certo alla compatta della casa dell’ovale blu, quanto alla concentrazione che gli Stings devono mettere nel corso della partita in maniera continua. Se nella prima gara di campionato con Jesi i biancorossi hanno sofferto parecchio ad imporre il loro gioco, anche per via di alcune distrazioni di troppo in difesa, a Treviso c’è stato un salto avanti deciso, ma non sufficiente per guadagnare i primi due punti della stagione. Al PalaVerde la Dinamica non ha mai dato l’impressione di aver abbandonato mentalmente la partita, anche quando ad un certo punto della gara, con Treviso sul +8 e il calore degli oltre 5000 del palazzetto, molte squadre avrebbero iniziato a sfilacciarsi.

Come dice coach Martelossi, manca effettivamente il legame tra le due fasi, offensiva e difensiva visto che gli Stings non riescono sempre a far bene entrambe le cose nel corso della partita. Altro aspetto negativo non irrilevante di queste prime due gare di campionato è quello relativo alle prestazioni individuali. Se infatti Giachetti, Corbett e Daniels hanno messo eccome la loro firma in questi primi 80 minuti di stagione, non è stato così per Alessandro Amici ed Andrea Casella. E non è un bel segnale considerando quanto buono sia stato il precampionato dell’ex Pesaro e il motivo per cui Casella è stato scelto dagli Stings in estate, ovvero buttarla dentro e garantire sempre discrete cifre a referto visto il suo anno, personalmente positivo, in quel di Omegna. All’Unipol Arena, teatro, lo scorso settembre, dell’opaca prestazione biancorossa in Supercoppa LNP, dovrà arrivare una svolta in positivo per la classifica per cercare di dare delle certezze positive ad un gruppo che è ancora un cantiere aperto e che sta imparando a conoscersi e ad amalgamarsi di partita in partita.
Alberto Martelossi (allenatore) – 
“Dovremo confermare i passi in avanti fatti. Credo che sia un errore in questo campionato valutare le prove settimanali in base al blasone degli avversari, quindi non c’è differenza tra gli avversari che si incontrano. Vorrei che avessimo continuità: giocare molti minuti allo stesso modo, non concedendoci pause in difesa ed essendo bravi offensivamente nel capire i nostri scopi di ogni singola azione e raggiungerli, indipendentemente dagli ostacoli che si possono incontrare. Dobbiamo essere impermeabili a queste situazioni ostiche, avversari, pubblico o fischi arbitrali. La Virtus sta giustamente raccogliendo il lavoro di anni e anni alle spalle sul progetto giovani, in questo contesto bisognerà vedere quale sarà la saldatura immediata tra un gruppo di giocatori esperti e questi ragazzi molto bravi e interessanti”.
Sylvere Bryan (giocatore) – “Domenica dovremo scendere in campo ed essere molto competitivi, riuscire a mettere sul parquet tutto quello che facciamo durante la settimana per riuscire ad arrivare alla vittoria che ci meritiamo. Sicuramente non possiamo farci condizionare del clima dell’Unipol Arena e nemmeno dai loro nomi; noi dobbiamo essere concentrati nel giocare la nostra pallacanestro, che è quello per qui stiamo lavorando, senza badare a quello che succede fuori dal campo”.
Note – Ancora assente Luca Vencato.
Media – La partita sarà trasmessa in diretta streaming da LNP TV Pass e radiofonica dalla webradio 5.9.

 

UNIEURO FORLÌ – DE’ LONGHI TREVISO
Dove: Pala Credito di Romagna, Forlì
Quando: domenica 16 ottobre, 18.00
Arbitri: Noce, Rudellat, Raimondo
In diretta su LNP TV Pass: https://tvpass.legapallacanestro.com/index.php/2016/10/03/unieuro-forli-vs-de-longhi-treviso?lang=it

 

QUI FORLÌ

Di Lorenzo Di Taranto – Il clima si è fatto leggermente teso a Forlì: dopo la sconfitta di domenica scorsa nel derby con Ravenna, quando la compagine forlivese ha dovuto nettamente cedere le armi ai bizantini, il sempre critico tifoso biancorosso è già pronto a celebrare processi e prevedere un campionato denso di sconfitte. Domenica prossima comunque ci sarà probabilmente il pubblico delle grandi occasioni, chiamato al Palafiera per vari motivi. In settimana infatti è stato montato il nuovo avveniristico tabellone, dalla forma di un un enorme cubo che in Italia finora si poteva ammirare solo al Forum di Milano, e che era atteso da tempo per sostituire il vecchio dispositivo oramai inadatto. La curiosità di vedere questa novità è davvero tanta, e inoltre questa circostanza coincide con il match contro una delle corazzate di questa A2 Est, quella Treviso allenata da Stefano Pillastrini, che in passato si è seduto sulla panchina anche a Forlì prima che la sua carriera prendesse il volo passando da Montegranaro, Pesaro e altre gloriose piazze. Per la squadra di Gigi Garelli è stata comunque una settimana non facilissima, dovendo fare i conti con il forfait di Davide Bonacini, che non si è mai allenato a causa di una “scavigliata” subita durante la partita contro Ravenna. Ovviamente però ci si aspetta una partita combattuta, dove l’arcigna difesa organizzata da Garelli possa arginare i talentuosi giocatori di Treviso, in primis Davide Moretti classe ’98,figlio d’arte,e fautore delle prime due vittorie dei veneti,e  Fantinelli, uno dei migliori playmaker del campionato. Gli occhi dei tifosi saranno puntati sul duello sotto canestro fra i centri italiani Rotondo e Rinaldi, e sulle sfide fra le ali americane di entrambe le squadre. Si affronteranno quindi due formazioni speculari, da cui è lecito aspettarsi uno spettacolo degno del blasone  di entrambe.
Gigi Garelli (allenatore) – 
“Purtroppo fatichiamo ancora parecchio, davvero troppo, e mi sembra chiaro che la causa principale di tutto questo siano i problemi fisici che da metà agosto, di fatto, ci ‘torturano’ settimanalmente. Nel derby di domenica scorsa contro Ravenna, infatti, questo aspetto è venuto fuori in maniera quasi imbarazzante: i nostri avversari erano al massimo della forma, mentre noi in questo momento stiamo attraversando un momento complicatissimo dal punto di vista della condizione fisica. Purtroppo nemmeno Ferri e Pierich sono ancora al massimo, ma soprattutto devo fare i conti con un Bonacini praticamente fermo da inizio settimana per una distorsione alla caviglia. Treviso? Coach Pilastrini può contare su un roster di assoluto livello, la De’Longhi sarà senz’altro tra le squadre che da qui a giugno si contenderanno la promozione in Serie A. Ci attende una gara da affrontare con il coltello tra i denti”.
Francesco Infante (giocatore) – “Finora, a mio parere, manchiamo ancora molto a livello difensivo, visto che le realizzazioni, al contrario, non sono mai mancate. Siamo solamente alla seconda partita di campionato, quindi qualche meccanismo è fisiologicamente ancora da oliare al meglio. Non dobbiamo dunque disperarci per nulla: basterà una minima ‘svolta’ ed anche questo ostacolo potremo presto lasciarcelo alle spalle. Una volta che ci rimetteremo tutti in sesto al 100% sono convinto che miglioreremo immediatamente e potremo dire la nostra. Domenica al Palafiera arriva una Treviso molto fisica e solida, soprattutto nel reparto lunghi: Rinaldi, Ancellotti, Perry, sono giocatori che conoscono la Serie A2 a memoria e dovremo prestare la massima attenzione”.
Note – Problemi fisici che nemmeno nel corso di questa settimana hanno ‘abbandonato’ la truppa biancorossa. Oltre ai ‘soliti’ acciaccati Ferri e Pierich, è rimasto ai ‘box’ anche Davide Bonacini, uscito anzitempo dal derby del PalaDeAndrè per una distorsione alla caviglia rivelatasi più importante del previsto: esami negativi ma ancora tanto dolore per il giocatore. La sfida tra Unieuro e De’Longhi, inoltre, segnerà una ‘tappa’ di una certa rilevanza per il Palafiera e per tutta la città di Forlì. All’interno dell’impianto, infatti, farà il proprio debutto il nuovo ledwall (in sostituzione del vetusto tabellone), grazie al quale i tifosi saranno maggiormente coinvolti nella partita: statistiche in tempo reale, riprese video live e tanti altri contenuti multimediali trasmessi direttamente sugli schermi del ledwall.
Media – Diretta streaming su LNP TV Pass. L’incontro sarà trasmesso in differita da Teleromagna (canale 14) il lunedì successivo alla gara alle ore 15:00 e da TeleromagnaSport (192) il martedì alle ore 22:30.

 

QUI TREVISO

Di Gianmarco Tonetto – Dopo due vittorie arrivate pressoché allo scadere, la De’ Longhi è attesa domenica al Palafiera di Forlì per affrontare i romagnoli neopromossi. Una sfida più insidiosa di quanto si possa immaginare in quanto Forlì può contare su un nucleo di italiani che l’anno scorso si è dimostrato vittorioso in B e su due ottimi americani quali Crockett e Blackshear. La truppa di coach Pillastrini, per lui derby in quanto ex e romagnolo della zona, non arriva al meglio per questo trasferta, infatti le condizioni di Jesse Perry e Davide Moretti non sono delle migliori. L’ala grande americana ha rimediato una botta al fianco nella sfida contro Mantova, la quale è evoluta in un ematoma che ha costretto il giocatore ad uno stop, fortunatamente gli accertamenti del caso hanno escluso complicanze più gravi. Per quanto riguarda il giovane playmaker, invece, si parla di un risentimento muscolare alla schiena che va avanti da circa un mese. Il numero 7 è stato a riposo nell’inizio di settimana ma è già tornato ad allenarsi con la squadra anche se non a pieno ritmo. Due assenze che potrebbero pesare, soprattutto quella dei Davide dimostratosi decisivo nelle due precedenti vittorie. Entrambi i giocatori sono ancora in dubbio ma la situazione di Moretti sembra migliore e quasi certamente recuperabile per la sfida di domenica.
Stefano Pillastrini (allenatore, allenò a Forlì a fine anni ’90) – 
“Altra trasferta difficile su un campo di grande tradizione come quello di Forlì. Ci sarà un grande pubblico ed entusiasmo per questa partita, e loro hanno già dimostrato in casa loro quella che è la potenzialità di una squadra, che avendo trionfato  nel campionato di Serie B sa come si fa a vincere. Forlì ha americani forti, una coppia che si candida ad essere la migliore della A2, e dovremo essere bravi a contenerli. Le due partite vinte ci hanno dato fiducia e convinzione, è stato importante, visto il calendario così complicato all’inizio, essere riusciti a portare a casa punti pesanti in questo avvio. Ora però dobbiamo migliorare molto nella continuità e nell’avere la stessa intensità sui due lati del campo. Ci stiamo lavorando e nonostante una settimana un po’ complicata dagli acciacchi rientrati di Moretti e Perry, siamo in buone condizioni per fare una partita tosta anche a Forlì”.
Matteo Negri (giocatore, ala) – “Stiamo lavorando molto bene, il morale è alto e siamo carichi per fare un’altra bella partita anche a Forlì. Loro sono molto tosti, hanno due americani di altissimo livello e giocatori esperti, dobbiamo limitare le loro soluzioni preferite e costringerli a snaturare un po’ i loro punti forti. Tutto partirà dalla nostra difesa, poi ce la giocheremo a tutta come sempre”.
Note – La De’ Longhi Treviso Basket, dopo aver iniziato il campionato di Serie A2 girone Est con due belle e sofferte vittorie, nella prima giornata a Trieste e nella scorsa domenica al Palaverde con Mantova, torna in trasferta stavolta in Romagna, al Palafiera di Forlì, per la terza di campionato. Si gioca domenica alle 18.00, e coach Pillastrini, rientrato l’allarme per le condizioni fisiche di Perry e Moretti, avrà la squadra al completo. Previsti almeno due pullman di tifosi trevigiani in Romagna. La neopromossa Forlì ha vinto la prima in casa con Ferrara per 73-72, con 46 punti del suo tandem di americani (30 per Blackshear con 5/10 da tre e 8 rimbalzi, 16 punti e 8 rimbalzi per Crockett), poi nella seconda ha perso a Ravenna per 92-74.
Media – Diretta streaming video su LNP TV, in abbonamento (per assistere a tutte le partite di campionato il costo è di 59,95 euro) tramite il sito www.legapallacanestro.com. Diretta radiofonica su Bluradio Veneto sulle frequenze 88.7 e 94.6 mhz (in in streaming audio su www.bluradioveneto.it), mentre Treviso Tv (gruppo Rete Veneta) trasmetterà in differita la partita lunedì alle 21.00 sul canale 657 del digitale terrestre (in Friuli 645). Aggiornamenti e info anche sulle pagine Facebook e Twitter di Treviso Basket, con la diretta delle interviste post gara sulla pagina Facebook.

Dichiarazioni di coach e giocatori: FONTE LNP

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy