Inside the A2 Est – Assigeco: cambia il profilo, il parquet e… le ambizioni

Inside the A2 Est – Assigeco: cambia il profilo, il parquet e… le ambizioni

Una svolta nella Storia dell’Assigeco. La partnership con PBC cambia il palcoscenico, ma non la voglia di lavorare, di divertire, di migliorare.

Commenta per primo!

Ancora non sono spenti i sordi echi di una stagione opaca, anonima e deludente, che già al Campus di Codogno si lavora per mettere le basi ad un programma che dovrà portare la Società di Patron Curioni nelle sfere più alte della pallacanestro nazionale. L’estate non decolla e il tavolo è ingombro di problemi che, a suon di comunicati stampa a seguito di impegnativi CdA, di volta in volta vengono risolti, superati e tradotti in rampe di lancio da cui far decollare gli ambiziosi progetti di un’effervescente Società che guarda lontano.

L’assist, che porta a segnare i primi due punti sul tabellino ancora tutto da riempire, viaggia sull’asse Casalpusterlengo/Piacenza, via Campus Codogno. Il mancato accordo per l’ampliamento della capienza del PalaCampus, costringe la dirigenza rossoblu a dover scegliere una soluzione alternativa. La scelta, rispetto alle possibilità buttate a suo tempo sul parquet, cade sulla partnership con la Società piacentina del Piacenza Basket Club. La PBC sottoscrive l’accordo che prevede, tra le altre cose, di mettere a disposizione l’impianto del PalaBanca, sito nella città emiliana. Con i ‘legali’ 3700 posti a sedere a disposizione, l’Assigeco Casalpusterlengo guada il Po, attracca ai pontili della sponda destra in terra emiliana e diventa UCC ASSIGECO PIACENZA, pronta ad affrontare con gli stessi colori rossoblu, il prossimo campionato di Serie A2. Al vertice della Società rimane Franco Curioni, con Luigi Stecconi, ex Presidente PBC, sulla poltrona di Vice. Le dichiarazioni, nelle ore che seguono l’importante accordo, sono improntate alla fiducia e un sorriso di profonda soddisfazione nobilita il profilo dei protagonisti.

Lo step seguente, prevede la designazione e la formazione dello staff tecnico. Un fulmine saetta però nel ciel sereno. Rimbombano nell’aria le improvvise dimissioni del G.M. Gian Marco Bianchi, che rimette ogni delega per motivi personali. Il vuoto creato, non va di pari passo con l’impegno e l’urgenza che l’importante progetto richiede. La ridefinizione immediata del nuovo organigramma prevede l’arrivo di Dante Anconetani, che mette a disposizione la propria esperienza per ricoprire il ruolo di Direttore Sportivo.

Il Roster

Si accendono così i riflettori sulle mosse di mercato e il primo botto che scuote le strutture del Campus è la notizia della firma di Kenny Hasbrouck. ‘Validi giovani, USA di spicco e gioco frizzante’. Seguendo i dettami della proprietà, un primo importante punto è centrato. La boa dei trent’anni appena superata, Hasbrouck è guardia di 191 cm nato a Washington; alle spalle campionati giocati in Turchia, Germania, Spagna e, in carriera, anche una fugace apparizione in NBA, nei Miami Heat. Ottima la conoscenza della pallacanestro tricolore, per aver militato nei roster di Ferrara, Cantù e Bologna, sponda V nere. Esprime entusiasmo e manifesta ottimi propositi per la stagione che andrà ad incominciare, portando con sé l’ultima buona statistica di 7,8 p.ti e 2,1 rimb. Non si sarebbe potuto iniziare meglio. L’ufficialità dell’arrivo della guardia USA, precede solo di pochi giorni la nomina dello Staff Tecnico. Head Coach e Assistant Coach ora hanno rispettivamente i connotati definitivi di Marco Andreazza e Cesare ‘Cece’ Riva. Alessandro Mambretti da PBC, sarà il terzo in panca. Il Comunicato Stampa che sigilla le nomine, non lascia nel dimenticatoio il fatto che ‘Cece’ Riva sia stato l’ultimo colpo di mercato del dimissionario Gian Marco Bianchi.

Coach Andreazza, quarantaduenne di Montebelluna, prodotto del basket trevigiano, arriva alla palla a spicchi uscendo dal calcio dopo un crociato distrutto e, a vent’anni, parte dalla sua città alla volta della grande pallacanestro. Lavora sempre per le giovanili, passando da Montegranaro dove, per due anni, fa il secondo; e per un felice, vincente periodo anche con head coach Pillastrini. Da quattro stagioni in rossoblu, colleziona ottimi risultati, arrivando sempre alle fasi finali dei campionati affrontati. Da quest’anno responsabile del settore giovanile dell’Assigeco, sfrutta il ruolo come trampolino di lancio per arrivare in panca grande.

Per coach Cesare ‘Cece’ Riva è un ritorno. Secondo di Simone Lottici negli anni della LegaDue rossoblu a Lodi, prende le redini della prima squadra nello sfortunato inizio della stagione 2012/2013. Ritorna oggi, strappato alla Reyer Venezia, dove già aveva deciso di lavorare con coach De Raffaele. Ringrazia, nell’occasione della firma, l’amico Gian Marco Bianchi, che ha fortemente voluto riportarlo nella famiglia rossoblu. Ora, Dante Anconetani può rispondere alle richieste dello Staff Tecnico e, insieme, imbastire e confezionare un roster su misura, seguendo una formula che preveda gioventù e gioco frizzante, vivo desiderio espresso dal Presidente Franco Curioni.

La diaspora, che disperde in giro per l’Italia del basket il grosso del roster uscente, Staff Tecnico compreso, è segnata dai saluti di capitan Chiumenti, che lascia Campus, tifosi e amici, dopo sei stagioni, per una nuova avventura in giallorosso ravennate. Fra i giovani, Luca Vencato e Daniel Donzelli affrontano e prendono decisioni importanti per il loro futuro: partono l’uno per Mantova e l’altro per Brindisi, per confermare quanto di buono fin qui dimostrato. Ma, fra i giovani, c’è anche chi resta e c’è chi torna. Pronti per essere buttati nella mischia, confermano le attese nelle prove di precampionato sia Riccardo Rossato (Guardia Cl. ’96), buona la scorsa stagione e buonissima l’estate azzurra di Helsinki con l’Under20 di Stefano ‘Pino’ Sacripanti, sia Nemanja Dincic (Ala Cl. ’98) che, nelle amichevoli preseason, più di una volta alza e supera brillantemente l’asticella delle difficoltà. Valerio Costa (Play Cl. ’97) è un gradito ed importante ritorno, dopo un anno di prestito alla Viola, nella sua Reggio Calabria.

Giovani che si affacciano con prepotenza alla ribalta della prima squadra. Giovani che con pazienza e passione lavorano e crescono nella ‘cantera’ rossoblu. A tal proposito, sarà coach Andrea ‘Pedro’ Pedroni, altro graditissimo ritorno, il nuovo responsabile del settore giovanile Assigeco Piacenza. Garanzia di capacità, impegno e costanza, dal Minibasket alle categorie più alte delle giovanili, ‘Pedro’ per Assigeco ha già fatto molto in passato, allenando, tra l’altro, l’Under19 2003/04, dei nazionali Gallinari, Aradori, Simoncelli e Poletti.

Ma i tempi sono maturi per dare la fisionomia definitiva al roster della prossima stagione. E allora ecco, perso un capitano, arrivarne uno nuovo carico di carisma e con tanta voglia di abbracciare il nuovo progetto. Dall’Angelico Biella, approda alla corte della ‘Lupa piacentina’, per giocare al PalaBanca di Via Tirotti 54 con la canotta rossoblu dell’Assigeco, Luca Infante, perno d’attacco di 204cm per 105kg, Visualizzazione di DSC_0393.JPGsempre carico, determinato, grintoso. A Biella nell’ultima stagione ha giocato poco meno di 26’ in 30 partite, realizzando 8,6 punti e catturando 5,4 rimbalzi, trascinando sempre squadra e pubblico, con la sua carica di sana, energica e coinvolgente aggressività. In quello che sta nascendo come un gruppo giovane, l’esperienza di elementi come Luca, porta vessillo della ‘new age’ rossoblu, potrebbe iniettare con decisione la spinta giusta, verso i migliori risultati. Partito da Nocera Inferiore, dove nasce il 5 giugno del 1982, si costruisce la carriera giocando campionati di serie B d’Eccellenza e serie A2, arrivando anche, con Brindisi, alla promozione in serie A. Approda a Biella nel 2013 e l’anno dopo conquista l’Adecco Cup, qualificandosi per l’EuroChallenge. Un bagaglio colmo di stagioni vissute a suon di cariche, sempre all’attacco e a difesa del ferro. Dal rossoblu di Biella, vestito con successo per tre stagioni, a quello di Piacenza, nulla dovrebbe cambiare nello slancio determinato e combattivo del simpatico, buon gigante campano.

Nel ruolo di play, ad alternarsi col giovane Costa, Anconetani azzarda una facile scommessa e pesca la carta Francesco De Nicolao. Nato a Camposampiero (Padova) il 3 marzo 1993, è un giovane playmaker di 185 centimetri, cresciuto cestisticamente nel settore giovanile di Vigodarzere. Con alle spalle una discreta esperienza, vanta buone statistiche al Gattamelata Padova in serie B2 e a Piacenza e Verona in Lega2. Dal 2013 De Nicolao gioca ad Imola; lo scorso anno porta a casa 4,5 p.ti e 2,1 ass. e si merita le attenzioni dell’Assigeco, che lo riporta a Piacenza.

L’ala piccola, l’Assigeco va a pescarla a Ferentino, Serie A2 Ovest. Tommaso Raspino si unisce al gruppo messo a disposizione di coach Marco Andreazza, con le ottime credenziali che lasciano la partecipazione ai play off dell’ultimo campionato e i 7.7 punti e 3.6 rimbalzi, impressi sulla striscia della statistica. Di Vercelli, classe ’89 (197 cm, 80 kg), cresce nelle giovanili dell’Angelico Biella, diventandone il capitano, per poi indossare anche le canotte di Omegna, Trieste, Pavia e Pesaro.

Bobby Jones (201cm, 98 Kg) è 32enne ala forte californiana; coniuga agilità e potenza che gli permettono di poter ricoprire anche gli altri due ruoli da lungo. Dopo aver sudato ad inizio carriera con le canotte di più di una franchigia NBA (in una stagione addirittura con cinque maglie diverse), Bobby trasvola l’Atlantico e atterra nel campionato italiano, a Teramo. E’ il 2009 e da qui in poi la sua carriera è tutta tricolore: Montegranaro, Forlì, Pistoia e Roma. Con i colori capitolini conquista una finale scudetto, persa contro Siena nel 2013. L’ultima stagione lo vede lottare e conquistare la salvezza in A1 con Caserta, segnando 11,6 punti con 6,1 rimbalzi catturati. Bobby Jones, arriva al Campus a preparazione avanzata, ma quando il lavoro di recupero e di inserimento comincia a dare i suoi frutti, anche le prestazioni nelle amichevoli precampionato registrano il marchio delle sue pesanti giocate.

Dalla Dinamo Sassari all’Assigeco il passo è breve per Matteo Formenti che, all’improvviso, il giorno del raduno si presenta da guardia rossoblu, dicendo che la mossa “è stata una trattativa lampo, mi ha convinto il progetto di questa nuova società. Per me non è un problema scendere di categoria. Vogliamo divertirci e far divertire il pubblico in un campionato importante e competitivo come questa Serie A2.” Tutta l’esperienza di un classe ’82 cresciuto alla scuola del prolifico settore giovanile di Desio e maturato sui parquet di piazze importanti, fino ad arrivare alla promozione in A1 con Brindisi nella stagione 2011/12. Passato a Sassari, dove disputa gli ultimi due campionati di A1, vive da protagonista la stagione 2014/15, quella dello strepitoso triplete biancoblu (Supercoppa italiana, Coppa Italia, Campionato).

Un cambio di sicuro peso per il reparto lunghi, è senza dubbio Edoardo Persico con i suoi 207cm, pivot livornese classe ’87. Cresciuto nella Pallacanestro Livorno, già a soli 16 anni, viene chiamato da Biella in serie A dove, oltre a giocare nelle giovanili, colleziona 19 presenze in prima squadra. Gioca tra serie B e serie A dilettanti a Roseto, Venezia, Montecatini e Pavia dove, per un grave infortunio, rimane ai box per più di un anno. Quando riprende a giocare, passa per la serie C lombarda, per poi firmare per il Cus Torino, dove ritorna ai suoi livelli standard di gioco. Nell’ultima stagione a Piombino, firma 9,1 punti e cattura 6,1 rimbalzi; può bastare per provare a rilanciarsi nel competitivo campionato di Serie A2.

Gli infortuni in fase di preparazione occorsi a Costa e Formenti, inducono la Società a correre ai ripari e firmare, a tempo determinato, la guardia trevigiana Stefano Borsato. Trentanni, ultima stagione a Siena, Stefano si mette a disposizione dello staff rossoblu e parte per la nuova avventura insieme al gruppo piacentino.       

N°         GIOCATORE                                                          STATISTICHE 2015-2016 

3           Francesco De Nicolao (play cl. ‘93) – da Andrea Costa Imola – 4.5 pt, 2.1 ass

5           Valerio Costa (play cl. ‘97) da Bermè Reggio Calabria – 1.7 pt, 0.6 ass

6           Bobby Jones (ala grande cl. ‘84) – da Pasta Reggio Caserta – 11.6 pt, 6.1 rb

8           Tommaso Raspino (ala cl. ‘89) – da Fmc Ferentino – 7.7 pt, 3.6 rb

         Matteo Formenti (guardia cl. ‘82) – da Dinamo Sassari – 2.9 pt, 1.3 rb

10         Luca Infante (centro cl. ‘82) – da Angelico Biella – 8.6 pt, 5.4 rb

11         Edoardo Persico (centro cl. ‘87) – da Golfo Piombono – 11.6 pt, 6.1 rb

14         Nemanja Dincic (ala grande cl. ‘98) – Confermato – 2.5 pt, 1.3 rb

22         Riccardo Rossato (guardia cl. ‘96) – Confermato – 2.1 pt, 1 rb

41         Kenny Hasbrouck (guardia cl. ‘86) – da Segafredo Bologna – 7.8 pt, 2.1 rb

All: Marco Andreazza

Vice: Cesare ‘Cece’ Riva

Terzo: Alessandro Mambretti

Direttore Sportivo: Dante Anconetani

Massaggiatore: Matteo Anelli

Preparatore Atletico: Andrea Annoni

Medico: Piermario Carollo

Team Manager: Sergio Codola 

COSI’ IN CAMPO

S 5       – De Nicolao (P); Hasbrouck (G); Raspino (A); Jones (A); Infante (C).

A disp. – Costa (P); Rossato (G); Formenti (G); Dincic (A); Persico (C).   

GLI OBIETTIVI

Usciti delusi da una stagione rivelatasi fallimentare, che prevedeva la salvezza come primo obiettivo, ma puntava ai play off come giusto traguardo per un roster di livello, l’Assigeco di questo campionato parte con il mirino puntato alle posizioni che contano. E’ solo per l’immancabile dose di scaramanzia che si parla anche di salvezza. Con questi nomi, con questi numeri, con questa esperienza, non si può che puntare dritti verso prestigiosi traguardi. Se non sarà così, per Società e tifosi, si ripeterà il fallimento e si rivivranno le frustrazioni dello scorso anno. Unico, oggettivo punto interrogativo, la giovane esperienza di un coach che ha sempre fatto molto bene con le giovanili, ma si cimenta per la prima volta su una panca open. Coach Andreazza ha però gli attributi necessari per poter, per dover far bene. Certezze nelle basi e fiducia nelle possibilità. La Società vara un affascinante programma, un ambizioso progetto, che prevede un triennio di lavoro e di esperienze, per provare a raggiungere l’inimmaginabile. Non dovrà essere un anno di transizione, ma di ripartenza.

LA PRESEASON AI RAGGI X

Anche quest’anno la preseason ha dato i suoi responsi. Provvisori e ufficiosi rispetto a quello che dovrà poi essere il gioco vero, ma leggendo fra le righe, si possono trarre soddisfacenti informazioni. Il progressivo, naturale miglioramento dell’alchimia di gruppo e la sicurezza di rendimento raggiunta da più di un elemento, sono fattori che dal due ottobre prossimo, dovranno cominciare a pesare nell’economia del gioco rossoblu. De Nicolao, raggiunto un buon livello di affiatamento e di rendimento nel nuovo gruppo in formazione, sembra pronto a lanciare la sfida dalla privilegiata e impegnativa posizione di produttore di gioco. Gli americani arrivano come pezzi da novanta e, finora, sembrano confermare le aspettative; Hasbrouck sempre col colpo in canna pronto a dare una svolta alla gara e Jones, in fase di rodaggio, che saprà certo fare e dare di più. La nota assolutamente più positiva, è la presa di posizione che Infante assume al centro del gruppo. Sempre positivo sul parquet, sempre trascinatore e propositivo con i compagni, dentro e fuori del campo. Infine una parola sugli Under20. Ognuno di loro è pronto per esser buttato nella mischia. Costa con le idee chiare. Rossato sempre energicamente coriaceo nella fase difensiva, pronto e puntuale al tiro. Dincic a sfoderare prove da veterano. Una buona preseason, forse traballante nei risultati, ma con molti riscontri positivi che non possono non essere un buon viatico per il giusto approccio alle imminenti gare coi due punti in palio.    

Orzinuovi – UCC Assigeco Piacenza 75 – 77

UCC ASSIGECO: De Nicolao 7; Formenti 10; Hasbrouck 11; Infante 18; Persico1; Raspino 4; Rossato 9; Brigato; Costa 1; Dincic 15; Livelli; Rota; Zucchi. All: Andreazza. Vice: Riva.

Bondi Ferrara – UCC Assigeco Piacenza 58-55 (22-22, 40-41)

BONDI FERRARA: Soloperto 10; Mastellari 8; Zani 2; Cortese 11; Bowers 12; Moreno 7; Pellegrino 8; Ibarra, Bianchi ne; Mastrangelo ne; Caridi ne; Ardizzoni ne. All.Trullo. Vice: Bonacina.

UCC ASSIGECO: De Nicolao 6; Hasbrouck 12; Dincic; Formenti 9; Infante 9; Raspino 12; Rossato 2; Jones 2; Persico 3; Costa; Brigato ne; Zucchi ne; Alì ne. All: Andreazza. Vice: Riva.

Co.Mark Bergamo Basket 2014 – UCC Assigeco Piacenza 49-71 (20-20; 16-19; 8-19; 5-13)

UCC ASSIGECO PIACENZA: De Nicolao 3; Rossato 14; Raspino 11; Jones 10; Infante 16; Persico 5; Gaadoudi; Dincic 7; Costa 3; Brigato 3, Livelli; Zucchi; Rota. All: Andreazza. Vice: Riva.

Remer Treviglio – UCC Assigeco Piacenza 86-80 (21-25; 38-49; 58-62)

REMEWR TREVIGLIO: Marino 17; Marini 16; Sollazzo 13; Genovese 9; Rossi 7; Cesana 6; Pecchia 4; Nwohuocha 1; Sorokas 8; Mezzanotte 5; Dessì ne. All. Vertemati. Vice: Zambelli.

UCC ASSIGECO PIACENZA: De Nicolao 17; Raspino 11; Persico 11; Jones 12; Infante 14, Rossato 12; Dincic 3; Costa; Gaadoudi; Zucchi ne. Coach: Andreazza. Vice: Riva.

Derthona Basket – UCC Assigeco Piacenza 73-69 (23-23, 39-38, 53-51)

DERTHONA BASKET: Greene IV 4; Cosey 21; Ricci 15; Sanna 2; Reati 14, Conti; Mascherpa 5; Ricci F.; Garri 8; Pilati; Riva; Cucci 4. All. Cavina. Vice: Casalone.

UCC ASSIGECO PIACENZA: De Nicolao 4; Hasbrouck 16; Jones 19; Raspino 7; Infante 12; Formenti 5; Rossato 4; Persico 2; Gaadoudi; Zucchi. All.: Andreazza. Vice: Riva.

UCC Assiegco Piacenza – Andrea Costa Imola 93-90 (26-18; 25-23; 23-25; 19-24)

UCC ASSIGECO PIACENZA: De Nicolao 11; Hasbrouck 16; Raspino 10; Jones 13; Infante 15; Rossato 7, Formenti 2, Dincic 20; Zucchi. All: Andreazza. Vice: Riva.

UCC Assigeco Piacenza – Novipiù Casale Monferrato 79-80 (20-19, 38-50, 59-60)

UCC Assigeco Piacenza: De Nicolao 5; Hasbrouck 30 ; Raspino 6 ; Jones 17; Infante 12; Persico 6; Borsato 3; Dincic; Rossato; Zucchi; Gaadoudi ne; Brigato ne. All: Andreazza. Vice: Riva.

Novipiù Casale Monferrato: Tolbert 15; Tomassini 2; Natali 15; Di Bella 9; Martinoni 14; Emegano 16; Valentini 5; Bellan 4; De Negri ne; Ruiu ne. All: Ramondino. Vice: Andrea Valentini/Andrea Fabrizi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy