Inside the A2 Est: Ferrara cambia pelle per puntare in alto

Inside the A2 Est: Ferrara cambia pelle per puntare in alto

Commenta per primo!

Parola d’ordine: rivoluzione. Si presente così ai nastri di partenza la Bondi Pallacanestro Ferrara, dopo un’estate che ha portato cambiamenti profondissimi in tutto l’ambiente cestistico estense. I punti fermi sono da ricercare nella proprietà ancora nelle mani di Fabio Bulgarelli la cui permanenza ha creato accese discussioni tra i tifosi biancoazzurri, e nell’ormai storico staff medico che si prenderà cura della squadra. I fili conduttori con la scorsa (e ottima) stagione si interrompono qui, infatti tanti sono stati i cambiamenti nell’organico societario a partire dall’addio del segretario generale Nicola Branchini e del ds Andrea Pulidori, sostituito da una vera e propria leggenda della pallacanestro ferrarese come John Ebeling. E’cambiato anche il main sponsor, al posto di Mobyt ora troviamo il pastificio Bondi, azienda locale ben radicata nel territorio.

Per quanto riguarda la conduzione tecnica della squadra, non è stato confermato Alberto Martelossi nonostante gli ottimi mesi che culminarono nel secondo posto in campionato. Per la verità l’addio del coach friulano è stato piuttosto nebuloso e non sono mancate piccole frecciate rivolte alla dirigenza della società. E’ stato cosi scelto il nuovo condottiero biancoazzurro che risponde al nome di Alberto Morea, già visto a Ferrara come vice allenatore negli anni più splendenti del basket estense, ma che come guida principale della squadra aveva fallito la prima esperienza proprio sulla panchina di Ferrara venendo esonerato tre stagioni fa a metà campionato. Dopo due campionati positivi a Mantova il coach è tornato con tanta voglia di rivalsa, portando con se anche un nuovo vice allenatore ovvero Andrea Turchetto.

Da questa epurazione non si è salvato alcun giocatore presente lo scorso anno, a partire da quelli storici come Michele Ferri e Michele Benfatto (altre separazioni non privi di polemiche e ripicche) arrivando a idoli della folla come Alessandro Amici. Il diktat dirigenziale per quest’anno è stato chiaro: squadra più corta ed espertissima, con giocatori migliori per cercare di raggiungere i playoff.

IL ROSTER:

Playmaker-Guardie

Matias Ariel Ibarra – 17/02/1981 – 183 cm – Playmaker.

L’italo argentino, già visto in Italia nel 2010 con la canotta della Pallacanestro Reggiana, sarà colui che dovrà dettare i tempi della squadra. Giocatore completo, senza molti punti nelle mani che però non disdegna prendersi tiri sugli scarichi. Sarà da valutare il suo impatto nella metacampo difensiva dove potrebbe subire contro pariruolo più giovani e veloci.

      Matthew Ryan Bucci – 18/01/1981 – 192 cm – Guardia.

Nello spot di guardia titolare troviamo un assoluto veterano della A2, tra gli esterni a disposizione di coach Morea è probabilmente quello che ha ancora più da dare alla causa in relazione all’età anagrafica. Viene da una stagione in doppia cifra a Ferentino e anche in questo caso è la sua versatilità l’arma in più, tiratore temibile e buon difensore, molte delle fortune di Ferrara passeranno da un suo costante apporto in termini di punti pur senza prendersi molti tiri.

Jordan Losi – 02/10/1980 – 182 cm – Playmaker/Guardia.

E’ quantomeno straniante osservare colui che fino a poche settimane fa era il ‘nemico pubblico numero uno’ del tifo estense vestire le canotta biancoazzurra. Morea però lo ha fortemente voluto e Losi si è calato con grande entusiasmo in questa nuovo e particolarissimo capitolo della sua ormai lunga carriera. Essendo sostanzialmente l’unico cambio degli esterni avrà parecchi minuti a disposizione, a lui si chiederà di spaccare le partite mettendo in campo tutta la sua imprevedibilità che spazia da assist spettacolari per i lunghi a triple da distanza siderale.

Ali

Erik Rush – 21/06/1988 – 197 cm – Ala piccola/Ala grande.

La punta di diamante dei biancoazzurri sarà l’americano di passaporto svedese, che infatti si è già segnalato tra i giocatori più prolifici nel precampionato di Ferrara . Giocatore pressochè unico in A2, si tratta di un’ala estremamente fisica dotata di un vasto arsenale offensivo e di letture di gioco molto intriganti. La sua versatilità lo rende un giocatore adatto a giocare in più ruoli, anche guardia in caso di un quintetto alto. Dopo due anni di ‘apprendistato’ a Varese, è sceso di categoria e la scorsa stagione a Reggio Calabria ha dimostrato di potersi caricare una squadra sulle spalle. Se farà un ulteriore step in avanti la Bondi potrebbe ritrovarsi in mano un giocatore potenzialmente devastante in questa categoria.

Federico Lestini – 18/02/1983 – 200 cm – Ala grande/Ala piccola.

Dopo un inizio di estate travagliata dovuta alle tensioni tra lui e la ‘Fossa’ sponda Fortitudo Bologna, il pescarese torna a Ferrara dopo dieci anni esatti dalla sua militanza dell’allora Basket Club. Anche in questo caso parliamo di un giocatore dalla dimensione sia interna che esterna, con una spiccata capacità di costruirsi il tiro. Oltre a Losi, sarà lui il principale giocatore ad entrare dalla panchina motivo per cui il suo apporto sarà molto importante.

Esian Henderson – 14/6/85 – 205 cm – Ala grande/Centro.

Dopo il bluff Mj Rhett, il secondo americano della Bondi è quest’ala giramondo che lo scorso anno ha militato nel secondo campionato turco. Classico giocatore ‘all around’ che garantisce atletismo e verticalità in difesa, l’impatto con l’Italia è tutto da verificare ma la sua esperienza non dovrebbe portare problemi di ambientamente. Se si integrerà bene con Brkic potrebbe formare una coppia di lunghi difficilmente contenibile per le difese avversarie.

Centri

Lucio Salafia – 13/01/1994 – 210 cm – Centro.

Questo giovane giocatore ha già avuto la possibilità di assaggiare la pallacanestro ad alto livello ad Avellino e Verona. Lo scorso anno a Francavilla ha fatto registrare buoni numeri e da circa metà Agosto si allena con la Bondi, che sembra convinta ad inserirlo in pianta stabile nel roster. Lungo naturalmente acerbo ma con leve lunghe e buona coordinazione sotto canestro, potrà sicuramente dare minuti di riposo preziosi a Brkic.

David Brkic – 19/07/1982 – 210 cm – Centro.

Come per Lestini, anche questo si tratta di un ritorno a Ferrara visto che anche Brkic nel 2005 vestì la canotta estense. Nel frattempo il cesenate si è affermato come uno dei migliori lunghi della categoria e si tratta di un vero colpaccio messo a segno dalla Bondi. L’essere un giocatore che abbina una grande fisicità ad un’ottima tecnica spalle a canestro lo rende difficilmente marcabile, se a questo si aggiuge anche un tiro da tre assolutamente efficace ecco che il rebus per le difese avversarie diventa quasi irrisolvibile.

Non vanno infine dimenticati poi i giovani ferraresi che andranno a completare la squadra, ottenendo magari anche qualche scampolo di partita come Edoardo Verrigni e Matteo Ghirelli.

Acquisti: Erik Rush (Viola Reggio Calabria – 16.6 pti, 7 rim e 2.1 ass.) Federico Lestini (Givova Scafati – 8 pti, 2 rim e 0.8 ass.) Matias Ariel Ibarra (Uniòn de Formosa, Argentina – 8.7 pti e 2.3 ass.) Ryan Bucci (Basket Ferentino – 15.2 pti, 2.2 rim e 2 ass.) Jordan Losi (Orsi Tortona – 8.9 pti, 2.7 rim e 2.5 ass) Lucio Salafia (Soavegel Villafranca – 7.6 pti e 6.7 rim.) David Brkic (Givova Napoli 2013 – 15.6 pti, 6.5 rim e 1.8 ass. ) Esian Henderson (DSI Spor Kulubu, Turchia – 16 pti e 7.6 rim.)

COSI’ IN CAMPO:

S5: Ibarra – Bucci – Rush – Henderson – Brkic. A dsA disp. Losi – Verrigni – Ghirelli- Lestini – Salafia. Allenatore: Morea.

GLI OBIETTIVI La dirigenza è stata da subito molto chiara su questo, si vuole andare ai playoff. Più realisticamente forse Ferrara potrà puntare ad un campionato di medio-alta classifica vista la presenza di squadre importanti come Verona, Brescia, Treviso e Mantova. Molto dipenderà da come la squadra riuscirà a gestire le rotazioni corte, sperando nell’assenza di infortuni, cercando di mantenere sempre un’alta intensità di gioco. Altro fattore da non sottovalutare è l’età media altissima (31.5 escludendo i giovani aggregati), l’esperienza di questo gruppo porterà ad una gestione ottimale dei momenti più delicati ma quanto sarà efficace la difesa contro compagini più giovani e dinamiche?

LA PRESEASON AI RAGGI X

23/8: Obiettivo Lavoro Bologna – Bondi Ferrara 94-67 (Rush 10, Lestini 5, M. Ebeling 3, Ibarra 10, Salafia, Losi 22, Verrigni 3, Bianchini ne, Ghirelli 5, Bucci 9). 29/8: Fortitudo Bologna – Bondi Ferrara 98-78 (Rush 18, Ebeling, Lestini 7, Ibarra 12, Bucci 19, Losi 11, Salafia 2, Verrigni, Bianchini n.e, Ghirelli, Brkic 9, Rhett n.e). 4/9: Legnano Knights – Bondi Ferrara 93-78 (Rush 19, Ebeling M. 2, Lestini 7, Ibarra 7, Bucci 12, Losi 9, Salafia 2, Ferrara n.e, Bianchini n.e, Ghirelli, Brkic 20). 5/9: Bondi Ferrara – Raggisolaris Faenza 74-60 (Rush 18, Ebeling 4, Lestini 15, Ibarra 2, Bucci 10, Losi 3, Salafia 3, Ferrara, Bianchini, Ghirelli 6, Brkic 13). 9/9: Andrea Costa Imola – Bondi Ferrara 78-84 (Rush 20, Ebeling 4, Lestini 11, Ibarra 10, Bucci 9, Losi 10, Salafia 4, Verrigni 2, Ferrara, Brkic 13 ). 12/9: Novipiù Casale Monferrato – Bondi Ferrara 69-77 (Rush 22, Ebeling 10, Lestini 6, Ibarra 7, Bucci 10, Losi 3, Salafia, Verrigni 1, Ferrara, Bianchini, Brkic 10). 16/9: Bondi Ferrara – APU Udine 78-65 (Rush 23, Ebeling, Lestini 7, Ibarra 6, Bucci 16, Losi 10, Salafia, Verrigni 4, Ferrara n.e Bianchini n.e Brkic 12). 19/9: Grissin Bon Reggio Emilia – Bondi Ferrara 83-77 (Rush 20, Ebeling 9, Lestini 12, Ibarra 5, Bucci 2, Losi 13, Salafia, Verrigni, Ghirelli n.e Brkic 16). 23/9: Bondi Ferrara – Dè Longhi Treviso 78-74 (Rush 14, Ebeling M. 10, Lestini 17, Ibarra 3, Bucci 12, Losi 6, Ebeling G., Salafia 5, Ghirelli 4, Brkic 7). 26/9 : Bondi Ferrara – Mens Sana Siena 69-95 (Rush 12, Ebeling M. 6, Lestini 9, Ibarra 6, Bucci 19, Losi 4, Ebeling G., Salafia 4, Verrigni, Ferrara n.e, Ghirelli 5, Brkic 4).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy