Intervista esclusiva a Stefano Laudoni,il nuovo Knight: “A Legnano sto vivendo il mio sogno”

Intervista esclusiva a Stefano Laudoni,il nuovo Knight: “A Legnano sto vivendo il mio sogno”

Commenta per primo!

Stefano Laudoni,ala 26enne di Palestrina,è l’ultimo arrivato in casa Knights. Chiamato a sostituire l’infortunato Frassineti,ci ha parlato in esclusiva di come procede il suo ambientamento a Legnano,del suo esordio in serie A e delle sue passioni oltre al basket.

Stefano,sei a Legnano da una decina di giorni… quali sono le tue prime impressioni sulla città?

“Mi sto già abituando. La società mi ha dato un appartamento proprio in centro,sono comodo,mi posso spostare facilmente e in più sono uno che ruba molto con gli occhi,quindi mi sto abituando velocemente alla città. Legnano non è grandissima ma è molto piacevole,tranquilla e con una bella realtà di pallacanestro,e oltretutto è in una bella posizione,vicina a Milano”

Venendo a giocare a Legnano sei salito di categoria. Per ora hai giocato solo una partita,contro Ferrara. C’è gia qualcosa che ti piace particolarmente della serie A e qualcosa che invece ti sembra più difficile?

“Il mio sogno è sempre stato quello di essere un giocatore di pallacanestro professionista. In serie B ci si allenava una sola volta al giorno,mentre ora gli allenamenti giornalieri sono diventati due,e hanno un’intensità nettamente superiore a prima. E’ tutto completamente diverso,e questo mi fa capire che sono arrivato nel professionismo. Questa è una cosa che mi fa rendere conto che qui a Legnano sto vivendo il mio sogno.

La cosa che invece ho potuto notare come più difficile è il livello fisico. In serie A è molto superiore,sia perchè ci sono gli americani,sia perchè è proprio un altro tipo di gioco,basato di più sulla potenza,la corsa e la forza fisica. Però pian piano sto cercando di adattarmi e di fare sempre meglio quello che mi viene richiesto dal coach e che serve in questa categoria a livello di impegno,grinta e fisicità. Spero di riuscirci presto e nel migliore dei modi ”

Nella partita contro Ferrara sei entrato dalla panchina e hai avuto subito un buon impatto,con punti,assist e tanta intensità. Insomma,sei sembrato subito “sul pezzo”…

“Quando sono entrato per il riscaldamento sinceramente ero piuttosto teso. Ma mi sono detto di non pensare a niente,se non a entrare,difendere subito forte,buttarmi su ogni palla,cercare di recuperarne e da lì costruire qualcosa di buono. Sono contento di come ho giocato e di quello che ho fatto,ma ovviamente posso e devo fare meglio. Si può sempre fare meglio”

Quando hai capito che il basket sarebbe potuto essere davvero la tua vita?

“Il momento decisivo è stato nella stagione 2007-2008,quando la Scavolini mi ha chiamato per fare a Pesaro l’ultimo anno delle giovanili. Sono stato aggregato alla prima squadra,e ho potuto giocare tra gli altri con Carlton Myers e Michael Hicks,gente che la serie A l’ha vissuta veramente. Alla fine di quella stagione poi,in estate,sono stato convocato per gli europei under 18 che si sono svolti a Madrid. A quel punto ho pensato che la pallacanestro avrebbe potuto essere davvero il mio pane quotidiano”

Hai un giocatore di riferimento,uno a cui ti ispiri?

“Mi piace tantissimo Lebron James. Fisicamente non si era mai visto un giocatore così,potentissimo ma anche in grado di ricoprire praticamente tutti i ruoli dall’1 al 5. Poi mi piace tanto anche Stephen Curry,che sta facendo davvero la differenza pur non avendo un fisico come quello di Lebron,a dimostrazione che con un fisico “normale” si può comunque essere fenomeni”

Chiudiamo parlando dei tuoi hobby. Quando non giochi a basket cosa ti piace fare?

“Mi piacciono molto le macchine,i motori,fin da quando ero piccolo perchè mio nonno aveva un magazzino edile sotto casa,e dentro quel magazzino teneva un muletto,trattori e cose simili,e da lì ho iniziato a interessarmi di motori. Poi mi piace tanto la musica in generale,ascoltarla anche per ore,magari con le cuffie,sdraiato sul letto. Mi piace qualunque genere,dall’hip pop alla musica italiana. Amo Vasco Rossi,ho anche visto 3-4 suoi concerti”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy