Jesi riabbraccia Battisti: “Desideroso lui e fiduciosi noi”

Jesi riabbraccia Battisti: “Desideroso lui e fiduciosi noi”

Commenta per primo!
senesparla.it

Dopo l’addio di Capitan Maggioli, la lenta costruzione della squadra arancioblù inizia da qui: due anni con Senigallia per crescere, e oggiMatteo Battisti, play classe 1993, torna a Jesi.

“Chi sta costruendo il roster sono le squadre di A2 di prima fascia,–dice il DiesseLigialla presentazione del giocatore-  le operazioni per noi e per la maggior parte delle società sono in standby. Mentre Gaspardo ha comunicato di non avere intenzione di tornare, stiamo aspettando informazioni sulla presenza o meno di Santiangeli da cui essenzialmente dipende la squadra.”

Nella stessa conferenza Paolo Rosati introduce Battisti: “Siamo contenti di riaccoglierlo dopo due anni di esperienza grazie ai quali è diventato un play affermato. Crediamo che sia pronto per affrontare questa esperienza –più concreta di quella con Cioppi sempre qui a Jesi-, è desideroso lui e siamo fiduciosi noi.”

Ligi, che conosce bene Matteovenendo anche lui da Senigallia, ne parla così: “Sono soddisfatto e contento per lui. Credo che questo sia il giusto premio per il suo miglioramento, se lo merita. Spero che possa così affermarsi e crescere, è la giusta categoria per il suo valore odierno.”

Anche Battisti si dice “felicissimo di essere tornato”, sottolineando la sua gratitudine soprattutto per la fiducia accordatagli prima del prestito: “La società mi ha dato fiducia allora quando avevo 19 anni e la sento oggi ancora di più. Sono maturato come giocatore e come uomo, e ora che mi vengono presentati nuovi stimoli voglio dimostrare cosa valgo. Come a Senigallia volevo far vedere di essere capace di reggere la categoria, così oggi voglio affermarmi in A2. Ho già parlato con Lasi, l’impressione che ho avuto è quella di un buon allenatore che sa approcciarsi bene con i giovani, tanto che attualmente è con l’U19 della Nazionale. Questo aspetto è un suo punto di forza, e per me è stato una motivazione in più per la mia scelta.

Ricordo che Cioppi mi faceva marcare duro anche gli avversari più grossi di me, quest’anno sarò più forste per affrontarli.

Quanto al campionato, Jesi costruirà una squadra giovane le cui parole d’ordine saranno lottare e aiutarsi. Sapremo dire la nostra.”

L’operazione risulta soddisfacente anche per Altero Lardinelli, amministratore unico, che ne conclude la presentazione dicendo: “È vero che gli abbiamo dato fiducia, ma d’altra parte lo avevamo già visto giocare, prima del prestito a Senigallia, nell’U19 Eccellenza e nell’Aesis Jesi in serie C portando la squadra in finale.”

Conclude parlando così del campionato: “Si disputeranno delle belle partite, Chieti, Roseto, Recanati. I tifosi, grazie alla vicinanza geografica di parecchie squadre, potranno godersi delle trasferte, così come gli avversari potranno venire a Jesi, il che lo renderà un bel campionato.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy