La Co.Mark è pronta a scacciare i lupi rosso-verdi e staccare il biglietto per la LegaDue Silver

La Co.Mark è pronta a scacciare i lupi rosso-verdi e staccare il biglietto per la LegaDue Silver

Ultima gara casalinga per la Co.Mark Treviglio che domenica riceve al PalaFacchetti i mai troppo amati rivali della Paffoni Omegna, formazione allenata da Giampaolo Di Lorenzo che occupa il terzo posto in classifica a 38 punti e con molte speranze di acciuffare un posto per i playoff; un posto ai playoff che invece gli uomini di Adriano Vertemati hanno visto allontanarsi con la brutta sconfitta subita nell’ultimo turno sul parquet della Viola Reggio Calabria (71-53 il risultato finale a favore dei calabresi) che non ha interrotto il digiuno di successi in trasferta che dura ormai da quasi 6 mesi e che costringe ora i bergamaschi a trovare almeno una vittoria in queste ultime due partite per assicurarsi la presenza nella prossima LegaDue Silver. La sfida appare alquanto ardua per i biancoblù che si troveranno ad affrontare una formazione che viene da ben 6 successi consecutivi (l’ultimo conquistato in casa contro Recanati con il punteggio di 68-64), che nel match d’andata aveva letteralmente asfaltato i ragazzi del presidente Testa con un +31 decisamente eclatante (71-40 alla sirena, con nessun bergamasco in doppia cifra e un brutto 11/52 totale al tiro) e che è decisa a mettere al sicuro il biglietto per i playoff a dispetto degli infortuni che la stanno affliggendo nell’ultimo periodo: proprio in questi giorni è arrivata la notizia dell’infortunio subito dall’ala rosso-verde Stefano Masciadri, al quale è stata diagnosticata la frattura composta del capitello del radio sinistro, infortunio che probabilmente chiuderà la sua stagione come era successo in precedenza anche al centro Paolo Paci.

Il quintetto della formazione allenata da Giampaolo Di Lorenzo vede in cabina di regia Giacomo Mariani, play classe 1986 cresciuto nelle giovanili di Perugia e arrivato alla Paffoni a novembre dopo aver iniziato la stagione con la Viola Reggio Calabria e con alle spalle diverse esperienze in A Dilettanti (Cecina, Fossombrone, Barcellona Pozzo di Gotto, Castelletto Ticino) e due stagioni in LegaDue con Verona, 7.4 punti, 3.7 rimbalzi, 2.7 assist e 1.6 palle recuperate a partita.

Il pacchetto degli esterni prevede l’esperienza di Pierpaolo Picazio, guardia classe 1979 cresciuta nelle giovanili di Reggio Emilia (formazione con cui ha esordito in Serie A ed è sceso in campo 25 volte) e ormai giunta alla sua quarta stagione a Omegna dopo tre annate a Casalpusterlengo e le esperienze in A Dilettanti con Latina e Firenze, un giocatore esperto e molto noto al pubblico trevigliese che contribuisce alla causa rosso-verde con 7.7 punti di media; Christian Villani, ala-piccola classe 1982 arrivata in canotta Paffoni quest’estate dopo una stagione divisa tra Ruvo di Puglia e Castelletto Ticino e con un buon bagaglio di esperienza in A Dilettanti (Potenza, Forlì, Latina, Ruvo di Puglia, Castelletto Ticino), 9.4 punti, 3.5 rimbalzi e 1.2 assist a partita.

Sotto canestro coach Di Lorenzo propone una coppia di giovani interessanti: Massimo Farioli, centro classe 1977 cresciuto nelle giovanili di Modena e giunto quest’estate a rinforzare il roster rosso-verde, un giocatore di grandissima esperienza vista la sua lunga carriera che l’ha visto calcare i parquet di C Dilettanti (Modena), B2 (Forze Armate), B1/A Dilettanti (Cento, Imola, Teramo, Casale Monferrato, Soresina, Venezia, Forlì, Brescia) e conquistare ben 6 promozioni in LegaDue (Teramo, Casale Monferrato, Soresina, Venezia, Forlì, Brescia), 7.6 punti, 5.9 rimbalzi e 1.2 assist di media; Nika Metreveli, centro georgiano classe 1991 arrivato alla Fulgor a dicembre dopo l’estromissione di Napoli dalla LegaDue, cresciuto nelle giovanili di Rimini e Montepaschi Siena con cui ha debuttato in Serie A nel 2009 (oltre alla formazione toscana, ha militato in questa categoria anche con la Dinamo Sassari nel 2011/2012) e con alle spalle già una discreta esperienza in LegaDue (Rimini, Napoli) e A Dilettanti (Ferentino, Napoli), 11.4 punti e 6.6 rimbalzi a partita, cifre che gli fruttano un buon 13.2 di valutazione.

La panchina della Paffoni è un giusto mix tra esperienza e gioventù, vantando alcuni elementi con diversi stagioni di battaglie alle spalle e dei giovani pronti a dire la loro a partita in corso: Andrea Saccaggi, guardia classe 1989 cresciuta nelle giovanili di Livorno e giunta alla quarta stagione a Omegna dopo aver esordito in Serie A con Treviso (formazione con cui ha iniziato la stagione 2009/2010 prima di trasferirsi a Verbania) e la stagione in LegaDue con Livorno, 11.2 punti e 2.3 rimbalzi di media, oltre a una buona pericolosità da 3 punti (2.0/5.6, 35,4 %); Mohamed Toure, play classe 1992 alla seconda stagione con Omegna dopo l’esperienza all’Abc Robur et Fides Varese, 7.2 punti, 2.2 rimbalzi e 1.3 assist a partita; Marko Jovancic, guardia-ala serba classe 1993 arrivata in canotta rosso-verde quest’estate, partito dal vivaio di Trento ma cresciuto prevalentemente nel settore giovanile della Reyer Venezia (formazione di Serie A con cui la scorsa stagione si è allenato in pianta stabile), 2.4 punti in 9 minuti d’impiego medio; Simone Canali, playmaker classe 1993 alla seconda stagione con la canotta della prima squadra dopo essere cresciuto nel vivaio della Fulgor.

Sulla carta la Co.Mark appare inferiore sotto canestro, con la coppia Farioli – Metreveli che pare possa avere la meglio sul duo Raminelli – Perego, mentre dovrà far affidamento sull’estro del proprio pacchetto esterni (Ferrarese, Reati, Pederzini) per scardinare la difesa rosso-verde e portare a casa i due punti.

Treviglio dovrà cercare di riscattare la prestazione opaca offerta domenica scorsa contro Reggio Calabria, un match che l’ha vista veramente in partita solamente nella prima metà per poi subire il forcing avversario e ’ennesima sconfitta in trasferta, con il solo Ferrarese in doppia cifra (16 punti) a tentare di ribaltare le sorti dell’incontro; una vittoria domenica vorrebbe dire mettere una serissima ipoteca sulla partecipazione della compagine bergamasca alla prossima LegaDue Silver per poi concludere la stagione con la non troppo impegnativa trasferta contro San Severo, oltre a mantenere accese le scarsissime speranze di qualificazione ai playoff che sembrano però ormai affar d’altri: negativo, infatti, il gioco delle classifiche avulse e degli scontri diretti con tutte le squadre che la precedono in classifica e che potrebbero essere raggiunte con due successi, Agrigento a parte, oltre al +31 dell’andata contro la Fulgor che lascia poche speranze di recupero. Omegna proverà a reagire all’ennesimo infortunio con una vittoria contro i rivali trevigliesi che spezzerebbe l’imbattibilità casalinga dei biancoblù e potrebbe permettere alla Fulgor di preparare il timbro da apporre sulla carta d’imbarco alla post season.

Arbitri dell’incontro: Marco Pisoni di Gorgonzola (MI) e Nicola Mancini di Caserta (CE)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy