La Remer Treviglio va all’assalto di una Bondi Ferrara in crisi

La Remer Treviglio va all’assalto di una Bondi Ferrara in crisi

Commenta per primo!

Quinta giornata di A2 Est con la Remer Treviglio di coach Adriano Vertemati che, dopo la vittoria interna contro Recanati, vuole confermare il suo buon momento andando a cercare il primo successo in trasferta sul campo della Bondi Ferrara, formazione completamente rinnovata nel corso del mercato estivo nel quale la dirigenza estense ha inserito dei giocatori molto esperti ma che finora ha ottenuto solamente 2 punti in 4 match, bottino che la piazza un gradino sotto rispetto ai ragazzi trevigliesi.

Nell’ultimo turno di campionato i ragazzi di coach Alberto Morea hanno subito la terza sconfitta consecutiva dopo il successo alla prima giornata contro Ravenna capitolando davanti alla De Longhi Treviso (68-78 il risultato finale) al termine di un match che ha visto gli estensi veramente in partita fino a metà secondo quarto quando i veneti hanno piazzato l’allungo che alla fine è risultato decisivo; troppo nervosi gli emiliani (fallo antisportivo a Ibarra, tecnico a Rush) che hanno pagato la prestazione sottotono dello statunitense e ai quali non sono bastate le buone prestazioni di Bucci (il migliore realizzatore dei suoi con 15 punti), Henderson e Lestini.

In cabina di regia coach Morea schiera Matias Ariel Ibarra, playmaker argentino classe 1981: « El Lata » è ritornato in Italia quest’estate dopo la parentesi nel 2009/2010 con la Pallacanestro Reggio Emilia portando con sé un bagaglio di esperienza importante vissuta sui campi del campionato argentino (Deportivo Roca, Club Atlético Quilmes, Boca Juniors, Club Deportivo Libertad, Club Atlético Penarol de Mar del Plata, Union Formosa) e di quello spagnolo (Drac Inca, CB Algeciras, CB Ciudad de Huelva, Autocid Ford Burgos, Palma Aqua Màgica, Costa Urbana Playas de Santa Pola, Gandia Basket, UB La Palma, Club Baloncesto Lucentum Alicante), 4 punti e 2 rimbalzi di media.

Sugli esterni il figlio d’arte Ryan Bucci, guardia classe 1981 nato negli Stati Uniti ma dal passaporto italiano, cresciuto nei settori giovanili di Siena e della Fortitudo Bologna e con a curriculum anche l’esperienza alla Long Island University, Bucci è un giocatore d’esperienza che può vantare un inizio di carriera in B d’Eccellenza (Ragusa, Osimo, Cremona) prima di un quadriennio in LegaDue con Barcellona Pozzo di Gotto e le ultime due positive stagioni a Ferentino, 10.8 punti e 2.3 rimbalzi a partita; al suo fianco Erik Rush, ala piccola classe 1988 statunitense di passaporto svedese (è parte della Nazionale scandinava), dopo il quadriennio universitario con la casacca dei Montana State Bobcats ha iniziato la sua carriera da professionista a Cipro con l’Apollon Limassol, approdata alla corte della formazione estense dopo due stagioni in Serie A con la Pallacanestro Varese e un’annata tra alti e bassi a Reggio Calabria; Rush è uno dei giocatori più pericolosi del roster ferrarese con 13.8 punti, 4 rimbalzi, 2 palle recuperate e 2.3 assist di media.

Sotto canestro lo statunitense Esian Henderson, ala grande classe 1985 arrivata quest’estate a Ferrara dopo il quadriennio universitario con la prestigiosa Università del Missouri e una prima esperienza da professionista nella seconda lega turca con il DSI Spor Kulubu, un giocatore efficace in difesa e con un’ottima mano sia fuori che dentro l’arco e che in queste prime uscite ha sommato 11.5 punti e 7.8 rimbalzi a partita; insieme a lui l’esperto David Brkic, centro classe 1982 cresciuto nelle giovanili della Virtus Bologna e gradito ritorno nella città estense dove ha disputato un mezza stagione molto positiva nel 2004/2005, giocatore con alle spalle diversi campionati nella seconda lega nazionale (Castelmaggiore, Rimini, Ferrara, Imola, Fabriano, Pavia, Caserta – esperienza conclusa con la promozione in Serie A –, Udine – formazione con la quale nel 2010 si merita il titolo di MVP di LegaDue –, Veroli, Brescia e, nelle ultime due stagioni, Napoli) e che sta portando un grande apporto alla causa della Bondi con una doppia doppia di media da 13.3 punti e 10 rimbalzi a cui aggiunge 1.5 stoppate.

Pronta a entrare a partita in corso una coppia di giocatori molto esperta: Jordan Losi, play/guardia classe 1980 cresciuto nelle giovanili della Fortitudo Bologna (formazione con cui ha esordito in Serie A nella stagione 1998/1999 con la canotta griffata Teamsystem), altro giocatore di grande esperienza come dimostrano le sue diverse esperienze nei campionati minori (Castelfiorentino, Torino, Cento, Cavriago, Ferentino, Patti, Verona, Bologna, Mirandola/Mantova, Tortona) coronate dalla promozione in A2 Gold con gli Stings al termine della stagione 2013/2014, giunto a Ferrara quest’estate dopo un’annata in Piemonte e già importante per coach Morea che in queste prime partite lo sta utilizzando dalla panchina ottenendo 9.8 punti e 4.5 assist di media; insieme a lui Federico Lestini, ala grande classe 1983 cresciuta nelle giovanili di Reggio Calabria e approdata a Ferrara dopo un campionato a Scafati e un’annata in DNC con Pescara nel corso della quale ha avuto modo di riscattare alcune stagioni sfortunate causa infortuni con la canotta di Forlì, un giocatore d’esperienza con alle spalle una carriera divisa tra LegaDue (Fabriano, Sassari, Ferrara, Reggio Calabria, Brindisi) e Serie A (Virtus Bologna, Cantù), 8.3 punti e una buona pericolosità da 3 punti (2.3/5.5, 41%).

Completano il roster estense Lucio Salafia (centro classe 1994 rimasto a Ferrara dove era arrivato a inizio raduno per un periodo di prova, il siciliano ha alle spalle esperienze ad Avellino, Verona e, l’anno scorso, in Serie B a Francavilla), Matteo Ghirelli (guardia classe 1996 alla terza stagione a Ferrara dopo esser cresciuto nel vivaio del Nuovo Basket estense di Santa Maria Maddalena), Michele Ebeling (membro del vivaio ferrarese, Nazionale Under 16), Gianmarco Ebeling (membro delle giovanili estensi) ed Edoardo Verrigni (playmaker classe 1997 cresciuto nel vivaio ferrarese).

La Remer arriva a questo match dopo la sofferta vittoria ottenuta sul parquet del PalaFacchetti contro Recanati (77-72 lo score dopo un tempo supplementare), due punti ottenuti dopo una partita che ha visto i bergamaschi avanti per i primi tre parziali per poi subire il ritorno dei marchigiani nell’ultimo quarto e sigillare la vittoria solamente negli ultimi giri di orologio, nonostante l’assenza di Marino (out per un infiammazione al ginocchio) e con ottime prestazioni da Kyzlink (top scorer con 21 punti) e dalla coppia Tambone-Rossi (16 punti ciascuno).

La partita sarà tutt’altro che facile per i biancoblu che probabilmente dovranno rinunciare anche questa domenica a Tommaso Marino. Ferrara presenta un roster molto esperto, con due lunghi in grado di dare un apporto molto importante al gioco degli estensi in termini di punti e di apporto difensivo e un Losi in grado di esplodere entrando dalla panchina. Dalla loro, i trevigliesi hanno un’età media decisamente inferiore, fattore in grado di permetter loro maggiore freschezza nell’arco dei 40 minuti di gioco; oltre a questo, coach Vertemati può contare su un Tomàs Kyzlink in assoluto stato di grazia in questo inizio di stagione e un Matteo Tambone che, dopo aver avuto un impatto molto positivo in un contesto per lui nuovo, ha preso in mano le chiavi della Remer momentaneamente lasciate da Marino senza alcun tipo di timore e si sta rivelando un’arma molto importante nell’arsenale orobico.

 

Arbitri dell’incontro: Angelo Caforio di Brindisi (BR), Christian Mottola di Taranto (TA) e Damiano Capozziello di Brindisi (BR)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy