La sfida Ancona per il Basket Recanati: l’A2 riparte dal PalaRossini

Gioca sulla lettera A finale lo slogan coniato per suggellare il trasferimento del Basket Recanati ad Ancona per le gare ufficiali di campionato. “Recanati ed Ancona, uniti per una grane sfid ..A”.

Gioca sulla lettera A finale lo slogan coniato per suggellare il trasferimento del Basket Recanati ad Ancona per le gare ufficiali di campionato. “Recanati ed Ancona, uniti per una grane sfid ..A”.

Sfida che vede in prima fila coach Marco Calvani (sarà presentato ufficialmente domani sera alle 19 al PalaCingolani), appena due anni fa con lo scudetto di Sassari sul petto e protagonista con i sardi in EuroLega.

Calvani, appena rientrato da un clinic in Africa, era presente questa mattina nella sede del CONI Marche alla presentazione dell’ingresso ad Ancona del Basket Recanati, “un ingresso in punta di piedi, da ospiti” ha sottolineato il presidente Pierini.

E’ stato talmente in punta di piedi l’ingresso ad Ancona del Basket Recanati che la stampa dorica neanche se n’è accorta e quella maceratese (che avrebbe dovuto coprire per effetto provenienza) che ha glissato sull’esodo al PalaRossini.

La conferenza stampa in cui Stamura e Basket Recanati presentava il progetto sia di collaborazione dei settori giovanili che il ritorno del basket di A2 nel capoluogo di regione è stata in pratica disertata dagli organi d’informazione che non hanno colto l’importanza del trasferimento per cause di forza maggiore del Basket Recanati. A parte un quotidiano che è rimasti fino alla fine, tantissime le assenze (a parte un paio di emittenti che si muovono solo se c’è … “prebenda” e che fatte due immagini …. sono andate a pranzo!)

Se questi sono i prodomi la vediamo dura anche riempire il PalaRossini (5006 posti) con gli anconetani (e lo ha detto lo stesso assessore allo sport Andrea Guidotti) molto restii a certe sollecitazioni.

“Con 1000 persone presenti –ha commentato il presidente FIP Davide Paolini- è chiaro che si giocherrebbe nel vuoto, quindi grande lavoro di convincimento ed informazione per far tornare negli anconetani la voglia di grande basket, arriveranno team che hanno calcato anche la massima divisione, qualità e spettacolo ci sono”.

E’ chiaro che un grande lavoro di prossimità per convincere gli anconetani attende il rapporto di collaborazione instaurato tra Stamura e Basket Recanati, con quest’ultima società che deve anche fare fronte a qualche mugugno della sua tifoseria.

In pratica questa mattina è stato solo presentato esclusivamente il progetto di collaborazione tra Basket Recanati, la Pallacanestro Recanati e le società anconetane del CAB Stamura e Stamura Basket che si propongono sotto una stessa bandiera (per il tifo) di unire le tifoserie e le famiglie dei ragazzi tesserati con i rispettivi settori giovanili, e dall’interscambio tecnico l’opportunità per molti giovani di essere messi nelle condizioni di crescere.

Patron Pierini tanto per rassicurare la tifoseria leopardiana ha tenuto a rimarcare che la squadra si chiamerà Recanati, che con grandi sacrifici il titolo sportivo è rimasto nelle Marche, che la squadra sosterrà allenamenti ed amichevoli alternati a Recanati e Ancona, che Recanati sarà la base dei giocatori e che “in 20/25 minuti da Recanati si arriva al PalaRossini”.

Non c’è ancora il main sponsor, un po’ l’eterno problema da cinque/sei anni a questa parte della società.

Pierini è fiducioso sul fatto che questa avventura che intende unire le due realtà territoriali, trasferita in una sede consona come il PalaRossini, con la possibilità di avere quella visibilità televisiva che prima il PalaCingolani non era in grado di fornire, possa muovere l’interesse di qualche sponsor.
Insomma ci si trova davanti ad una grande scatola che come ha sottolineato il G.M., Paoletti ora deve essere riempita di contenuti.

Domani “esordio” recanatese per coach Calvani (attesa per come saprà motivare i tifosi per ora recalcitranti sulla scelta Ancona) e che in queste ore con la dirigenza sta allestendo la squadra.

A Recanati da oggi ci si cala fino a domenica nei Giorni del Giovane Favoloso e passati “i dì di festa” farà sentire la sua voce anche l’amministrazione comunale di Recanati.

Ieri i sindaci di Ancona, Valeria Mancineli (che è di Recanati) e quello leopardiano si sono sentiti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy