La Virtus Bologna supera Imola nel 1° memorial “Luigi Darchini”

La Virtus Bologna supera Imola nel 1° memorial “Luigi Darchini”

Nell’ultima amichevole di pre-season, Imola affronta la Virtus Bologna in occasione del primo trofeo in memoria di Luigi Darchini, socio storico dell’Andrea Costa.

Commenta per primo!

ANDREA COSTA IMOLA- SEGAFREDO VIRTUS BOLOGNA 77-88

IMOLA: Tassinari 13, Cohn 6, Cai 3, Borra ne, Maggioli 10, Ranuzzi 10, Prato 6, Preti 4, Hassan 12, Norfleet 10.

BOLOGNA: Spissu 11, Umeh 14, Pajola 2, Spizzichini 12, Petrovic 5, Ndoja 5, Rosselli 3, Michelori 9, Oxilia 3, Penna, Lawson 24.

Nell’ultima amichevole di pre-season, Imola affronta la Virtus Bologna in occasione del primo trofeo in memoria di Luigi Darchini, socio storico dell’Andrea Costa. Test importante per le due formazioni, che si riaffronteranno tra poco più di due settimane nella seconda giornata di campionato, sempre al PalaRuggi di Imola. La formazione di coach Ramagli si presenta al completo, mentre Imola deve ancora fare a meno di Borra, tenuto precauzionalmente a riposo per un disturbo alla schiena.

Spissu apre le danze con un facile lay-up, mentre Imola inizia con le polveri bagnate, così la Virtus ne approfitta per allungare con 2 punti di Lawson dalla lunetta (4-0). I padroni di casa cominciano a giocare con pazienza, e Maggioli sblocca i suoi con un piazzato su assist di Ranuzzi. La partita è bella e le squadre si affrontano a viso aperto: Lawson fa la voce grossa sotto canestro, dall’altra parte Hassan si accende con una delle sue triple, subito vanificata da una prodezza di Umeh dalla lunga distanza (5-9). Per Imola vanno a segno i soliti Ranuzzi, Cohn, e Maggioli, ma Lawson è particolarmente ispirato, e dopo poco più di 6 minuti ha già messo a referto 11 punti (16-19). Spissu fa 2/2 dalla lunetta in seguito a un antisportivo sanzionato a Cohn, mentre dall’altra parte Norfleet fa solo 1/2. Gli allenatori cominciano a pescare dalla panchina: entrano Preti, Tassinari, Prato da una parte, Oxilia e Spizzichini dall’altra. Tassinari brucia la difesa in palleggio e segna in arresto e tiro, per poi conquistare altri 2 punti dalla lunetta nell’azione successiva. Momento di confusione per entrambe le squadre, che riescono ad andare a segno solo dalla lunetta. Infatti sono 2 liberi di Preti sancire il 23-26 di fine primo quarto.

Umeh azzanna il secondo quarto con una bomba di carattere, mentre per Imola ci pensa un insospettabile Pelliconi con 3/3 dalla lunetta. Cohn si avvale di un momento di defiance bolognese, vola in contropiede su palla recuperata da Prato e accende il pubblico, ma Michelori non si fa impressionare: and-one per il veterano virtussino. Ai 2 liberi di Prato replica Umeh, caldissimo, che punisce ancora Imola dai 6,75 (30-35). I biancorossi sono disattenti a rimbalzo difensivo, e concedono troppi secondi tiri, di cui approfitta ancora Michelori. Al contrario, la difesa virtussina è molto brava a chiudersi in area e a negare canestri facili. Intanto Umeh non si ferma più, e piazza un’altra tripla (già 4 in 15’). 32-42 a metà frazione. Lo stesso Prato prova a tenere a galla i suoi con 3 punti da capitano, ma Bologna gioca meglio e la tripla di Rosselli mantiene 10 lunghezze di distanza (35-45), quando mancano 4’ all’intervallo. Si apre una fase di stallo, in cui né Imola riesce a ricucire lo strappo, né Bologna trova l’allungo decisivo. Un fade-away di Maggioli spinge Coach Ramagli a chiamare time out sul 38-47. Imola trova un altro buon break, con Maggioli che cancella Lawson, e dall’altra parte Ranuzzi trova il lay-up rovesciato per il -7 (40-47). I ragazzi di Coach Ticchi sono però particolarmente deconcentrati (14 palle perse in 20’), e non riescono ad approfittare dei pochi cali di tensione degli ospiti; a metà partita le V nere conducono per 40-49.

Ranuzzi sblocca il tabellone con una bomba dall’angolo, mentre Norfleet mette in mostra tutto il suo talento offensivo realizzando 2 punti acrobatici. Ma Lawson prima, e Spissu poi, mantengono le distanze. Hassan si mette in proprio trovando 2 punti forzati, mentre Bologna muove bene la palla, le rotazioni imolesi saltano, e Lawson inchioda la schiacciata del 47-57. Il centro virtussino è semplicemente incontenibile, e si porta a casa rimbalzo offensivo più tap-in. Un Ranuzzi troppo nervoso commette sfondamento e, a metà terzo quarto, abbandona la partita per raggiunto limite di falli. Hassan si prende allora la squadra sulle spalle col canestro e fallo, sbagliando però il libero supplementare. Lawson continua nel suo show personale con un piazzato dai 5 metri (10 punti in 5’30’’), allargando il vantaggio sul 50-63 a metà terzo quarto. Preti porta un po’ di energia dalla panchina, conquistando fallo e convertendo a cronometro fermo. Imola ci prova con la zona, ma con scarsi risultati, mentre in attacco non riesce a trovare continuità. Non aiuta poi il metro arbitrale, forse eccessivamente severo, che consente agli ospiti di trovare sempre punti sicuri dalla lunetta (con Lawson e Michelori). Quando Cohn appoggia comodamente a canestro per il -11 (56-67), la panchina bolognese decide di fermare la partita. I padroni di casa non interrompono però il break positivo: un canestro Norfleet alla Durant, e il floater di Tassinari chiudono il quarto sul -7 (60-67).

A inizio quarta frazione Imola spreca un paio di occasioni per accorciare ulteriormente le distanze, così Spizzichini spara la bomba che riporta la Virtus in doppia cifra di vantaggio. Il clima è teso, e la terna arbitrale ha perso il controllo della situazione. Michelori viene beccato dal pubblico, ci casca e commette fallo tecnico, ma il danno è contenuto dalla palla recuperata di Spizzichini con 2 punti in contropiede annessi. Copione che si ripete un minuto dopo con lo stesso soggetto, ma questa volta c’è anche il fallo subito e il libero aggiuntivo a segno. Bologna è e +14 (61-75) a 6’ dalla sirena finale. Dopo le realizzazioni di Oxilia e Maggioli, uno Spizzichini in gran spolvero trova un altro canestro e fallo (63-80). Il jumper di Spizzichini (13 punti in 6’) apre ufficialmente il garbage time- non molto diverso in realtà dal resto dell’incontro dal secondo quarto in poi- per il 77-88 finale.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy