LNP Silver, ti voglio presentare – Mantova, grandi novità con radici nel passato

LNP Silver, ti voglio presentare – Mantova, grandi novità con radici nel passato

Commenta per primo!

Mantova è pronta; lo sono i giocatori, lo staff e tutti i tifosi che con ansia attendono il 6 ottobre, giorno dell’esordio a Bari contro il Cus. L’estate mantovana della palla a spicchi è stata un susseguirsi di novità e comunicati, segno del generoso lavoro messo in atto dalla società per regalare agli appassionati una grande annata di basket.

I cambiamenti dopo il ripescaggio in Lega2 Silver hanno interessato ogni settore del team biancorosso; a cominciare dal roster, modificato per 8/10, passando per la rivoluzione nello staff tecnico, con l’arrivo di coach Alberto Morea e di un cambio totale degli assistenti, e arrivando alla modifica del logo e al cambiamento del nome da Pallacanestro Primavera a Pallacanestro Mantovana.

Oltre ai cambi interni alla società, patron Negri e collaboratori hanno puntato a rafforzare e consolidare i rapporti con le realtà cestistiche nella provincia, intensificare la collaborazione con il PalaBam e il comune di Mantova, e cercare di acquistare sempre più visibilità partecipando a numerosi eventi sportivi.

Inutile dire che la speranza è quella di poter continuare a mettere in mostra il grande basket per il pubblico mantovano, cercando di creare un movimento significativo che possa coinvolgere giovani e genitori.

Si è chiusa ufficialmente con l’incontro amichevole di ieri contro l’Assigeco Casalpusterlengo, avversaria in Lega2 Silver, la pre-season degli Stings. I segnali positivi sono molti, a partire dai due leader che sono stati confermati: Jordan Losi e Luca Pignatti. I due infatti, sono da subito apparsi in gran forma e hanno lasciato il segno in ogni match disputato.

Estremamente positivo poi, è stato l’inserimento del primo acquisto in casa Stings Alex Ranuzzi, che ha portato, oltre ad una grande dose di agonismo e atletismo giovando agli schemi difensivi di coach Morea, un importante contributo in termini realizzativi.

Buona parte dei successi ottenuti e del bel gioco, è stata anche frutto dell’altro importante arrivo estivo, l’italo-americano Mike Nardi, che ha portato nuovi assist e velocità in terra mantovana.

I due under arrivati in prestito da Reggio Emilia, Francesco Veccia e Giovanni Allodi, hanno dimostrato di poter ben figurare nel team dei “pungiglioni”, grazie anche al loro costante impegno e alla grande serietà che, nonostante la giovane età, hanno dimostrato seguendo passo a passo le indicazioni del nuovo coach.

Altro importante tassello del roster 2013/14 per gli Stings sarà Mirza Alibegovic, messosi subito in mostra per le grandi qualità atletiche che gli hanno permesso di entusiasmare il pubblico con una bella schiacciata contro Treviso, e per la sua precisione dall’arco dei 6,75.

Dei due Usa arrivati arrivati alla corte di Morea, il primo è stato Johndre Jefferson, pivot di 207cm che al suo debutto in maglia Stings ha contribuito in maniera determinante a recuperare prima, e a vincere poi la sfida con la PMS Torino.

Il secondo statunitense è Ramon Clemente, ala grande/pivot di 200cm che si è aggregato solamente venerdì ai compagni.

Nell’unico incontro disputato, Ramon è stato uno dei protagonisti mettendo a referto 14 punti, e possiamo star certi che una volta migliorata l’intesa coi compagni potrà diventare uno dei leader della neo-nata Pall. Mantovana.

A completare il roster sarà Francesco Soliani, prodotto del vivaio biancorosso che si potrà dire sicuramente entusiasta di far parte di un gruppo con così grandi ambizioni.

A dirigere il tutto dalla panchina sarà il neo-arrivato coach Alberto Morea.

Il nuovo tecnico della squadra virgiliana è apparso fin dai primi giorni molto determinato a far bene, e ha collaborato molto attivamente alla selezione dei giocatori e dello staff tecnico. Da subito ha fatto capire di voler avere a disposizione un roster altrettanto motivato, e sopratutto molto affiatato.

Infatti la ricerca si è focalizzata su un ristretto numero di giocatori che potessero essere in possesso delle qualità per far parte dello “Spirito Stings”, da sempre segno distintivo della società di Poggio Rusco, che fa dell’agonismo sportivo e dell’altruismo verso i propri compagni le sue qualità migliori.

IL ROSTER

 

GIOCATORE

STATISTICHE 2012/2013

JORDAN LOSI

13.6 pts, 4.2 rim, 5.5 ass (Poggio Rusco)

MIKE ROMAN NARDI

11.5 pts, 5.4 ass, 51% t2 (Matrixx Magixx – Eredivisie, Paesi Bassi)

MIRZA ALIBEGOVIC

3.4 pts (Pistoia – Legadue)

FRANCESCO VECCIA

0.2 pts (Reggio Emilia – Serie A)

FRANCESCO SOLIANI

NDP

ALEX RANUZZI

12.9 pts, 5.8 rim, 2.4 prec (Castelletto Ticino – DNA)

RAMON CLEMENTE

18.1 pts, 10.0 rim, 56.6% t2 (Ironi Nahariya – National League, Israele)

LUCA PIGNATTI

11.8 pts, 6.8 rim (Poggio Rusco)

GIOVANNI ALLODI

NDP

JOHNDRE JEFFERSON

17 pts, 13.9 rim, 63.1% t2, 2.9 st (Elitzur Ramla – National League, Israele)

 

 

IL PRECAMPIONATO AI RAGGI X

 

Stings Mantova 79 – 92 Temple Owls University

Mobyt Ferrara 68 – 70 Stings Mantova: Veccia 3, Ranuzzi 15, Nardi 9, Soliani, Alibegovic 9, Pignatti 11, Allodi, Piunti 4, Losi 19.

EA7 Emporio Armani Milano 112 – 76 Stings Mantova: Veccia 12, Ranuzzi 17, Nardi 3, Soliani, Alibegovic 11, Pignatti 10, Allodi 2, Piunti 7, Losi 12.

Pallacanestro Reggiana 100 – 69 Stings Mantova

PMS Torino 74 – 79 Stings Mantova : Jefferson 14, Veccia 3, Nardi 15, Alibegovic 8, Pignatti 7, Allodi 2, Ranuzzi 12, Piunti, Losi 18.

Fulgor Forlì 42 – 56 Stings Mantova: Jefferson 12, Galli, Veccia 6, Nardi 5, Alibegovic 5, Pignatti 8, Allodi, Ranuzzi 20, Piunti n.e, Cassinerio.

Stings Mantova 75 – 64 Leonessa Brescia

Stings Mantova 79 – 63 Treviso: Ranuzzi 22, Pignatti 16, Nardi 10, Losi 11, Allodi 3, Alibegovic 11, Veccia 6, Soliani, Cassinerio.

Assigeco Casalpusterlengo 80 – 77 Stings Mantova: Jefferson 6, Cassinerio n.e, Veccia 5, Nardi 25, Alibegovic 8, Pignatti 6, Allodi 2, Ranuzzi 6, Clemente 14, Losi 5.

 

ASPETTATIVE E PRONOSTICI

La società gestita dal Presidente Adriano Negri ha messo a disposizione di coach Morea un roster altamente competitivo, dove le grandi qualità tecniche si miscelano bene con quelle agonistiche e combattive dei singoli giocatori, creando senza alcun dubbio la squadra più forte che il basket mantovano abbia mai visto prima d’ora.

Nonostante questo non bisogna dimenticare che gli Stings sono al loro primo anno in un campionato di Lega 2, e quindi una salvezza tranquilla sembrerebbe essere l’obiettivo più realistico al momento.

Certo è che se il team mantovano dovesse partire col piede giusto, sarebbe lecito aspettarsi un approdo ai playoff.

Molto dipenderà dall’inserimento più o meno rapido dei due statunitensi, e dall’auspicabile armonia di gruppo che si verrà a creare tra tutti gli elementi che faranno parte di questa nuova avventura marchiata Stings.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy