Manital – Bawer, un warm up con vista play off

Manital – Bawer, un warm up con vista play off

Commenta per primo!
TORINO  – La Manital Torino torna a giocare tra le mura amiche, lo fa dopo quasi un mese e mezzo di astinenza, complice un calendario DNA storpiato dagli abbandoni e dalle pause.Al Ruffini domenica è attesa la Bawer Matera, un incontro che si preannuncia particolarmente delicato anche se la pole play off è già stata assegnata. La formazione di Pillastrini sta infatti attraversando la fase più travagliata di una stagione fino a qualche giornata fa praticamente perfetta, la sconfitta in Coppa Italia contro Castelletto ha lasciato strascichi che, complici anche alcuni infortuni hanno reso la vita difficile ai gialloblù : da Follonica in poi infatti sono rimasti a secco. La battuta di arresto in casa di Ferrara è l’ultima di una serie che ha raggiunto il punto più basso nella sfida persa a Firenze rimediando un passivo mai visto quest’anno. Contro gli emiliani giovedì scorso, la Manital ha comunque mostrato una condizione migliore, ha condotto a lungo i giochi, prima di “inciampare” in un ultimo quarto poco prolifico in attacco e viziato da troppi falli. Si è rivisto un Gergati in gran spolvero,autore di 22 punti (20 di valutazione) assistito da un Baldi Rossi molto combattivo sotto canestro (13 punti e 26 di valutazione), prova al di sotto delle aspettative per gli altri big limitati da una situazione falli pesante. Incidenti di percorso oppure primo campanello d’allarme?  E’ difficile rispondere in maniera obiettiva : senz’altro le ultime partite (San Severo, Chieti e Ferrara) hanno visto una Manital meno cinica nei minuti finali, la gara di domenica servirà a ritrovare ritmo, gambe e atmosfera, quella giusta, in vista dei play off.
 
QUI BAWER – Formazione caparbia e quadrata, può vantare il primato di essere stata la squadra che più ha infastidito la Manital nel girone di andata. Al Palasassi giocò una gara perfetta, riuscendo ad imporsi nettamente (81 -69). La regia dei lucani è affidata al duo Cantone Vico, entrambi  buoni tiratori dall’arco, il primo è classe 1986, ha all’attivo alcune presenze nella nazionale giovanile ed uno score quest’anno vicino alla doppia cifra (9 punti, 3 assist e 44% dalla lunga distanza), il secondo è classe 1987, doppia nazionalità (italo argentino), in pianta stabile nello starting five già da un paio di stagioni, naviga alla media invidiabile di 14,6 punti di media a partita,fu decisivo nel match di andata. Benedetto può contare lontano da canestro anche sul valido apporto di Vitale (giocatore versatile in grado di giocare da 3 e da 4, vicino alla doppia cifra anche lui, all’andata segnò a referto uno score di 13). E’ la batteria dei lunghi il fiore all’occhiello su cui la Bawer ha costruito la sua fortuna : partendo dall’esperienza di un veterano ex Viola come Grappasonni in grado di assicurare punti e rimbalzi, affidandosi poi ad un altro totem come Rezzano (13.8 punti e 6.6 rimbalzi di media, protagonista indiscusso della gara di andata con 19 punti) e ad uno dei più promettenti giovani, classe 1991 Iannuzzi (13.8 punti e 6.8 rimbalzi). Giuffrida (guardia) e Samoggia infine costituiscono delle alternative in più per i lucani che hanno in rosa anche molti giovani provenienti dal vivaio. La Bawer nel turno infrasettimanale ha festeggiato sul campo di Perugia, l’approdo matematico ai play off, Torino difenderà invece il fortino del Ruffini. Il big match è un’occasione per entrambe, la fase finale è vicina è tempo di scaldare i motori.
 
SOLO 3 EURO Per i tifosi che assisteranno al derby calcistico della Mole, sarà possibile entrare presentando il tagliando (o abbonamento) ottenere un prezzo scontato pari a 3 euro.
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy