Mantova a Roseto per una prova di maturità

Mantova a Roseto per una prova di maturità

Dopo il ritorno alla vittoria con Legnano, gli Stings cercano di confermarsi contro il miglior attacco del campionato su uno dei campi più difficili della Est

Commenta per primo!

Un vero e proprio test d’alta quota per la Dinamica Generale Mantova contro la Mec-Energy Roseto. Due squadre decisamente in salute quelle di Martelossi e Trullo che occupano rispettivamente la quarta e sesta piazza del campionato e che vengono entrambe da tre successi nelle ultime cinque gare. Per gli Stings dopo i tre successi consecutivi e il brusco stop di Trieste è arrivata una vittoria concreta contro una Europromotion Legnano in astinenza da vittorie dallo scorso 6 dicembre. A livello di spettacolo non è stata certo la miglior partita della stagione, ma sono pur sempre arrivati due punti che hanno permesso di mantenere ben saldo il quarto posto e accorciare nei confronti di Brescia a -4. Proprio la Leonessa è stata l’ultima “vittima” di Roseto, uscita con le ossa rotte, sportivamente parlando, sia al PalaMaggetti che al Pala San Filippo. La “W” di Brescia è arrivata dopo un altro successo particolarmente impressionante, in casa, contro la Scaligera. Un perentorio 91-74 che ha riscritto le leggi statistiche del campionato con la miglior difesa del campionato, quella dei veronesi, che si è ritrovata davanti la prima squadra in grado di farle subire più di 79 punti in una partita. A tal proposito, si ricordino i soli 55 realizzati dagli Stings nel derby con la squadra di Boscagin & Co., anche se la partita si disputò al PalaOlimpia.

Proprio il PalaMaggetti è la forza del team di Trullo. Qui sono arrivate solo due sconfitte, peraltro agli inizi del campionato contro Treviso alla prima giornata (73-82) e contro l’Andrea Costa (89-94). Ad essere precisi, gli Sharks non perdono in casa dal 2 novembre scorso, mentre la Dinamica in trasferta ha vinto solo una volta tra novembre e gennaio (a Recanati il 3 gennaio per 77-96). Roseto è il miglior attacco del campionato (82.6 punti a gara) e non serve un esperto per notarlo visto che basta dare un’occhiata al calendario degli abruzzesi per farsi un’idea di cosa sono in grado di fare in fase offensiva: ben 7 volte oltre i 90 punti, di cui 3 sopra i 100 punti. E’ un ritmo che poche squadre possono reggere in un campionato equilibrato come quello di quest’anno. La principale risorsa realizzativa della Mec-Energy è Bryon Allen, miglior marcatore del campionato con oltre 23 punti a gara (6 volte oltre 30 punti e una partita da 42 punti, contro Recanati, come da tempo non se ne vedevano in questa categoria) e 37 punti segnati all’All Star Game. Insieme a Kyle Weaver forma una coppia di stranieri di tutto rispetto per la categoria visto che, sommati, i due forniscono circa 39 punti a partita a Roseto (cioè quasi il 50% della media a gara). Naturalmente da temere per la Dinamica (che all’andata non affrontò Allen, assente per infortunio) ci sarà anche Jacopo Borra, grande protagonista dell’andata con 22 punti in poco più di 20 minuti.

Per Martelossi e Mantova è l’ora della verità. Contro le “grandi” non sono state molte le soddisfazioni (solo una vittoria con Imola e un importantissimo 2-0 con la Fortitudo), mentre con le squadre dalla metà classifica in giù i biancorossi fanno spesso la voce grossa. E’ tempo di una prova di maturità e di dimostrare che si è in grado di affrontare anche avversari di elevata caratura in una situazione ambientale che sarà sicuramente infuocata al PalaMaggetti. Nel proprio arciere, il tecnico friulano, potrà contare un Hurtt in crescita (35 punti contro Recanati, 25 con Bologna, 12 con Trieste e 22 con Legnano), oltre a Simms che sta cominciando a trovare un po’ di continuità e forse anche il giusto feeling col campionato italiano. Molto probabilmente tornerà disponibile anche Riccardo Moraschini (tenuto a riposo contro Legnano per recuperare dall’operazione al dente del giudizio) e un Lorenzo Gergati al top della forma (sfortunata la sua ultima partita con solo un punto all’attivo). Menzione d’onore poi per la giovanissima ala laziale classe ’96 Davide Alviti: pochissimi minuti disputati nel corso del campionato, ma tanta personalità contro Legnano con due bombe segnate e un assist per Simms. C’è da pensare che la fiducia ricevuta da coach Martelossi venga ripagata anche nei prossimi impegni.

In definitiva, contro Roseto sarà un impegno importante da non mancare assolutamente per gli Stings che dovranno dimostrare di essere cresciuti sia rispetto all’andata (quando arrivò la prima sconfitta in campionato) sia rispetto all’atteggiamento mentale e soprattutto difensivo. Contro Allen e soci servirà una prova di sostanza per evitare di diventare l’ennesimo boccone di questa stagione per gli Squali abruzzesi.

Le parole di Alessia Negri, addetto stampa degli Stings, intervenuto alla trasmissione radiofonica Speak & Roll di www.radio5punto9.it: “La difesa, specialmente in questa partita, sarà fondamentale con Roseto che ha il miglior attaccante e il miglior attacco. Servirà concentrazione per tutti i 40 minuti per riuscire a portarla a casa in un palazzetto difficile come il PalaMaggetti. I blackout che abbiamo avuto nel corso del campionato sono dovuti essenzialmente a degli errori in difesa che qui non potremmo permetterci. Dovremo attaccare e difendere come siamo in grado di fare sin dal primo minuto con la giusta determinazione“.

 

Precedenti (solo partite UFFICIALI):

DNA Silver 2013-14

Roseto – Mantova 81-55

Legion 27 +10, Sowell 20/ Losi 14, Jefferson 13+12

Mantova – Roseto 79-80

Jefferson 19+12, Losi 16/ Legion 30+15, Bisconti 17+11

Andata:

Dinamica Generale Mantova – Mec-Energy Roseto 75-77

Moraschini 22/Ndoja 13 – Weaver 24/Borra 22

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy