Mantova al PalaVerde per iniziare al meglio il ciclo di incontri con le grandi

Mantova al PalaVerde per iniziare al meglio il ciclo di incontri con le grandi

Dopo l’esordio amaro con Jesi, gli Stings vogliono subito rifarsi con Treviso, nel primo di una lunga serie di match clou che attende i biancorossi nel prossimo mese e mezzo

Commenta per primo!

Falsa partenza per gli Stings al loro terzo campionato nella seconda lega nazionale. Sorpresi dall’intensità e dal cinismo di Jesi, i biancorossi di coach Alberto Martelossi hanno dovuto rimandare la loro prima gioia stagionale. Destino opposto invece per Treviso, uscita vincitrice 70-66 dalla bolgia del PalaRubini contro l’Alma Trieste. Così come sono state opposte le linee di mercato adottate dalle due società, con Mantova che ha deciso di confermare solo Amici e Gergati dalla passata stagione, mentre Treviso ha mantenuto intatto il gruppo di italiani inserendo l’esperto Jesse Perry (apprezzato in A2 con la maglia di Imola due stagioni fa) e il rookie all-around Quenton DeCosey. A combaciare, però, sono le ambizioni delle due dirigenze. Seppur non si siano date un obiettivo specifico, entrambe sono decise a vedere le proprie squadre al top del girone Est e a disputare dei playoff che durino il più a lungo possibile.

Per Mantova arrivare al top non sarà tuttavia un processo né immediato né facile. Ciò è stato evidenziato dal weekend di Supercoppa LNP, che i biancorossi hanno terminato come quarti alle spalle proprio di Treviso, e dalla prima gara con Jesi, seppur quest’ultima giocata in maniera migliore rispetto alla due giorni della settimana precedente. Gli Stings devono ancora trovare un’identità di gioco precisa, continuità e soprattutto la giusta mentalità. Questo aspetto è stato peraltro evidenziato da coach Martelossi in diverse circostanze. Proprio contro i marchigiani si è vista una squadra molto bella a tratti, con le giocate di classe sull’asse Giachetti-Daniels, e più impacciata e legnosa in altri. I meccanismi difensivi sono ancora da oliare nel migliore dei modi, così come l’attacco deve migliorare in termini di rendimento, ritmo e gestione dell’ansia, visto che ad un certo punto della partita Corbett e Amici le hanno provate tutte dall’arco pur di sbloccare se stessi a referto e la partita in sé. Tutto questo era comunque parzialmente prevedibile considerando la scarsa conoscenza reciproca dei giocatori, i quali hanno, in ogni caso, ampi margini di miglioramento considerando il diffuso talento presente in tutti i reparti.

Tali miglioramenti dovranno però arrivare già domenica contro Treviso, nel primo di infiniti match clou che il calendario degli Stings ha in programma. Dopo la De Longhi sarà il turno della Virtus Bologna, poi Ferrara e nelle settimane successive Fortitudo Bologna, Verona e Imola. In sostanza, la materia prima su cui lavorare (oltre che la capacità e l’ampia conoscenza della categoria) per Martelossi c’è tutta, bisognerà solo forzare un po’ i tempi per far sì che la Dinamica si faccia trovare ben vestita ai primi appuntamenti galanti della stagione.

Il pensiero del centro degli Stings Francesco Candussi, intervenuto ai microfoni di Speak & Roll su www.radio5punto9.it: “Non bisogna dare troppo peso ai nostri due precedenti confronti al Torneo di Pordenone e nella finalina della Supercoppa. E’ una squadra molto forte, costruita con roster profondo, lungo e di talento che può contare su un aiuto incredibile da parte del pubblico. Sarà una partita bella e importante per entrambe le squadre che noi dovremo giocare a viso aperto. Se faremo questo, allora, vittoria o sconfitta che sia, riceveremo la giusta iniezione di fiducia in vista dei prossimi incontri. I tanti big match che avremo nelle prossime giornate non ci devono preoccupare. Siamo una squadra molto concentrata contro le grandi. Perry e DeCosey sono due americani di gran livello per la categoria. DeCosey ha avuto difficoltà all’inizio, ma già dalla Supercoppa ha dimostrato di essersi aggregato molto bene. Perry è una macchina da doppia doppia che conosce il campionato. Su tutto Treviso ha comunque il valore aggiunto di non aver cambiato tanto il roster dall’anno scorso, mantenendo un ottimo gruppo di italiani”.

Sarà possibile seguire la diretta su LNP TV Pass, oppure in diretta radiofonica su BluRadioVeneto (88.7 e 94.7 mhz) anche streaming suwww.bluradioveneto.it e su www.radio5punto9.it o sull’app Radio 5.9.

Precedenti ufficiali:

A2 2015/16

De Longhi Treviso – Dinamica Generale Mantova 91-87 3OT

Fantinelli 25+11+11/Abbott 16 – Moraschini 19+10/Ndoja 18

Dinamica Generale Mantova – De Longhi Treviso 70-68

Ndoja 21/Amici 12 – Fabi 22/Abbott 13

Supercoppa LNP 2016 Finale 3°-4° posto

De Longhi Treviso – Dinamica Generale Mantova 81-76

DeCosey 24/Perry 23+12/ Candussi 16/Corbett 16

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy