Mantova, Ferguson e Udanoh si presentano: “Qui per vincere”

Sono stati presentati questo pomeriggio i due nuovi arrivati in casa Stings, il play-guardia Jazzamarr Ferguson e l’ala/centro Ike Udanoh.

Commenta per primo!

Questo pomeriggio, presso l’Hotel La Favorita di Mantova, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione degli imminenti playoff che la Dinamica Generale Mantova inizierà a disputare domenica alle 18 contro Agrigento. Alla presenza del presidente Marco Prandi, del direttore sportivo Gabriele Casalvieri e del coach Alberto Martelossi sono stati anche presentati i due nuovi arrivati a stelle e strisce che daranno il loro contributo alla causa biancorossa nel corso del post-season, l’ex play-guardia di Biella Jazzmarr Ferguson e il centro ex Ferrara Ike Udanoh.

Ecco le parole dei due nuovi acquisti di Mantova e di coach Martelossi.

Ferguson: “Sono contento di essere arrivato a Mantova, un club di grande ambizione, con un coach preparato e un’ottima organizzazione. Spero che la mia dinamicità e quella di Ike possano aiutare la squadra a vincere il campionato, un’idea condivisa dal nostro coach e dal presidente. Secondo me l’inserimento in questa squadra da parte mia e di Ike non sarà difficile. La squadra ha un sistema che ci permetterà di inserirci nel migliore dei modi. Il mio tipo gioco si sposerà bene con questa squadra. A Biella ho giocato tutte e 30 le partite di regular season e posso dire che la squadra migliore è Scafati, ma ce ne sono tante altre come Tortona, Agropoli (che ha due americani molto buoni) e Agrigento che ha un gruppo con molta esperienza di gioco“.

Udanoh:”Sono felice di essere qui, non potevo capitare in una situazione migliore. Con me e Jazz possiamo arrivare davvero lontano, non vedo l’ora di scendere in campo. L’Italia è una delle leghe migliori in Europa ed è sempre stato un mio obiettivo giocare qui. Devo dire che non sono rimasto deluso dell’impatto che ho avuto a Ferrara con la realtà cestistica italiana. Qui si gioca davvero ad alto livello e il campionato è molto competitivo. Sono qui da circa una settimana e posso dire che i miei compagni sono bravi ragazzi e bravi giocatori“.

Martelossi: “Nel corso della regular season abbiamo fatto un ottimo cammino. Negli ultimi mesi abbiamo fatto uno sforzo emotivo e fisico molto importante tra Coppa Italia e campionato trovando vittorie di spessore e altre di rimonta come quella contro Ferrara. L’obiettivo stabilito con la società, ossia di arrivare tra le prime 4, è stato raggiunto ed è un altro merito di questo gruppo. Dobbiamo ricordare anche il calore del pubblico che è aumentato molto nel corso della stagione. Dovremo affrontare i playoff con umiltà, nessuno può pensare di possedere dei diritti acquisiti. Bisogna pensare che la nostra società è nuova a questi palcoscenici, quindi mi piacerebbe rivedere la stessa curiosità e umiltà che abbiamo avuto per la Coppa Italia, sia da parte nostra sia da parte di chi ci ha seguito a Rimini. La vera chiave di questi playoff per noi non saranno tanto i nuovi arrivi, quanto quelli che ci sono già e la loro coesione. Sappiamo di avere dei limiti tecnici e caratteriali: ci siamo resi protagonisti di partite di m… e altre volte di gare straordinarie, quindi la crescita passerà prima di tutto dalle loro mani. Voglio precisare che l’aggiunta di Jazz e Ike non è un vezzo, ma è dettata da una necessità, dato che sono due giocatori che hanno caratteristiche diverse rispetto ad Hurtt e Simms. Justin sta affrontando un periodo involutivo dal punto di vista fisico e della mentalità e non c’erano i presupposti per entrare nei playoff con la giusta tranquillità né per lui né per la squadra. Al di là di Justin e Kenny, ritengo che con la regular season si sia chiusa una prima parte di stagione e credo che non ci fossero ulteriori margini di miglioramento o possibilità di fare molta strada ai playoff. Da qui la scelta di una differenziazione e di puntare su Ike e Jazz“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy