Mantova, Prandi ad “A tu per tu con l’area tecnica biancorossa”: “Stiamo potenziando la nostra presenza in città”

Mantova, Prandi ad “A tu per tu con l’area tecnica biancorossa”: “Stiamo potenziando la nostra presenza in città”

Negri e Casalvieri: “Daniels sempre più protagonista. Allenamenti sempre aperti ai tifosi”

Commenta per primo!

Secondo appuntamento con la rubrica degli Stings dedicata alle risposte alle domande settimanali dei tifosi.

Hanno risposto alle seguenti domande Adriano Negri, Responsabile Tecnico, e Gabriele Casalvieri, Direttore Sportivo:

Come sta Daniels? Il peggio è passato e quindi rimarrà con noi sicuramente?

Questa era una domanda formulata in un primo momento la settimana scorsa e credo che dopo la prestazione di domenica non ci siano tanti dubbi. In ogni caso sapevamo che bisognava avere un po’ di pazienza per potergli consentire di recuperare la condizione migliore. Per il suo problema alla vista ci si sta muovendo ed anche questo problema sarà risolto a brevissimo. Daniels si sta ambientando e legando sempre più al gruppo e questo gli consentirà di essere sempre più protagonista nel proseguo della stagione. Le sue caratteristiche tecniche gli potrebbero e gli dovrebbero consentire di avere un ruolo da attore protagonista nel film della stagione Stings.

C’è un giocatore che cercavate in estate e che vi dispiace di non essere riusciti a raggiungere?

I nomi sono più di uno ed accade ogni anno. Molto spesso per fattori economici, ma non solo.
Ma la costruzione di una squadra passa da tante considerazioni e quando non si può arrivare ad un giocatore con certe caratteristiche si cerca di trovarle in qualche altro ragazzo o in più di uno. L’importante è tenere sempre presente, come obiettivo finale, la tipologia di squadra che si voleva costruire fin dall’inizio. Poi a volte accade che quando salta un’ipotesi che potrebbe sembrare ideale, all’improvviso si palesa una nuova soluzione che non ti aspettavi e che può anche risultare migliore. Quindi mai disperare, bisogna essere sempre pronti e presenti, ma soprattutto bisogna aver lavorato per tempo con idee chiare e precise per sapere dove si vuole arrivare.

Vorrei sapere se alla squadra e staff tecnico, fa piacere che i tifosi possano assistere agli allenamenti, visto che è capitato a più di una persona di venire e trovare le porte chiuse (lecito ma almeno che si sappia) o altre squadre che si allenavano negli orari invece precedentemente indicati dai media per le sedute di allenamento. 

Assolutamente si, fa a tutti molto piacere, il problema che spesso in questo inizio di stagione abbiamo dovuto cambiare spesso il programma per problematiche logistiche. Ora siamo quasi a regime e useremo quasi sempre il Palaferrovieri e 1 o 2 volte a settimana il Palabam. Vi aspettiamo.

L’assenza di Giachetti dal quintetto titolare contro Imola per i primi 7 minuti del primo quarto è dovuto per scelta tecnica o c’è qualcos’altro?

Il coach ha innanzitutto tenuto in considerazione che Jacopo veniva da una settimana dove si era allenato poco per una botta ricevuta al quadricipite, poi è stata anche una scelta tecnica e tattica. Abbiamo la fortuna di avere due ottimi play e quindi il coach ha la possibilità di fare le scelte che ritiene più opportune per quella specifica partita, anche in considerazione delle caratteristiche degli avversari e del lavoro svolto in settimana.

Com’è andata a finire la storia del tunnel per gli spogliatoi?

E’ stata una semplice segnalazione. L’omologazione del nostro impianto non lo prevede. In ogni caso stiamo facendo considerazioni per rendere sempre più sicuro il passaggio dal campo agli spogliatoi, anche se al PalaBam ogni cosa è complicata.

Alle successive domande ha risposto Marco Prandi in qualità di Responsabile Marketing:

Chiedo alla società come si sta muovendo sul promuovere gli stings nel centro di Mantova. Ho visto l’iniziativa nelle scuole che secondo me è da fare sempre ogni settimana. In centro si vede poco di Stings, tipo locandine, manifesti lungo le strade, eventi ecc, ecc. Sono cose che a mio parere sono fondamentali soprattutto nei negozi. Ad esempio:io prima di ogni partita in casa tappezzerei Mantova di locandine nei negozi con magari qualche ticket omaggio e il sabato farei un evento in centro. Si sa che Mantova è più sul calcio per ovvi motivi e per portare gente al palazzo e farli appassionare al basket bisogna insistere soprattutto all’inizio….

Noi tutti condividiamo la volontà di appassionare sempre di più Mantova: anche quest’anno abbiamo aumentato in misura significativa gli eventi e le attività di promozione, cercando soprattutto di puntare al contatto diretto dei giocatori e dello staff, sia con le scuole che con il pubblico, sempre compatibilmente con il programma tecnico della squadra, che come sapete è molto impegnativo. I ragazzi hanno già visitato alcuni istituti scolastici cittadini , ed altre tre-quattro visite sono già state programmate nelle prossime settimane: nel week end pre-Verona abbiamo poi iniziato la “passeggiata Stings in centro” distribuendo centinaia di biglietti omaggio e crediamo che queste iniziative stiano sicuramente dando un buon contributo, unitamente alle tradizionali attività di comunicazione.

Quanto alle locandine, queste sono già presenti in centro, negli esercizi che ne accettano l’affissione, a breve poi la recente convenzione con Confcommercio permetterà di esporre il logo degli Stings in molte più vetrine, e di aumentare i punti di diffusione delle locandine stesse. A breve altre iniziative permetteranno di aumentare la nostra visibilità cittadina, ivi compresa la prossima inaugurazione del nuovo Info Point, puntando comunque sempre molto sulle tecnologie digitali e sui social per entrare in contatto con i nostri tifosi, anche con quelli potenziali.

Come valutate l’accordo raggiunto per i diritti televisivi? Con una predilizione per Bologna, le altre società non ci perdono in visibilità e quindi conseguentemente in entrate?

Noi riteniamo l’accordo con Sky un elemento fondamentale di promozione e diffusione del “prodotto A2” , per la qualità della produzione e per il fatto che Sky è ormai la “Tv del basket”, soprattutto di quello di alto livello, e quindi per il nostro movimento il rinnovo dell’accordo è sicuramente un fatto positivo. Sicuramente la programmazione privilegia le bolognesi, ma starà a noi migliorare la capacità di attrarre le telecamere, cercando di rimediare ad alcuni difetti nella resa televisiva del Palabam, ma soprattutto … vincendo..

(Foto

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy