Mantova, Vencato a Radio 5.9: “A Treviso per tentare l’impresa”

Mantova, Vencato a Radio 5.9: “A Treviso per tentare l’impresa”

A Speak & Roll è intervenuto anche Davide Alviti: “Tanta voglia di riscatto dopo Verona. Logan? Grande regalo della società”

di Alberto Carmone

Intervenuti ai microfoni di Web Radio 5.9 durante Speak & Roll, l’ala piccola della De Longhi Treviso Davide Alviti e il playmaker della Pompea Mantova Luca Vencato hanno presentato il momento delle proprie squadre e parlato della sfida di domenica tra Treviso e Mantova valida per la 21esima giornata di Serie A2 Est.

Davide Alviti (De Longhi Treviso): “Con Verona abbiamo approcciato bene la gara tenendo il risultato in bilico. Poi nel secondo quarto la Tezenis ha iniziato a mettere più energia e a sorprenderci con alcune tattiche sul pick & roll. Non siamo stati efficaci nel reagire a queste soluzioni tattiche e abbiamo perso in maniera meritata. Verona ci ha fatto sentire la sua fisicità, soprattutto con Candussi sotto canestro.

Le tre sconfitte nelle ultime cinque partite? Abbiamo comunque disputato delle buone gare, soprattutto con Cento e Cagliari e giocando bene contro una formazione forte come la Fortitudo Bologna. Con Cento e Cagliari non era scontato vincere con un margine importante visto che in precedenza avevamo perso subendo 93 punti dall’Assigeco Piacenza.

A Treviso mi sto trovando veramente bene. Col gruppo c’è un grande feeling sia dentro che fuori dal campo e c’è un’ottima intesa anche con coach Menetti. Abbiamo grande umiltà e voglia di imparare da un allenatore così esperto.

Logan? E’ un colpo davvero importante. E’ un giocatore di altissimo livello, non ci resta che dare una risposta alla società per questo importante sforzo economico.

Con Mantova mi aspetto una gara davvero tosta così come lo fu quella dell’andata. Alla Grana Padano Arena venimmo trascinati da Wayns, anche se Mantova ci mise in grande difficoltà. Veniamo da una sconfitta e abbiamo voglia di rivincita proprio davanti al nostro pubblico in modo da caricarci anche in vista della Coppa Italia”.

Luca Vencato (Pompea Mantova):  “Con Imola è stata una grande partita, giocata bene, ma che per sfortuna non siamo riusciti a portare a casa. Questa sconfitta non cancella assolutamente tutto il buon lavoro fatto finora, ma dobbiamo imparare ad essere più consistenti in difesa. E’ stata però una gara difficile per noi che avevamo le rotazioni corte. Il mio rientro con Imola non era in realtà previsto dato che prima di Imola non avevo sostenuto nessun allenamento di gioco. Era però una situazione d’emergenza con l’influenza di Giovanni Poggi e ho dato quindi la mia disponibilità a tornare subito in campo, col via libera del dottor Plinio Venturi. Il ginocchio sta rispondendo bene, spero di poter tornare al meglio in un paio di settimane. Devo riprendere un po’ alla volta la giusta forma fisica, ma già con Treviso potrò avere più minuti di autonomia in campo.

Il gruppo è cresciuto molto in questi mesi. Era necessario tempo per conoscersi e per capire limiti e pregi di ognuno di noi. Coach Finelli ci trasmette una grande mentalità, ci ha fatto svoltare la stagione. Stiamo oliando bene ogni meccanismo e ora spero di poter inserirmi anche io al meglio in questa nuova Mantova. Il nostro affiatamento è davvero alto anche perché ci troviamo bene fuori dal campo. Si è formata una bella famiglia e questo ci aiuta ad avere armonia e fiducia anche sul parquet.

Con Treviso e Bologna saranno sicuramente due partite molto complicate, ma andranno affrontate comunque con una mentalità aggressiva per tentare il colpaccio. Treviso avrà voglia di riscatto dopo la brutta sconfitta di Verona, mentre Bologna finora ha fatto benissimo sia in casa che in trasferta. Dobbiamo rispettare il valore degli avversari, ma avere anche la voglia di vincere sempre.

Se dovesse esserci David Logan sarà per me un’emozione marcarlo. E’ un giocatore dal talento incredibile, sarebbe un grande stimolo affrontarlo. Treviso è comunque una squadra assolutamente temibile anche senza Logan ed è una squadra da affrontare con grande concentrazione. Dovremo fare una partita di grande corsa e dare il massimo per 40 minuti. Servirà un’impresa per permettere a Mantova di vincere per la prima volta nella sua storia a Treviso”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy