Matera-Agrigento: verso Gara5, parla coach Ciani

Matera-Agrigento: verso Gara5, parla coach Ciani

Commenta per primo!

Le quattro gare giocate tra la Bawer Matera e la Fortitudo Moncada Agrigento nella serie della semifinale play off di Dna, non sono state sufficienti a designare la sfidante della Pms Manital Torino, prima finalista per la promozione in LegaDue Gold. Quindi,  è necessario ricorrere a gara 5 di mercoledì 29 maggio, palla a due alle ore 21.00 al Palasassi di Matera  Anche gara 4, vinta dalla squadra allenata da coach Franco Ciani, è stata tirata e combattuta come i precedenti incontri, fatta eccezione in gara 3 vinta agevolmente dai lucani, disputati tra le due avversarie.  Grande difese messe in campo dai due allenatori: ottima quella agrigentina contro il pick’n roll materano; continui e repentini sono stati i cambiamenti difensivi messi in atto dagli uomini di coach Benedetto. Oltre ad una efficace difesa in transizione, al fine di mettere in difficoltà gli attacchi locali, la squadra lucana ha sciorinato un vasto repertorio: zona fronte pari, 1-3-1 e mista (box).

E sulla partita di ieri sera è intervenuto in sala stampa il coach friulano della Fortitudo: “Quello che ci premeva maggiormente, esordisce Ciani, era quello di cancellare nella memoria di tutti la prestazione di venerdì, che non è stata all’altezza delle nostre qualità. Matera venerdì ha fatto una partita straordinaria, ha dominato ed ha meritato di vincere, oggi la mia squadra ha fatto un’eccellente gara, forse non straordinaria. Ma voglio pensare che una buona parte dei meriti di questo successo possano andare alla Fortitudo, che non ha permesso agli avversari di giocare secondo i propri ritmi, secondo i propri desideri, imponendo determinate situazioni in chiave tattica. Non so se è stata la partita perfetta, continua il coach di Agrigento, però, mi piace l’atteggiamento assunto dai miei ragazzi. Risorgiamo ancora una volta dalle nostre ceneri, ci è capitato più volte durante l’anno e questo significa che siamo un po’ strani nel senso che, quando tutto sembra facile spariamo dalla circolazione, quando tutto sembra difficile, invece, riusciamo ad essere protagonisti. Oggi si è giocata, secondo me, una partita di altissima qualità per merito di entrambe le squadre. Matera è una squadra straordinaria, allenata bene, lo ha dimostrato in tutte le occasioni. Questa volta il risultato è stato a nostro favore, credo che sia giusto e che la serie sia così equilibrata perché le due squadre si equivalgono. Adesso c’è la bella, è uguale per tutti, abbiamo tutti e due il 50% di possibilità di continuare questo sogno o di salutarlo. Ma chi lo saluterà lo farà con grande dignità, con grande qualità e soddisfazione. Questa serie non è ancora finita. Tutti pensavano che lo fosse ed invece non lo è. Siamo ancora qua, conclude Ciani, vivi ed in discreta salute per provare a vincere a Matera, poi, se non ci riusciremo, il verdetto del campo sarà quello giusto. Matera avrà meritato, come ha meritato venerdì scorso e saremo i primi ad augurargli le migliori fortune per la finale.”

Grande attesa da entrambe le tifoserie per l’evento di mercoledì sera, occasione per una grande festa di sport. Che vinca il migliore, ma, soprattutto, il basket.

  

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy