Memorial Pajetta – Terzo posto a Trieste, niente da fare per Forlì

Memorial Pajetta – Terzo posto a Trieste, niente da fare per Forlì

L’Alma Pallacanestro Trieste si aggiudica la finalina per il terzo/quarto posto del “Memorial Piera Pajetta”, battendo per 80-85 la Unieuro Forlì.

Commenta per primo!

L’Alma Pallacanestro Trieste si aggiudica la finalina per il terzo/quarto posto del “Memorial Piera Pajetta”, battendo per 80-85 la Unieuro Forlì. Una partita a bassi ritmi con Javonte Green, Daniele Cavaliero e l’ex Dane Diliegro a primeggiare per segnature e qualità sul parquet del rinnovato palasport Carnera di Udine.

Sono i lunghi a segnare l’inizio della sfida: per l’Alma è Cittadini a imperversare sotto le plance con un paio di schiacciate, complice un momento di forma evidente e minutaggi molto ampi concessi da Dalmasson considerando anche l’assenza di Da Ros e Bowers; per l’Unieuro è, invece, l’ex Diliegro a snocciolare il suo talento sia in area che addirittura dalla lunga distanza. Dopo 5 minuti Trieste conduce 7-13, ma nonostante la buona vena di Cavaliero e Fernandez i forlivesi chiudono in testa il primo quarto sul 24-23 grazie al buon impatto sulla gara di Bonacini e Naimy, mentre i biancorossi falliscono qualche conclusione di troppo.

Ancora Bonacini dalla lunga distanza e Castelli in pitturato allungano sul 30-23 nei primi possessi della seconda frazione. Prandin suona la carica per l’Alma e Cavaliero lo segue a ruota con un fade-away. Il pressing, a tratti tutto campo, condito dalla zona di coach Valli si fa asfissiante ma Trieste trova comunque risposte importanti da Prandin e Baldasso che, con due triple in fila, riportano Trieste in testa sul 30-36.
7 punti di Diliegro, che colpisce per la seconda volta da tre punti, riportano Forlì a contatto a metà gara sul 39-40.

Green riapre le ostilità con un’inchiodata e un lay-up in contropiede frutto di altrettanti palloni rubati. Castelli risponde dalla media, poi è ancora Green a incantare il pubblico con un alley-oop propiziata direttamente dalla rimessa laterale di Cavaliero (43-50). I ritmi di gioco rallentano ma i biancorossi sono più cinici nel sfruttare gli errori avversari e massimizzare le occasioni: il “Lobito” e Green portano l’Alma sul +11. La terza frazione si chiude sul 53-62 con Bonacini e Diliegro a rispondere alla tripla di Prandin.

L’Alma si schiera a zona – una 2-3 aggressiva – all’inizio del terzo quarto, ma Bonacini e soci trovano armi per attaccarla in penetrazione riducendo il margine sino al 61-66. Prandin trova il canestro dopo un paio di errori di squadra e Green fa fruttare la sua fisicità in penetrazione (63-72). La tripla e la successiva rubata con appoggio in contropiede di Severini riapre nuovamente la sfida.

I biancorossi rispondono ancora con Green, abile a procurarsi un paio di liberi, ma Diliegro non molla di una virgola e Castelli lo segue a ruota con due conclusioni a segno 77-79 a 1′ dal termine. Una palla persa di Forlì a metà campo consegna a Trieste la possibilità di chiudere la gara ma il fallo in attacco di Cittadini regala a Castelli due tiri liberi. Il lungo, però, sbaglia entrambi. Un tap-in di Green sull’azione successiva e i liberi di Cavaliero permettono a Trieste di portare a casa la sfida nonostante la tripla di Naimy.

TRIESTE 85 FORLI’ 80

Unieuro Forlì: Diliegro 20, Castelli 13, Fallucca, Naimy 14, Campori, Gellera 5, Bonacini 18, Severini 10, Thiam, Del Zozzo, Montanari. All. Valli.

Alma Trieste: Coronica 1, Fernandez 6, Green 23, Babic, Milic, Baldasso 8, Giustolisi, Prandin 12, Cavaliero 18, Loschi 3, Cittadini 14. All. Dalmasson.

Uff.Stampa Alma Trieste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy