Memorial Valerio Mazzoni, successo di misura per Ferrara, Firenze asfalta Lugo nella finalina

Memorial Valerio Mazzoni, successo di misura per Ferrara, Firenze asfalta Lugo nella finalina

Commenta per primo!

Mobyt Ferrara – Tramec Cento 72-69

TRAMEC CENTO: De Pascale 2, Ikangi 6, Nieri 12, Di Trani 16, V. Masina,
Carretti 9, Balboni, Govoni, R. Masina 2, Silimbani 19, Agusto 3. Ali. Giuliani

MOBYT FERRARA: Bottioni 6, Spizzichini 5, Ferri 17, Casadei 14, Infanti
5, Benfatto ne, Andreaus, Pipitone 3, Jennings 10, Mays 12. All. Furlani
Arbitri: Azami e Bonetti
Parziali: 15-15, 33-37, 52-56

LA MOBYT conquista il «Memorial Mazzoni» di Cento, piegando i padroni di casa della Tramec in volata al termine di un match più equilibrato di quanto si poteva immaginare, malgrado le assenze dei due registi, Bona e Mabilia, da una parte, e del pivot Benfatto
dall’altra.  Di Trani accende la miccia con un gioco da tre punti, poi Carretti
si esibisce con un bel canestro dalla media distanza. La Tramec gioca meglio, trascinata da un Di Trani imprendibile in penetrazione e a segno anche dai 6.75, mentre in avvio la Mobyt si affida a Jennings che sotto canestro fa valere i propri centimetri (12-8).
Mays ribalta la situazione da tre punti e coi liberi, ma Silimbani sulla sirena riporta le squadre in parità (15-15). In avvio di secondo quarto Cento manifesta la propria superiorità sotto canestro, dove domina con Silimbani e Nieri, quest’ultimo autore di 7 punti in
una manciata di minuti. Sul 24-18 per la Tramec si scatena Casadei con tre triple consecutive che tarpano le ali ai padroni di casa, poi Infanti completa il sorpasso (28-29). La tripla di capitan Ferri permette alla Mobyt di allungare, prima che la penetrazione di Di Trani mandi le squadre all’intervallo sul 33-37. Silimbani e Nieri agganciano la Mobyt, che
si scuote con due giochi da tre punti di Ferri e Mays (37-43). La bomba di Ikangi riaccende il Palabenedetto, che si esalta col sorpasso firmato Silimbani (46-45). Nel finale di terzo quarto sale in cattedra Bottioni, autore di tre pregevoli canestri dalla media distanza che permettono alla Mobyt di chiudere il parziale con tre punti di vantaggio (52-56). Nell’ultimo quarto si gioca a sprazzi, con la tripla di Casadei e le penetrazioni di Ferri e Infanti che ricacciano indietro la Tramec (62-67). Quattro volte consecutive Cento realizza un solo canestro dalla lunetta ma la bomba di Di Trani a 45 secondi dal termine rimette il match in equilibrio (69-69). Dall’altra parte Infanti fa 1/2 dalla lunetta, la Tramec ha la palla della vittoria ma la spreca malamente e Ferri non perdona ai liberi (69-72). C’è il tempo per l’ultimo assalto della Tramec ma la bomba di De Pascale sulla sirena è cortissima e consegna il torneo alla Mobyt.

Enegan Firenze-Orva Lugo 95-59

ENEGAN FIRENZE: Simoncelli 3 (1/1 da 3), Wood 32 (6/7, 4/5), Fontani 9 (1/3, 2/7), Castelli 16 (4/9, 2/5), Conti 10 (3/7 da 2); Cucco 5 (1/2 da 3), Severini 13 (2/2, 1/1), Schiano 7 (3/5, 0/1), Swanston ne, Pazzi ne. All.: Giordani.
ORVA LUGO: Poluzzi 9 (1/2, 0/3), Paluan 8 (0/1, 2/6), Legnani 9 (3/7, 1/4), Chiappelli 9 (3/4, 0/3), Bazzocchi 6 (3/5); Pasquali 9 (3/5, 1/2), Negri 8 (4/9), Scardovii (0/3 da 2), Zanoni (0/1 da 3), Martini (0/1 da 3), Marchetti. All.: Ortasi.
ARBITRI: Brini e Toffanin.
PARZIALI: 21-13, 48-32, 68-46.

L’Enegan Firenze chiude al terzo posto il Memorial Valerio Mazzoni,vinto dalla Mobyt Ferrara sulla Tramec Cento con il punteggio di 72-69. Sul parquet romagnolo la squadra di Gabriele Giordani fa nuovi passi in avanti. Sono buone le indicazioni che hanno accompagnato le due gare dell’Affrico. La prima, persa sabato di misura (73-75) contro Ferrara, aveva evidenziato la sostanza ed il carattere dei gigliati, sorpresi solo nel finale in volata. La “finalina” invece contro Lugo è stata senza storia. Nei due match autentico protagonista Brandon Wood: 27 punti in finale 32 nella seconda partita. Contento Gabriele Giordani. Il tecnico dell’Enegan Firenze torna via dalla due giorni di Cento con buone indicazioni: “Il bilancio del Memorial Mazzoni è più che soddisfacente – dice il tecnico marchigiano -. Senza Pazzi e Swanston, abbiamo giocato due buone gare. Contro Ferrara abbiamo combattuto ad armi pari contro una buonissima squadra. Contro Lugo invece posso dire che è stato un buon allenamento. Wood? Ha dimostrato di sapere far canestro in tanti modi. E’ sicuramente un attaccante di grande classe. Farà benissimo in questo campionato, ne sono convinto. Adesso ci aspettano altre due amichevoli, due teste per avvicinarci al campionato in forma. Spero che la sfortuna legata agli infortuni ci abbia abbandonato e che, con il rientro di Pazzi e Swanston, si possa tornare ad allenarsi al completo”.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy