Napoli Basketball: istantanee sulla prima settimana di lavoro

Napoli Basketball: istantanee sulla prima settimana di lavoro

Commenta per primo!

Il Palablù di Monteruscello, per chi è di Napoli e per chi è incallito seguace della pallacanestro, conserva sempre un sapore preciso, e non può non ispirare tanti ricordi. La gran parte di questi emoziona al solo pensarci: dalla prima finale play-off di A2 nel 2001, persa contro Fabriano dopo un canestro in transizione di Gundars Vetra, alle gioie promozione dell’anno successivo, in cui la Di Nola, trascinata da un collettivo i cui nomi spaziavano da Dontaé Jones ad Andre Hutson, da John Turner a  Henry Williams, fino a Mike Penberthy, Stefano Rajola e Leandro Palladino, sancì la definitiva chiusura degli anni dell’oblio, caratterizzati dalla sparizione della Partneope dall’universo professionistico, nel 1998. Fino all’orgoglio del primo anno in Serie A, con tante vittorie interne di prestigio (le due bolognesi, Roma, Siena e Pesaro)  e iniziato proprio in casa, quasi ironia della sorte, contro quella Biella che, superata quell’anno negli ottavi play-off in una tiratissima gara-3 per una persa di Fabio Di Bella, quasi si vendicherà a cinque anni di distanza. E lo farà sottilmente: perdendo ancora, sempre di un punto, con lo stesso punteggio (76-75) e in un’altra casa dove si alloggia “provvisoriamente” dal 2004 ,ma chiudendo circolarmente un quinquennio coronato successi indimenticabili ma esauritosi con una caduta altrettanto indimenticaile per la sua rapidità:sarà difatti quella l’ultima partita di Napoli in Serie A.
E se c’è un filo rosso che lega tutti questi eventi questo è senz’altro Maurizio Bartocci, certo solo dal 2001 assistaint coach nella compagine partenopea, ma poi rimasto stoicamente fedele alla causa fino ai drammatici e controversi eventi dell’estate 2008, forieri di tre anni amari per chiunque ami la palla a spicchi in questa città.

altOggi, e precisamente da una settimana, il Napoli Basketball è ripartita proprio da queste mura e da questa guida tecnica amata dalla piazza, con un progetto che, esordendo ufficialmente in campo domani sul parquet di Scauri, si spera possa essere più sensibile e più attento a sostenitori che quest’anno, disastri alle spalle cercano la serenità dell’essere tifosi attivi e partecipi, ma anche rassicurati da una gestione che non faccia del rischio e dell’azzardo la sua parola d’ordine.E questo lo si nota già dai tanti gesti tecnici a cui abbiamo assistito nell’allenamento odierno dei partenopei,inizianto puntualmente alle ore 18, e protrattrosi fino alle 20,30 per via di una lunga sessione di tiro  nella quale tanti nel roster di coach Bartocci si sono dimostrati fini realizzatori dalla distanza, con mano spesso educata e rare mattonate.

altSenior tutti presenti e in condizioni soddisfacenti, con particolare riferimento a Rizzitiello e Gatti, e nonostante l’oneroso lavoro atletico svolto nei primi giorni. A questa schiera si affiancano presto Musso (migliore dell’organico in sede di tiro dalla distanza, e potente in transizione) e Iannilli (uomo di simpatia del collettivo e dotato di pregevoli movimenti in prossimità del canestro), sebbene nei primi minuti, complice il caldo strisciante, stentassero a carburare per garantire pieno affiatamento nel lavoro di  gruppo.

altGli under invece, soprattutto con Mariani, Sabbatino (fermatosi a titolo precauzionale dopo un contatto fortuito) e Rotondo in testa, si sono dimostrati piuttosto attenti nel seguire e nell’eseguire le direttive del coach casertano, spesso propenso, con piglio deciso e autorevole, ma soprattutto con cura maniacale sulla efficace realizzazione di uscite,tagli e blocchi, a guidare l’affinamento tattico che ha caratterizzato in larga misura la seduta, scandita invece, nei suoi primi venti – trenta minuti, da stretching muscolare e piccoli esercizi atletici tesi a sollecitare la prontezza delle gambe.

altQuanto alla tattica offensiva disparati gli esperimenti, dalle prove su rimessa alle transizioni rapide, fino alle diverse combinazioni d’attacco con difesa schierata, oscillando da situazioni con centralità del pick n’roll a fasi di manovra caratterizzate da passaggi rapidi, circolazione fluida con ribaltamenti e catene ripetute di blocchi e uscite: tutte eventualità in cui la decisività del gruppo risulta indiscutibile.  Circa invece la difesa coach Bartocci non ha mai esitato nel ribadire il suo credo in materia:  aggredire sempre la palla, scorrere con le gambe sul pick n’roll avversario e cercare di rincorrere il lungo bloccante con la massima prontezza possibile.  
Il denso e serrato programma dell’allenamento si è quindi esaurito con la cura del tiro: la fase su questo fondamentale, nonostante le doti tecniche generali, si è rivelata piuttosto corposa per durata, e che ha sollecitato tutti gli effettivi, sia dalla distanza che dalla linea della carità.

Da notare nel corso dell’intera prova pomeridiana lo spirito di Simone Lenardon, dotato di buona mano mancina dal perimetro, con apprezzabile ball-handling, e spesso pronto a spronare ai compagni sotto la vera e propria arsura che aleggiava sugli spalti di un PalaButangas semideserto, e dove attorno alle 20,45 si è consumato il saluto di rito a mani unite.

L’appuntamento sul parquet, contrariamente a quanto ipotizzabile, avrò sempre luogo nella casa cestistica puteolana con un allenamento mattutino,mentre il successivo trasferimento a Scauri avverrà in tarda mattinata. Difatti nella località turisitica laziale, e precisamente presso l’impianto del PalaBorrelli , gli azzurri sosterranno alle 17,30 il primo test pre-stagionale contro la società locale, militante in DNB, nota agli appassionati per averla fronteggiata nell’ultima partita della breve storia della NPN di Cirillo lo scorso anno , e attraverso la blanda formula dello scrimmage (partita da 40 minuti con punteggi azzerati a chiusura di ogni quarto).

Ricordiamo poi il prosieguo della preparazione: Lunedì 29 agosto ripresa degli allenamenti, con spostamento definitivo di sede al Palabarbuto (a porte aperte);Mercoledì 31 agosto ore 17.30: BPMed Napoli- Basket Ferentino (a porte aperte); Sabato 3 settembre ore 17.30: BPMed Napoli- Autosoft Basket Scauri; Mercoledì 7 settembre: Basket Ferentino-BPMed Napoli;Mercoledì 14 settembre: BPMed Napoli – Benacquista Assicurazioni Latina (con presentazione della squadra); Sabato 17 settembre ore 18.30: Benacquista Assicurazioni Latina – BPMed Napoli.

In chiusura, vi informiamo che presso il link: http://www.youtube.com/watch?v=FaTfNz2MA34 , potrete ascoltare le brevi interviste a Maurizio Bartocci e Paolo Rotondo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy