Ndoja, Rosselli e D’Orta: “Orgogliosi di essere alla Virtus”

Giornata di presentazioni in casa Virtus Bologna.

Commenta per primo!

Primo giorno bolognese per Klaudio Ndoja e Guido Rosselli. Una giornata dedicata alle visite mediche e buona per prendere confidenza con la città. Si presentano insieme, nella sala convegni di Clinica Villalba, e con loro c’è Valeriano D’Orta, il nuovo Direttore Sportivo della società bianconera, che a sua volta coglie l’occasione per affacciarsi al suo nuovo mondo.

“Per me è una grande emozione far parte di questa società” spiega D’Orta, “con un presidente come Alberto Bucci che da allenatore ha portato scudetti storici alla Virtus, rendendola ancora più blasonata. Io non faccio più l’allenatore, sono passato dietro una scrivania, ma avere un ex tecnico così importante al timone mi stimola ulteriormente. Io sono pronto, assetato di incominciare per portare il mio contributo e cercare di costruire quello che ci siamo prefissati per questa stagione e per il futuro”.

“Sono felice di essere qui”, è il commento di Klaudio Ndoja, “c’è l’orgoglio di far parte della Virtus, e non c’è stato bisogno di pensarci troppo. Ho girato tanto, ora spero di fermarmi a Bologna. Non sono uno di molte parole, ma le emozioni le sento e sono forti”.

“Quando ricevi una chiamata dalla Virtus non è una chiamata qualunque”, ammette Guido Rosselli. “Il nome è tutto, mi riporta alla nascita del mio amore per la pallacanestro, quando davanti alla tv guardavo le imprese bianconere in Eurolega. E’ un onore essere qui, mi fa piacere che la società abbia pensato a me in questo momento. Cercheremo di dare tutto, come ha detto il presidente questa squadra dovrà essere un mix di esperienza ed entusiasmo, noi dovremo aiutare i giovani a dare il meglio di sé stessi. I due inserimenti finali degli stranieri incideranno, ma la base per fare un campionato solido c’è già. Il Girone Est della Serie A2 Citroen è molto competitivo, dovremo cercare di stare nelle zone alte della classifica per provare ad agguantare i playoff, dove poi tutto si azzera e conta essere in condizione”

“Penso anche io che siano le persone a fare la differenza” aggiunge Ndoja, “e secondo me molto peserà il gruppo italiano, che qui è molto valido. Ramagli? L’ho avuto due anni fa a Verona, ma adesso è diverso, sono tra gli “anziani” del gruppo ed è una cosa nuova, lui mi ha chiesto di aiutare i giovani e lo farò”.

“Alessandro mi ha allenato per la prima volta quando avevo quattordici anni” confessa Rosselli, “a un Trofeo delle Regioni. Ci conosciamo da tanto, è un allenatore che ti chiarisce bene ciò che vuole. Ci siamo trovati d’accordo davanti a un caffè, sono bastati cinque minuti ed eccomi qui. Con molto entusiasmo”.

Affrontare l’A2: consigli da due giocatori che la conoscono bene. “La Virtus riparte dopo una grossa delusione. L’inizio non sarà facile, sarà molto importante stare insieme, essere un bel gruppo, affrontare bene i momenti di difficoltà. E’ un campionato da trentadue squadre con una sola promozione, queste sono le regole, conterà stare insieme nei momenti difficili e farsi trovare pronti al momento giusto”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Valeriano D’Orta: “Le regole sono queste, lo sappiamo. Bisogna giocare una stagione che ci aiuti a crescere, farci forti anche delle difficoltà. Essere in grado di vincere o perdere sapendo reagire. Questa è una piazza esigente, credo che questo aiuterà squadra e staff a temprarsi”.

Chiude il Gm Julio Trovato, dopo aver dato il benvenuto ai nuovi arrivati da parte della società. La domanda è sul gruppo in costruzione, e sui tasselli che ancora mancano. “Cosa ci manca? Cerchiamo un numero cinque, non troppo interno, e speriamo di averlo trovato. Sull’esterno c’è da valutare la possibilità che Michele Vitali faccia ancora parte del gruppo, nel qual caso potremmo anche partire con un americano in meno e una squadra più italiana, per consumare eventualmente il visto più avanti. Spissu? Manca la parte formale, fino alle firme conclusive un giocatore non si ufficializza. Lo considererei un affare concluso, ma formalmente non lo è”.

Uff.Stampa Virtus Bologna

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy