Parte la pre-season della Liomatic Bari: successo su Trani

Parte la pre-season della Liomatic Bari: successo su Trani

Commenta per primo!

BARI – Il precampionato 2013-2014 della Liomatic Cus Bari si apre al PalaIzzo con la sfida contro la Juve Trani. La prima palla a due vede un quintetto titolare composto da Monaldi, Iannone (con questi ultimi ad alternarsi in cabina di regia), Didonna, Jovanovic e Infante.

In questo momento della stagione, con i primi allenamenti nelle gambe e un gruppo giovanissimo, ancora incompleto e insieme solo da pochi giorni, manca ancora l’amalgama tra i giocatori, e forse è per questo che il primo quarto si chiude inaspettatamente con i cussini sotto di sei punti (19-25 al 10’).

Risultato subito capovolto nel secondo parziale (48-42), con la Liomatic trascinata dal subentrante “Giani” Zaharie e dalle invenzioni di Marco Spissu. L’inerzia del match rimane la stessa, con un terzo parziale chiuso a pari punti (19-19 nei 10’), fino a chiudersi con una vittoria 91-81 contro avversari che disputeranno la prossima stagione nel girone G della Divisione Nazionale C.

Dal test di oggi si potevano trarre poche indicazioni: la preparazione e i carichi di lavoro sembrano farsi sentire nelle gambe dei ragazzi, e soprattutto manca quell’affiatamento necessario ma ancora impensabile dopo pochi giorni di lavoro con un roster del tutto rinnovato rispetto alla precedente annata (ad ora, l’unico “superstite” dalla stagione 2012-2013 è Francesco Didonna, reduce peraltro da un bruttissimo infortunio sul finire della passata stagione).

Si segnalano però giocatori interessanti come Sekule Jovanovic, pescato nella serie A montenegrina e oggi a referto con 19 punti e tanto movimento (e tanti falli subiti) in area, e “Giani” Zaharie, autore di 13 punti, con buone penetrazioni e una certa confidenza nel tiro da 3 (davvero promettente per essere un classe ‘94). Ad occhio, però, sembra una squadra ancora troppo giovane: sicuramente non si può pretendere brillantezza alla prima sgambata stagionale, ma l’impressione è che per affrontare una stagione dura come quella che si prospetta serva qualche pedina di livello in più.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy