Proger Chieti a Recanati per dimenticare la batosta di Treviso

Proger Chieti a Recanati per dimenticare la batosta di Treviso

Seconda trasferta consecutiva per la Proger Chieti, chiamata ad affrontare Recanati, dopo la bruciante sconfitta patita al PalaVerde di Treviso per 84-50.

Seconda trasferta consecutiva per la Proger Chieti, chiamata ad affrontare Recanati, dopo la bruciante sconfitta patita al PalaVerde di Treviso per 84-50. Sarà un incontro decisamente importante anche ai fini della classifica: entrambe le squadre sono in lotta per la permanenza nella seconda serie nazionale, quindi spettacolo assicurato.

Morale basso in casa biancorossa dopo la sconfitta di domenica, forse la partita più brutta della gestione Galli, con i teatini mai in partita nell’arco dei 40 minuti, con percentuali al tiro inevitabilmente basse. Certo, l’assenza di una pedina fondamentale come Allegretti poche ore prima del match non ha certamente aiutato Chieti, ma scuse non ci sono. Nelle restanti cinque giornate di campionato, bisognerà dare più del 100% per evitare l’incubo playout. E in queste cinque giornate, Chieti dovrà affrontare ben tre scontri diretti: Recanati, Legnano il prossimo 3 aprile e Matera in casa il 17 aprile (la matematica non ancora condanna i lucani alla retrocessione).

C’è da dire però, che le  ‘Furie’ in queste situazioni hanno sempre dato il meglio, combattendo dal primo al quarantesimo minuto di gioco. E per spingere alla vittoria in casa dei leopardiani, la società ha messo a disposizione due autobus gratuiti che partiranno domenica pomeriggio  insieme alla squadra per caricare al meglio i giocatori biancorossi. Un occhio di riguardo va anche alla differenza canestri: all’andata, la squadra dell’allora coach Zanchi espugnò il PalaLeombroni per 69 a 62 , dopo aver subito per quasi tre quarti interi. Ci sarà dunque da ribaltare il -7 di differenza.

 

Morale del tutto differente in casa Recanati: i gialloblù vengono infatti dalla vittoria per 74-83 contro la Tezenis Verona al PalaOlimpia. Vittoria che ha dato una spinta non solo morale ma ha anche riaperto il discorso salvezza, risultato meno difficile rispetto a un paio di settimane fa.

I marchigiani si presentano all’ incontro di domenica con una media punti di 73.9 a partita, tirando con il 24,5 dall’arco dei 6,75 e con il 38.5 da due punti. Particolare attenzione va incentrata sulla coppia di americani, tra cui spicca l’ex di turno Adam Sollazzo (15,6) mai dimenticato dai tifosi teatini. L’altro americano è Kenny Lawson (20,4), best scorer di Recanati. Ci sarà dunque un bel duello sotto le plance tra Lawson e l’americano teatino Zeek Armwood.

I marchigiani hanno confermato rispetto al roster che ben figurò l’anno scorso le ali Maspero (5.5) e Traini (11.5), i play Andrea Traini (9) e la guardia belga Dimitri Lauwers (6,5). Alla truppa gialloblù, in settimana, si è aggiunta la guardia italoamericana Smith, passato da Barcellona Pozzo di Gotto.

Palla a due domenica 20 aprile, ore 18 presso il PalaCingolani di Recanati.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy