Qui Recanati: LegaDue Silver in stand-by, servono sponsor

Qui Recanati: LegaDue Silver in stand-by, servono sponsor

Passati i festeggiamenti, il presidente Pierini ieri sera ha radunato i vertici societari per fare il punto sulla situazione alla vigilia di importanti decisioni da prendere in vista della partecipazione alla prossima Legadue Silver conquistata al termine degli spareggi contro la Liomatic Perugia.

Un traguardo storico conseguito a suggello delle celebrazioni del 30° di fondazione della società, ma per il momento congelato essendo il tutto condizionato dalla ricerca del “main-sponsor” o da un pool di imprese che diano il giusto apporto per affrontare la Silver League con la dovuta tranquillità economica.
Questa in sintesi la dura e cruda realtà emersa al termine del vertice della società di Via F.lli Farina riunitasi  per fare il punto della situazione a 10 giorni dalla festa promozione al fine di pianificare la stagione agonistica 2013/2014.
La nuova Legadue Silver é un campionato impegnativo sia sotto il profilo economico,oltre che da un punto di vista fiscale e normativo con costi rilevanti a partire dalle tasse d’iscrizione, tasse gara, parametri e quant’altro con un aumento quantificato di oltre 30mila euro rispetto alla vecchia DNA per le incombenze federali, la possibilità di tesserare 2 giocatori extracomunitari ed un oriundo: per la prima volta si potranno tesserare giocatori americani e/o europei.

Inoltre l’adeguamento del capitale sociale a 50mila euro (ma per la ricapitalizzazione ci sarà tempo sino al 30 Giugno 2014), controlli da parte della Com.Tec che verificherà 2 volte nel corso della stagione i bilanci societari per la regolarità dei  versamenti fiscali e federali con penalizzazioni e/o altro in caso di non congruità.

Il basket Recanati si affaccia su un campionato nel quale ci vorrà molta professionalità sotto tutti i punti di vista.
Occorreranno non meno di 500mila euro per poter affrontare la nuova LegaDue Silver per una salvezza senza patemi (niente play out, tre retrocessioni dirette) con  il parquet come sempre -indipendentemente dal budget- che darà poi il responso definitivo

Di questo mezzo milione di euro il 50% saranno costi fissi ed inderogabili e con 150mila euro da reperire con le dovute coperture e garanzie economiche all’atto dell’iscrizione per partire con la dovuta tranquillità.
Quindi, fare un campionato a questi livelli senza un “main-sponsor” e/o un pool di imprese come lo scorso anno, non é più pensabile e praticabile, sarebbe pura follia, come fare un salto nel buio, un “default” a tutti gli effetti, per una società che ha ed ha avuto sempre  nel corso della sua trentennale storia nel suo “dna” i valori della serietà, onestà e  correttezza “in primis” nei confronti di tutti onorando sempre i suoi impegni sino all’ultimo centesimo e parsimoniosa  nello stesso tempo, essendo stata la seconda società che ha speso di meno nel corso della stagione, a dimostrazione della sua oculatezza e che  farà tutto il possibile -con le dovute garanzie economiche- per partecipare alla Legadue Silver e far crescere l’interesse della “palla a spicchi” nella città e nel territorio.
Per una città di 22.000 abitanti é un traguardo storico, importante ed impensabile, utopico sino a qualche anno fa, ma che ora – la conquista della Legadue Silver- merita progetti importanti, a partire innanzi tutto dalla società, dall’Amministrazione Comunale, ma soprattutto -pur in un momento di crisi congiunturale- dalle forze economiche ed imprenditoriali della città e del territorio, in quanto tutto quello che é stato fato sino ad oggi (n.d.r. 3 promozioni negli ultimi sei anni, passando dalla C/1 alla Legadue Silver) é stato fatto solo con le sole forze dell’U.S. Basket Recanati e grazie al “presidentissimo” Giuseppe Pierini ed al suo staff.
Questo é un motivo di vanto ed orgoglio, ma nello stesso tempo é stato un neo, una disfunzione che la società si é portata avanti nel corso di questi anni, avendo nel suo piccolo, fatto fronte con tutte le sue forze al raggiungimento di traguardi importanti e culminati ora con il prestigioso  accesso in Legadue Silver.
L’intenzione dell’U.S. Basket Recanati é di continuare questa avventura, tutti la vogliono, é qualcosa di grande, ma per poterla affrontare ci vuole un unione d’intenti, fare come suol dirsi squadra: tra Società-Amministrazione Comunale-classe lmprenditoriale e tifosi, il connubio perfetto per uscire dal guado e sciogliere così la riserva per essere pronti allo start, alla linea di partenza del prossimo campionato.
La Legadue Silver é un patrimonio sportivo della Città di Recanati, del territorio e di tutti i quali hanno a cuore le sorti ed  il futuro del basket e  dei colori gialloblu leopardiani.

Il nome del Basket Recanati, un volano con  innegabili risvolti sotto il profilo sportivo, turistico, economico e commerciale della città grazie alle gesta dei giocatori sotto i riflettori dei “media” nazionali, ma soprattutto da un punto di vista sociale con la crescita  del settore giovanile e del minibasket che ha impegnato complessivamente nella corrente stagione  oltre 180 atleti e che vedono nella prima squadra in Legadue Silver, la loro meta, la loro  stella cometa a cui un domani arrivare.
In “stand-by”, al momento, é anche la questione con l’altra realtà del basket locale e cioè la Lui Porte Recanati che ha militato nel corso della stagione nella Divisione Nazionale C con la quale sono state intavolate delle trattative per un eventuale accorpamento al fine di unire in modo sinergico le due realtà  del basket leopardiano in vista della prossima stagione agonistica, ma attualmente non é stato messo ancora nero su bianco.
Ribadendo che il problema é il main-sponsor, oppure un pool di imprese, che diano il giusto apporto per la copertura del budget economico, le trattative avviate a tutt’oggi, anche fuori regione, sia da parte della società che dall’Amministrazione Comunale non hanno dato gli esiti sperati.
Nei prossimi giorni sono attesi altri incontri e risposte da parte degli eventuali sponsor  interpellati sul progetto del Basket Recanati in Legadue, ma il tempo stringe, in quanto nella prima decade del mese di Luglio scade l’iscrizione al campionato.
Si dovrà al massimo entro il 20/25 Giugno  fare il punto della situazione con l’augurio da parte di  tutti di poter sciogliere la riserva al fine di pianificare e programmare la prossima stagione ed avere così le idee chiare e la road-map del campionato che si andrà ad affrontare.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy