Qui Santarcangelo:Angels vittoriosi con largo margine su Senigalla

Qui Santarcangelo:Angels vittoriosi con largo margine su Senigalla

Commenta per primo!

Troppa la differenza di livello fra le due squadre, che soltanto l’anno scorso si incontravano in B1, ma il test è stato comunque molto utile per capire il livello della preparazione dei clementini.I gialloblù, con Bonaiuti completamente ristabilito, partono subito bene complice qualche amnesia difensiva degli ospiti, mentre dall’altra parte del campo recuperano palloni con la pressione e con i raddoppi a tutto campo. A causa però di due errori difensivi, regalano quattro punti ai marchigiani, che si portano poi in vantaggio con una tripla di Facenda. La difesa rimane però attenta, e in attacco i giochi funzionano bene, così gli Angels, dopo un break di 12 a 0 , si portano sul 16-7 al 7’. Però Facenda, leader indiscusso degli ospiti, non ci sta che i suoi facciano da sparring partner ai locali e con una tripla riporta i suoi a -6. Il gioco in post per Ancellotti funziona molto bene e con un suo canestro da 3 gli Angels vanno sul 24-12 a un minuto dalla prima sirena. I due tiri liberi di Bedetti chiudono quindi il primo periodo sul 26-12.

Il secondo quarto si apre con l’ennesima tripla di Facenda, ma gli Angels mantengono pressoché invariate le distanze, anche se gli ospiti provano a tornare in partita con un piccolo break favorito da troppe palle perse dai padroni di casa (29-19 al 13’). I clementini sono decisamente più distratti, e così gli ospiti si avvicinano fino a -8, salvo poi essere ricacciati a – 17 (38-21 al 18’) grazie ad alcune palle recuperate e ad una concentrazione ritrovata, benché ogni tanto si conceda qualche ribalzo in attacco di troppo. Senigallia va 2-3 per provare a dare qualche difficoltà in più all’attacco clementino, ma gli schemi preparati da coach Padovano in allenamento funzionano e così i gialloblù non risentono più di tanto di questo accorgimento tattico voluto dall’allenatore ospite. I marchigiani cercano insistentemente la palla lunga sulla rimessa e così i locali sono bravi ad attaccare in contropiede in superiorità numerica, riuscendo così ad eludere l’ennesimo tentativo di rimonta da parte degli ospiti: si va quindi all’intervallo lungo sul 44-26 per gli Angels.

Si rincomincia con un’ altra tripla, ma stavolta è messa a bersaglio dal gialloblù Palermo, seguito a ruota da un’altra di Bonaiuti; gli ospiti però rimangono comunque a galla con il solito Facenda, ma Palermo da tre continua ad essere una sentenza, e fa così 55-36 al 25’. La circolazione di palla degli Angels è molto buona e così riescono a trovare ottimi tiri sul perimetro; inoltre, a differenza della partita di sabato scorso contro West Virginia, la squadra casalinga non ha un calo vistoso all’inizio del terzo periodo, nonostante i 350 presenti nel palazzetto. Il problema degli Angels è però l’enorme fatica fatta per costruire un tiro: spesso infatti riescono ad arrivare al ferro quasi allo scadere del cronometro dei 24’’. In difesa fanno poi un enorme fatica nel tagliafuori, nonostante la presenza in campo di Ancellotti, Italiano e L. Bedetti e così gli ospiti si ritrovano quasi costantemente seconde o addirittura terze opportunità, chiudendo il parziale del quarto con solo un punto di distacco, 17-16.

Gli Angels non hanno più la lucidità dei primi 25’, in concomitanza con un vistoso calo fisico di Ancellotti, che sta man mano diventando sempre più elemento di spicco per far girare la squadra in entrambi i lati del campo. Gli ospiti però non riescono a trovare la via del canestro dopo un buon avvio, soprattutto per la grande stanchezza e anche per le gambe pesanti a causa del carico di allenamento gravato su entrambe le squadre nei giorni scorsi. Silimbani, dopo un inizio un po’ in sordina, inizia a macinare canestri e, con una tripla da oltre 7 metri, fa 79-54 a 2’ dalla sirena conclusiva. Ormai però la partita non ha più nulla da dire, vista l’enorme differenza di talento tra le due squadre e prima Silimbani con una schiacciata, poi Rinaldi firmano l’85-54 finale.

Coach Padovano ha dichiarato nel dopo partita: «Questa partita è stata un utile passaggio per arrivare ai nostri obiettivi. Nella squadra chiaramente c’è chi è un po’ più in forma e chi no, Pesaresi è un po’ sfiduciato perché non gli entra il tiro da tre, Palermo ancora non è brillante come potrebbe. In allenamento stiamo lavorando molto, ma la squadra risponde bene ed è molto concentrata. In allenamento forse facciamo meglio di quanto ci esprimiamo in partita, quindi stiamo cercando di migliorare sotto questo aspetto. Fisicamente siamo ancora indietro, tranne elementi quali Bedetti o Silimbani. Non sono né contento né scontento, ma chiedo ai miei giocatori soltanto un po’ più di voglia. »

PARZIALI: 26-12, 44-26(18-14), 61-42(17-16), 85-54(24-12)

SPETTATORI: 90

MVP: Jacopo Silimbani

ESPULSI: Nessuno

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy