Qui Treviso, gioia ed entusiasmo al raduno della Dè Longhi

Qui Treviso, gioia ed entusiasmo al raduno della Dè Longhi

Commenta per primo!

È una palestra di Sant’Antonino rinnovata e gremita di persone (più di 400 i trevigiani accorsi) quella che accoglie la squadra e lo staff tecnico di Treviso Basket in questa grigia giornata di Agosto.

La truppa del presidente Vazzoler si presenta carica e gioiosa per questo raduno che sancisce il via della nuova stagione. Tutti presenti, compresi i due giovani innesti Davide Moretti ed Enrico Vadi, assente solo Marshawn Powell in procinto di diventare padre, che si riunirà al gruppo lunedì 24.

L’ossatura della squadra è quella dello scorso anno, con Fantinelli, Negri, Fabi, Busetto, Malbasa, Rinaldi e Powell, coadiuvati dai nuovi acquisti Ancellotti, Moretti, Vadi e il nuovo USA Corbett.

Ecco le dichiarazioni dei giocatori e dello staff.

Coach Pillastrini: “Questo è il momento più bello dell’anno, il momento del progetto e dei sogni, in cui si pensa positivo. Bisogna lavorare intensamente per raggiungere gli obiettivi che ci si dà e avere tanti giocatori della passata stagione ci dà ancora più adrenalina e voglia e di fare. Confermarsi è sempre molto difficile, in quanto le aspettative sono alte e i ricordi bellissimi, inoltre il livello di quest’anno sarà più alto e dovremo meritarci tutto. Sappiamo che la stagione sarà durissima e rispettiamo tutti gli avversari e per questo dovremo tirare fuori tutte le energie e diventare squadra al cento per cento. Non sono in grado di dare un giudizio sulla forza degli avversari, ci sono tante buone squadra e tante devono ancora definire appieno il roster, ci saranno tante sorprese e noi vogliamo essere una sorpresa positiva, le previsioni sulla carta vengono spesso smentite. Non voglio essere scontato, l’obiettivo è fare una buona stagione e vincere le partite che giochiamo, non dimentichiamoci che solo Rinaldi ha giocato a questo livello”.

La nuova guardia statunitense Lamarshall Corbett: “io sono nuovo e non conosco ancora tutti, ma posso dire di aver trovato un grande gruppo di ragazzi, un grande coach e un grande staff che mi ha accolto molto bene. Sono un giocatore atletico ed esplosivo, un buon tiratore e difensore e mi piace andare a rimbalzo, penso di poter migliorare ancora in difesa e restare sempre concentrato per portare sempre qualcosa di utile e diverso alla squadra. Mi piace molto il basket italiano e lo guardavo anche quando ero in Polonia, credo sia un grande campionato, molto rispettato e con ottimi giocatori. Non conosco la storia della Treviso cestistica, ma la città è bellissima e sono pronto a cominciare”.

Il capitano Agustin Fabi: “Siamo contenti e carichi, una squadra non nuova perché per metà siamo quelli dell’anno scorso, quindi partiamo più avvantaggiati di altre squadre. E ci siamo anche rinforzati con gli innesti di Ancellotti, Corbett e i due giovani Moretti e Vadi che ci daranno una grande mano. Molte squadre hanno fatto il roster quasi da zero e altre devono ancora finire il mercato. Il campionato sarà bellissimo e molto equilibrato, e noi vogliamo essere protagonisti e non semplicemente salvarci. La società ha fatto molti sforzi e noi vogliamo dimostrare che il salto di categoria ci ha reso ancora più forti”.

Tommaso Rinaldi: “Sono felice e soddisfatto di essere rimasto qui a Treviso, la volontà era reciproca. Il campionato è difficile e nuovo per tutti noi, e io sia per anzianità che per esperienza nella categoria posso dare qualche consiglio, ma tutti i ragazzi si faranno trovare sicuramente pronti. Con l’innesto di Ancellotti e la conferma di Powell siamo una buona batteria di lunghi e ora scopriremo anche Vadi. Fra poco partiremo per Cortina, ma non dimentichiamoci che il precampionato può dare indicazioni solo fino ad un certo punto, pensiamo all’anno scorso. Aver riconfermato tanti elementi è una grande cosa, ma la stagione è nuova e si riparte da zero”.

Il nuovo pivot Andrea Ancellotti: “Il gruppo è super e con i ragazzi mi trovo benissimo. Finalmente si parte e da oggi dobbiamo lavorare per toglierci le nostre sensazioni, io sono un tipo scaramantico e non voglio sbilanciarmi oltre”.

Matteo Fantinelli: “Sono molto carico, così come tutta la squadra, per questo nuovo campionato che sarà più difficile e quindi non abbiamo pretese. Metà gruppo già ci conosciamo e con l’altra metà lo stiamo facendo ora, tutti insieme lavoreremo per creare ciò che l’anno scorso ci ha permesso di fare quel tipo di campionato. Sono convinto che la pressione non sia su di noi, che nonostante la vittoria dell’anno scorso siamo una neopromossa, ma su squadre più avvantaggiate come Verona e Mantova. Questo sarà per me il primo anno nella seconda lega nazionale, e quindi sarà una cosa nuova, la presenza di squadre come noi, la Fortitudo e Roma lo rende molto appetibile al pubblico e ci sarà da divertirsi”.

Matteo Negri: “In questa stagione voglio continuare il lavoro di miglioramento intrapreso l’anno scorso, per una stagione di conferma e di salto di qualità che devo fare. Per la squadra ci sono le premesse di una stagione di alto livello, molti giocatori sono dell’anno scorso e quindi ci conosciamo bene, e anche i nuovi innesti sono degli ottimi giocatori. Io, così come tutti i tifosi, aspetto con ansia la partita con la Fortitudo visto il mio passato in sponda Virtus, ma quest’anno ci saranno un sacco di partite da giocare dal primo all’ultimo minuto. Il Valore aggiunto, anche questa stagione, sarà il pubblico e spero di vedere sempre il palazzo pieno”.

Il nuovo “baby” acquisto Davide Moretti: “e stata un’estate intensa, ma mi sono riposato il giusto e ora sono pronto a cominciare questa nuova esperienza. Alle finali nazionali ho potuto constate che il pubblico è super e sono veramente felice di essere qua. I consigli di papà sono quelli di giocare come so e stare tranquillo che un po’ alla volta il bello arriverà, l’importante è non avere fretta. Cercherò di dare il massimo per la squadra, mi ritengo un play che capisce il gioco e una guardia che può fare canestro”.

Il nuovo lungo classe ‘97 Enrico Vadi: “Ho trovato un ambiente molto caloroso, il roster è molto valido e, nonostante l’età, carico di esperienza. Ho avuto un colloquio con il coach per conoscere l’ambiente e il mio ruolo all’interno della squadra. Il mio presupposto, data l’età, è fare esperienza e farmi trovare pronto al momento necessario. Sono un giocatore molto versatile, agile e veloce nonostante la stazza, con un buon tiro dalla media”.

Il presidente Paolo Vazzoler: “Siamo forse la squadra che è cambiata meno di tutte e questo ci fa capire quanto bene avessimo lavorato l’anno scorso in termine prospettici. Quest’anno abbiamo inserito giocatori ancora più giovani e non è ancora finita, perché la piazza comincia ad essere interessante e sanno che facciamo giocare e crescere i giovani. La mancanza di Powell è più che giustificata e diventare padre lo farà crescere anche come giocatore, perché uno diventa più adulto e responsabile. Il gruppo è molto eterogeneo e i nuovi avranno facilità di inserimento poiché i vecchi sono maturi e responsabili, ci sarà da divertirsi. Abbiamo anche rinnovato la nostra casa qui a Sant’Antonino, il parquet è ottimo e molto simile a quello del Palaverde, abbiamo istituito una sala pesi che non avevamo e l’impatto grafico con i colori della società è molto suggestivo. E poi abbiamo anche la fortuna di andare in ritiro a Cortina, che sarà molto utile ai ragazzi per supportarsi e sopportarsi per cementare il gruppo. L’obiettivo è quello di far paura a tutti e divertire tanto il nostro fantastico pubblico. Infine un pensiero alla campagna abbonamenti: l’anno scorso avevo dichiarato i 2000 e mi hanno dato del pazzo, chiudendo poi a 1960; quest’anno ho in testa un numero ma non lo voglio dire, perché se l’anno scorso la gente si è divertita è moralmente obbligata a tornarci e io spero che lo facciano”.

I ragazzi sono carichi, tutto lo staff lo è, il pubblico è caloroso come lo abbiamo lasciato qualche mese fa e tutto fa pensare ad una stagione ricca di divertimento. Appuntamento il primo di Settembre per l’inaugurazione della Cortina Basket Cup e l’inizio del precampionato della De’Longhi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy