Recanati in L2 Silver: un successo che parte da lontano

Recanati in L2 Silver: un successo che parte da lontano

Dopo la gara con Perugia è stato dato il rompete le righe per i giocatori del Basket Recanati. Unico ad allenarsi è l’under Stefanini (in prestito dall’Umana Venezia) che è stato convocato ad un raduno della nazionale in vista di una trasferta in Cina. Per il resto aria di … vacanza ma non troppo.

Fra pochi giorni la dirigenza del Basket Recanati si dovrà mettere sotto di brutto per allestire la prossima stagione che vede la società approdare nell’anticamera del basket di prima fascia.

Il presidente Pierini negli immediati secondi post finale di Perugia si è lasciato scappare un “voglio sognare ancora”. Conoscendo la passione del patron c’è da immaginare che passati i giorni dei festeggiamenti, Pierini si attivi per cercare un main sponsor. Oggi più che mai necessario visto che si dovrano ingaggiare gli stranieri. E ci sarà da valutare la posizione di Coen. Il coach aveva un biennale e i due anni trascorsi a Recanati non sono passati inosservati agli osservatori: raggiunta una semifinale play off e vinta una finale play out che valeva la Lega2 Silver.

Ma intanto è l’occasione per una doppia festa: i 30 anni di nascita della società e il passaggio in Lega2 “Silver”. Un momento dunque di festa (giocatori, quadro tecnico, dirigenza, tifosi) che è stato fissato per sabato 1 giugno alla Cantina di Ale-Hotel Palazzo Bello a partire dalle ore 13 (15 euro, Info e prenotazioni : 071 – 7575252). La festa sarà preceduta da un momento istituzionale in comune alle ore 12.

Considerato che il presidente Pierini è già cittadino onorario di Recanati (lui che è di Porto Recanati ….) , cosa tirerà fuori dal cilindro il sindaco?

Con la prossima stagione sarà il Basket Recanati arriva alla 12^ partecipazione ad un campionato nazionale. Nelle precedenti stagioni ha partecipato a 9 fasi play off e ad una play out che però è valso il passaggio al nuovo format Lega2 Silver.

Quarta forza della pallacanestro regionale e seconda società sportiva della provincia dietro la Lube, il Basket Recanati è specializzato in play off e promozioni. Libertas, Comer, Cucine Tarducci, Larms, BCC, La Fortezza, gli sponsor che si sono succeduti sulle maglie.

E va rilevata una cosa in questa ennesima esaltante stagione: Recanati è stato uno dei tre centri più piccoli a partecipare a questo campionato e lo ha fatto, unica dalla serie A alla DNA senza main sponsor.

Una lunga trafila nelle minori dal 1982, le prime “finali” contro Porto Recanati e Monturano. Nell’86/87 un’apparizione nell’allora D nazionale che sarà riconquistata solo nel 1993/94. Alcune stagioni di C/2 regionale.

La “cavalcata” vincente del Basket Recanati inizia nel 2001/2002 con il salto in C/1. Dopo 7 anni nel limbo dei campionati regionali, arriva la vittoria ed il passaggio alla ribalta nazionale con in panchina Maurizio Marsigliani.

Nel campionato 2002/2003 la matricola Recanati conquista l’ottavo posto in classifica e l’ingresso nei playoff. L’abbinamento non è però dei migliori contro l’IPR Civitanova Marche che avrà bisogno però di gara 3 per eliminare il Basket Recanati nei quarti. Nella stagione 2003/2004 arriva coach Massimo Padovano. Con lui la squadra centra la quarta piazza e arriva sino alle semifinali, eliminata dall’Acmar Ravenna.

Il Basket Recanati non si ferma più. Stagione 2004/2005 e secondo posto. Un cammino esaltante fino alla finalissima beffa contro la Toyota Lugo che è costretta a gara 5: finale beffa perchè i romagnoli non si iscriveranno al campionato cedendo il titolo sportivo. Nella stagione 2005/2006 la guida tecnica è affidata a Riccardo Freddari e con lui arriva un’altra finalissima che va a vantaggio della Salus Bologna. I dirigenti non si arrendono e puntano ancora alla B/2 nella stagione 2006/2007 ma è Gualdo Tadino a tagliare la strada ai leoapardiani in semifinale. Nuovo tentativo nel 2007/2008 caratterizzato da un testa a testa con Urbania e l’esonero di Freddari cui succede Marsigliani. E’ l’anno della salita in B/2: eliminate Trebbo e Budrio, finale contro Castel Guelfo. Dopo quattro stagioni di play off e due finali perse, arriva la consacrazione.

Nel 2008/2009 Recanati si fa subito onore in B/2 e arriva a contendere alla Tezenis Verona l’accesso alla finalissima play off.

Ci sono i presupposti per puntare in alto e nella stagione 2009/2010 arrivano la finale di Coppa Italia contro Torino e la promozione in A/dilettanti conseguita in un finale al cardiopalma contro Senigallia.

E’ dura la A/dilettanti e Recanati conosce il primo stop della sua lunga cavalcata nel 2010/11. In corsa esonero per Marsigliani, subentra Russo che si arrenderà solo alla penultima giornata. Recanati arriva 12^, prima delle retrocesse, e tanto vale, per una riforma dei campionati alla retrocessione in B/2. Ma la società è solida, altre si perdono per strada e il Basket Recanati viene ripescato nel nuovo torneo, la DNA.

Non si lascia nulla al caso. In panchina arriva Coen che nella stagione 20011/12 centra la semifinale play off per salire in Lega2, fermata da Trieste. La storia della stagione 2012/13 è di questi giorni e vale il passaggio in Lega2 Silver.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy