Recanati vuole il CNS

Recanati vuole il CNS

Commenta per primo!

Al di la di quanto si legge nei vari siti o “media”,ed alle varie ipotesi e/o illazioni che circolano in proposito  si attiene ai comunicati ufficiali sin qui pervenuti i quali attestano che ,preso atto delle iscrizioni pervenute a norma dell’Art. 9 del regolamento esecutivo gare e delle norme D.O.A. ai nastri di partenza dell’Anno Sportivo 2011/2012 é al quinto posto fra le squadre di riserva : 1) Casalpusterlengo,2) Fabriano, 3) Pavia, 4) Siena,5) Recanati e quindi a seguire Rieti,Ozzano,Scauri e Castelfiorentino,quindi ci sono fondate possibilità di un ripescaggio in A/Dilettanti o Campionato di Sviluppo che dir si voglia.Ci sono quindi fondate possibilità di rimanere nella terza serie nazionale,in vista delle decisioni del Consiglio Federale di Sabato 16 Luglio che esaminerà diverse situazioni pendenti,ma soprattutto lo sguardo é rivolto a Martedì 19,quando verranno stilati i Gironi sia della Serie A/Dilettanti che della Serie B.Nel frattempo l’U.S. Basket Recanati si é trasformata in s.r.l. e dopo aver scelto in qualità di head-coach per i prossimi due anni,Piero Coen,ha completato i quadri tecnici con gli “assistant” Sandro Pozzetti e Luca Tarducci,con quest’ultimo in procinto di firmare dopo aver appianato alcuni dettagli.In sostituzione di Angelo Burdo,il nuovo direttore sportivo é Marcello Chiodoni proveniente da Ancona,mentre il nuovo “team manager” é il rivierasco Francesco Picotti. In attesa di buone notizie da Roma,in quanto se sarà A/ Dilettanti occorreranno nel “roster” (5 under + 5 senior),mentre per la B/Dilettanti saranno 2 soltanto gli under + 8 senior;sono stati confermati:capitan Attilio Pierini,l’anima,il cuore,leopardiano,che vestirà la casacca gialloblù per il nono anno consecutivo,un simbolo,una bandiera,accanto a lui il play Roberto Fossati,oltre ai locali Simone Ercoli ed al promettente under Andrea Gurini.

 La Società,come d’altronde gli sportivi,sono in trepida attesa,in vista delle decisioni dell’imminente  Consiglio Federale,in quanto con il “marasma” che si é creato in questi due mesi con diverse squadre che sono saltate sia nei campionati professionistici e nel settore dilettanti,hanno aperto o meglio spalancato le porte verso un probabile ritorno dell’U.S. Basket Recanati al terzo campionato nazionale,nel quale lo scorso anno,la società leopardiana é stata purtroppo una meteora e che con l’esperienza acquisita,per il bacino di utenza,passione ed impegno sin qui dimostrata vorrebbe di nuovo partecipare.Sarebbe il più bel regalo in vista del trentennale che festeggerà appunto nel 2012,essendo stata fondata sei lustri fa , nel 1982.

In attesa ormai del “count-down” del Consiglio Federale abbiamo voluto a tal proposito sentire il “presidentissimo” il “patron” Giuseppe Pierini al riguardo:

“Attualmente la nostra Società-dice il Presidente Giuseppe Pierini- rimane in attesa delle decisioni del Consiglio Federale del 16 Luglio 2011. Siamo consapevoli che la nostra posizione a tutt’oggi ci vede inseriti nel lotto delle “papabili” per esser ripescate nella Serie A/Dilettanti o Campionato di Sviluppo. E’ chiaro che la conferma di tutto ciò si concretizzerà sulle decisioni che il Consiglio Federale stesso  prenderà Sabato p.v. (vedi casi Venezia-Trapani). Nel frattempo stiamo valutando e monitorando la situazione nei vari campionati;nel contempo siamo fiduciosi che le nostre aspettative siano confermate. Vogliamo e crediamo nella Serie A/Dilettanti ! Sostiene perentoriamente e con modo deciso il Presidente Giuseppe Pierini e,nel caso la nostra richiesta non venisse accolta-prosegue- non vogliamo prendere in esame una simile decisione,diventerebbe per noi una seconda retrocessione,una delusione totale. E’ chiaro che in caso negativo valuteremo la decisione del Consiglio Federale,prenderemo atto del verdetto,analizzeremo le motivazioni e le eventuali azioni che possano tutelare e salvaguardare la nostra posizione. Comunque auspico che il Consiglio Federale e il suo Presidente Dino Meneghin proponga e deliberi una soluzione idonea per evitare eventuali ricorsi delle società sportive,con tutte le conseguenze negative che tali azioni possono causare nei prossimi campionati.Cerchiamo almeno di salvaguardare le legittime aspirazioni delle società serie che nonostante la situazione economica attuale non favorevole hanno la voglia,la volontà,la forza e anche la giusta ambizione di far bene. Aiutiamo queste società-conclude il Presidente Giuseppe Pierini- che devono essere prese da esempio per tutte le altre,anche facendo-se occorre- dei campionati professionistici e/o dilettantistici allargando gli organici a 17/18 squadre”.

Chi vivrà vedrà. Incrociamo le dita in attesa della fumata bianca……

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy