Roseto-Chieti: in vista il quarto derby d’Abruzzo senza tifosi ospiti

Roseto-Chieti: in vista il quarto derby d’Abruzzo senza tifosi ospiti

Dopo aver sfatato il tabù-derby nella sfida di andata, i Roseto Sharks puntano a sbloccarsi anche al PalaLeombroni dopo le sconfitte rimediate negli ultimi due anni.

Commenta per primo!

Dopo aver sfatato il tabù-derby nella sfida di andata, i Roseto Sharks puntano a sbloccarsi anche al PalaLeombroni dopo le sconfitte rimediate negli ultimi due anni: un’occasione sulla carta propizia per sbancare finalmente il palasport teatino, considerando che a giudicare classifica e stati di forma delle due squadre sarà proprio la MEC-Energy ad indossare i panni della favorita.

Gli uomini di Trullo sono sempre più insediati in zona post-season dopo il successo conquistato a Legnano (terzo consecutivo in trasferta), che mantiene i biancazzurri al quinto posto solitario aumentando a sei punti il gap sul nono posto: quello contro la Proger è di fatto un match-point in ottica-playoff per gli Squali, che vincendo metterebbero in cassaforte l’accesso alle prime otto posizioni. Dall’altra parte, Chieti non ha invece dato continuità all’esaltante colpaccio di Brescia, viste le due successive sconfitte rimediate contro Mantova e Trieste: i quattro punti che separano gli uomini di Galli (solo 3/21 al tiro perimetrale contro i giuliani) dal terzultimo posto non costituiscono un margine rassicurante in chiave salvezza diretta. Monaldi e compagni dunque hanno chiara necessità di strappare i due punti, per tenere a debita distanza la zona pericolosa e non condannarsi ad un finale rischioso di regular season: tutti motivi che renderanno il derby ulteriormente carico e sentito su entrambi i fronti.

Tornando in casa rosetana, due le situazioni extracestistiche da segnalare: la prima è relativa al convulso finale di Legnano, che ha visto alcuni giocatori e membri dello staff biancazzurro aggrediti da pubblico e dirigenti locali. Le due società hanno affidato ai rispettivi comunicati stampa la propria versione dei fatti, con il giudice sportivo a decretare ufficialmente la squalifica del campo per una giornata in casa Knights. L’altra riguarda il nuovo divieto di assistere alla gara per i tifosi ospiti (sempre a causa dei disordini successivi alla sfida di due anni fa, quando il pubblico rosetano reagì ad un gesto di Deloach scagliando dei seggiolini sul parquet): è il quarto derby consecutivo in cui il momento di massima espressione cestistica regionale non viene valorizzato a pieno dalla presenza di entrambe le tifoserie sugli spalti. Peccato davvero.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy