Roseto – Mantova: Sharks nella tana degli Stings, obiettivo continuità

Roseto – Mantova: Sharks nella tana degli Stings, obiettivo continuità

Commenta per primo!
Reduce dal brillante successo ai danni di Brescia, la MEC Energy Roseto è pronta a tornare in campo questa sera nell’anticipo del PalaBam contro Mantova. Una partita dall’elevato coefficiente di difficoltà per gli Sharks di coach Trullo, che sfideranno un’altra delle principali favorite di questo girone Est, per giunta ancora imbattuta dopo le prime tre partite.
A complicare ulteriormente la situazione in casa biancazzurra sono gli ormai consueti problemi di infermeria in questo inizio di campionato: domenica scorsa è rientrato Borra ed il suo apporto in tandem con Bryan vicino a canestro si è decisamente fatto sentire, ma allo stesso tempo l’esterno americano Allen ha subito un infortunio (lesione distrattiva all’obliquo addominale destro, come ha comunicato la società) che lo ha tenuto fuori per il resto della gara contro la Centrale del Latte.
Anche contro la Dinamica, gli Squali non potranno schierare il loro giocatore di punta sul perimetro: al momento non sono ancora chiari i tempi di recupero della guardia 23enne, che potrebbe addirittura rientrare già nella successiva sfida contro Imola. Per questo la società sta aspettando ad intervenire sul mercato, una decisione che sarà ponderata in base a quelle che saranno le novità dei prossimi giorni: certo è che in terra virgiliana scenderà un Roseto largamente rimaneggiato, visto che mancherà ancora Innocenzo Ferraro, il cui impiego in questa stagione finora è circoscritto agli eroici 8 minuti dell’esordio contro Treviso.
Con simili condizioni a cui far fronte, Weaver e soci si giocheranno la gara senza troppo da perdere, e forti comunque dell’ottima prova di domenica scorsa che ha sbloccato classifica e morale del gruppo. Gli Stings però rappresentano uno scoglio durissimo, con la squadra di coach Martelossi reduce da due importanti successi esterni di fila (contro Fortitudo Bologna e Legnano) pur dovendo fare a meno a loro volta della guardia americana Hurtt: esperienza e qualità non mancano comunque in ogni reparto, con i vari Moraschini, Di Bella ed uno Ndoja che ha iniziato la stagione ad oltre 15 punti di media. Per uscire indenni servirà un’altra prova perfetta, in attesa di beneficiare finalmente del roster al completo, ed iniziare il ciclo di gare più alla portata dopo il terribile calendario di queste prime giornate.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy