Roseto sempre più convincente, Latina costretta alla resa al “Lido delle Rose”

Roseto sempre più convincente, Latina costretta alla resa al “Lido delle Rose”

Piace sempre di più la “baby multinazionale” Roseto Sharks, che batte 76-61 la Benacquista Latina nella seconda semifinale del 73°Trofeo Lido delle Rose. Domani sera i ragazzi di D’Arcangelo affronteranno nella finalissima la Givova Scafati, che in precedenza aveva nettamente sconfitto Jesi.

di Piergiorgio Stacchiotti

Roseto Sharks – Benacquista Latina 76-61

ROSETO: Visitin n.e, Klaczek 4, Person 22, Rodriguez 8, Ianelli, Penè 2, Nikolic, Eboua 5, Nzosa n.e, Menalo 2, Bayehe 6, Sherrod 11, Akele 11, Panopio, Pierich 3, Bushati 2. Coach Germano D’Arcangeli

Arbitri: Settepanella e Pisetta
Note: parziali 16-15; 36-27; 62-49; 76-61

Piace sempre di più la “baby multinazionale” Roseto Sharks, che batte 76-61 la Benacquista Latina nella seconda semifinale del 73°Trofeo Lido delle Rose. Domani sera i ragazzi di D’Arcangelo affronteranno nella finalissima la Givova Scafati, che in precedenza aveva nettamente sconfitto Jesi.
Prime battute equilibrate con Latina che prova l’allungo sull’4-10 appena dopo il terzo minuto. Magia di Person, che si gira nei pressi della linea di fondo e trova un gioco da tre punti, concluso da un tiro libero. 7-12 il punteggio dopo 5’. Roseto impatta poco dopo con Sherrod, ben servito dal sedicenne Penè, che poco più tardi è l’artefice del sorpasso con una pregevole penetrazione. Punteggio bloccato per un paio di minuti, prima del 2/2 di Baldassarre che rimette le squadre in parità. La prima frazione termina sul 16-15 in favore dei padroni di casa.
Bomba del neo entrato Rodriguez in apertura di secondo periodo. Bushati dà spettacolo con tre passaggi no-look ravvicinati ben riusciti, a differenza di tre conclusioni da distanza siderale. Il neocapitano degli Sharks poco dopo serve Eboua che va a schiacciare con prepotenza, subendo anche fallo: +3 Roseto al 13’. 23-18 invece due minuti più tardi, grazie ad Akele. Rodriguez colpisce ancora da tre e Gramenzi chiama time-out con il suo quintetto sotto di otto lunghezze. Carlson, con un’azione rocambolesca, interrompe il digiuno ospite dopo il +10 siglato da Bushati. Le lunghezze di vantaggio diventano undici a 30”dall’intervallo con una tripla di Person. Si torna invece negli spogliatoi sul 36-27. 11 i punti di Person e 9 di Sherrod fra gli Sharks.
Coast to coast vincente di Person al rientro delle due squadre. Pierich timbra il cartellino con una bomba, replica Baldassarre con un 2+1: 41-30 al 22’. Sugli scudi Akele, che prima segna da distanza ravvicinata e poi piazza la tripla del 48-35, che induce Gramenzi a chiamare time-out con 6’ da giocare nel terzo quarto. L’ex Venezia è on fire e va ancora a bersaglio in penetrazione, 50-37 al 25’. Roseto dà l’impressione di poter allungare nel punteggio ogni qualvolta decida di farlo: grandi applausi su una nuova invenzione di Bushati che concede un altro schiaccione ad Eboua, che fa volare i biancazzurri sul +19. Finale di tempo favorevole a Latina, che accorcia sul 62-49.
Dopo aver nuovamente allungato sul +17, coach D’Arcangeli decide di dare spazio ad altri baby talenti, lanciando nella mischia Ianelli, Panopio, Menalo e lasciando in campo in pianta stabile Bayehe che lo ripaga con canestri ed impegno in fase difensiva. 70-53 il punteggio al 35’. Latina si riaffaccia fino al -13 ma la vittoria rosetana non è mai in discussione, fino al 76-61 finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy