Roseto: voci di vendita del titolo (per ora smentite)

Roseto: voci di vendita del titolo (per ora smentite)

Commenta per primo!

Roseto e il futuro del “basket di vertice” (per citare il compianto Giovanni Giunco) nel Lido delle Rose. La voce, che circola da qualche ora, è quella – simile in parte a quella della scorsa estate – di un mandato a vendere affidato dalla società rosetana a un agente (Jacopo Lapenna) che, da noi interpellato telefonicamente, ha seccamente smentito la voce, precisando che non è stato finora mai contattato.

Mentre la scorsa estate si parlava di Udine – e in subordine di Treviso – come società interessate al titolo del Roseto (Treviso poi comprò quello del Basket Nord Barese, mentre Udine è rimasta in Serie B), stavolta si parla di Roseto Sharks che intende guardarsi intorno al fine di sondare il mercato dei titoli.

La voce sembra attualmente poco credibile, perché si parla di una somma richiesta di 500mila euro per il titolo. Prezzo assolutamente fuori mercato, se si pensa che la scorsa estate si trattava sulla base di circa 200mila euro, oltre al titolo di Serie B di Udine.

Inoltre la voce, smentita dall’agente Lapenna, è stata anche smentita dal vice presidente del Roseto Sharks, Daniele Cimorosi, che non ha dato garanzie per il futuro, ma ha affermato che si farà di tutto per andare avanti.

Proprietà e dirigenza dovrebbero incontrarsi entro fine aprile (il 20 del mese dovrebbe tornare il patron Peppe Di Sante da una lunga trasferta di lavoro in estremo Oriente) per fare il punto e guardare al futuro.

Noi non possiamo che fare il tifo affinché il Roseto continui in Serie A2, sperando che tutti gli aventi causa (proprietà e dirigenza sì, ma anche classe politica e dirigente del luogo) facciano tutto ciò che possono per continuare in un progetto nato in Serie C2 nel 2009.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy