Roseto vs. Treviglio: big match sulla strada dei playoff

Roseto vs. Treviglio: big match sulla strada dei playoff

La Remer Treviglio si prepara ad affrontare la difficile sfida di domenica sul parquet di Roseto.

Commenta per primo!

Dopo l’esaltante successo casalingo contro la Tezenis Verona, domenica 28 la Remer Treviglio di coach Adriano Vertemati scenderà in campo al PalaMaggetti di Roseto degli Abruzzi per affrontare la Mec-Energy di coach Tony Trullo, una formazione parecchio ostica che viene da ben 4 vittorie consecutive e che occupa la terza piazza in classifica a quota 30 punti in compagnia dell’Andrea Costa Imola.

L’ultimo di questi successi è arrivato nella seconda trasferta consecutiva in meno di una settimana che ha visto i bianco-azzurri conquistare il derby d’Abruzzo sul parquet del PalaTricalle di Chieti dove Allen e compagni hanno avuto la meglio della Proger (81-83 il risultato finale), al termine di un match combattutissimo che ha visto la formazione di casa condurre le danze nella prima parte di gara per poi subire il rientro degli avversari nel terzo periodo e contendere loro la vittoria sino agli ultimi secondi quando decisivi sono stati i 26 punti di Allen e le triple di Moreno.

Gli Sharks stanno vivendo un periodo di forma importante che sta permettendo loro di consolidarsi nelle zone alte della graduatoria di A2 Est, situazione che renderà ancora più ostico il compito della Remer.

Il quintetto base a disposizione di coach Tony Trullo prevede in cabina di regia un giocatore che si è rivelato una vera bestia nera per i trevigliesi negli ultimi due anni negli scontri al PalaFacchetti, risultando decisivo in entrambe le vittorie bianco-azzurre in Lombardia, ovvero Yankiel Moreno, guardia cubana classe 1990 cresciuta nelle giovanili di Loano e Rimini (all’attivo anche qualche apparizione con la Nazionale Under 18 italiana) e giunta alla seconda stagione in Abruzzo, nel curriculum annovera esperienze in B1 (Vado Ligure) e LegaDue (Rimini, Imola, Brescia), 8.1 punti, 3.1 rimbalzi e 4.1 assist di media.

Sugli esterni l’arma letale di Roseto Bryon Allen, guardia statunitense classe 1992 giunta agli Sharks nel corso del mercato estivo dopo un quadriennio universitario alla George Mason e una prima stagione tra i professionisti nella Serie A polacca con la canotta del Wikana Start Lublin, si è subito ben inserito nelle dinamiche del gioco degli abruzzesi diventandone uno dei principali trascinatori come dimostrano i 22.4 punti, 4.6 rimbalzi e 2.9 assist a partita, oltre a una mira dalla lunga distanza per niente male (2.4/6.5, 37%); al suo fianco Pierpaolo Marini, ala piccola classe 1993 cresciuta nelle giovanili della Virtus Roseto e giunta alla quarta stagione con gli Sharks dopo le esperienze con le giovanili di Teramo e qualche apparizione con Lanciano in DNC, sta vivendo una stagione positiva con 11 punti e 3.4 rimbalzi di media.

Sotto canestro una coppia di valore che darà del gran filo da torcere ai lunghi trevigliesi: Kyle Weaver, ala grande statunitense classe 1986, vero colpo del mercato estivo abruzzese visto che questo giocatore può vantare diverse stagioni in NBA con le canotte degli Oklahoma City Thunder e degli Utah Jazz, a curriculum diverse esperienze in giro per il mondo in D-League (Tulsa 66ers, Iowa Energy, Austin Toros, Canton Charge), Belgio (Spirou Charleroi), Germania (Alba Berlino), Italia (Azzurro Napoli), Israele (Bnei Herzliya) e Porto Rico (Caciq de Humacao), 15.1 punti, 6 rimbalzi e 3.3 assist a partita; al suo fianco il capitano Sylvere Bryan, centro italo-dominicano classe 1981 alla seconda annata con gli Sharks, un giocatore di grande esperienza formatosi alla Tampa University e con alle spalle una carriera che l’ha visto calcare i parquet di Francia (Cholet, Rueil), Belgio (Siemens Damme), Repubblica Ceca (BK Prostejov) e, soprattutto, Italia dove ha militato in Legadue (Rimini, Ferrara, Roseto, Pistoia, Brindisi, Venezia, Napoli) e Serie A (Avellino, Pesaro), 7.1 punti e 6.9 rimbalzi di media.

A disposizione di coach Trullo un gruppo di giovani giocatori pronti per entrare a partita in corso e dar fiato ai titolari, tra cui due ex biancoblu: Jacopo Borra, centro classe 1990 visto a Treviglio per due stagioni e mezzo, giunto a Roseto nel febbraio 2014 dopo una prima parte di stagione con Barcellona Pozzo di Gotto, alle spalle esperienze importanti in DNA (Fortitudo Bologna, Omegna) e LegaDue (Pistoia e Barcellona Pozzo di Gotto), un’arma molto importante uscendo dalla panchina con 8.9 punti e 5.6 rimbalzi a partita; Roberto Marulli, playmaker classe 1991, altro ex del match visto che approdò proprio a Treviglio dopo le giovanili a Bergamo e vi rimase dal 2010 al 2012 prima delle esperienze in prova a Cantù e Verona e le ultime tre stagioni molto positive in DNB a Cecina e, soprattutto, Agropoli dove si è definitivamente consacrato prima di spiccare il volo verso Roseto nel corso del mercato estivo, 7.4 punti e 2.1 rimbalzi di media.

Completano la panchina: Innocenzo Ferraro, centro classe 1982 anch’egli alla seconda stagione con Roseto, formazione dove è cresciuto e con cui ha esordito in B2 nel 2006/2007, nel suo curriculum annovera esperienze in B1 (Omegna, Trieste), B2 (Roseto, Basket Nord Barese) e DNB (Npc Rieti), non utilizzato nelle ultime due sfide per un problema fisico, 6.3 punti e 4.4 rimbalzi a partita; Francesco Papa, ala piccola classe 1995 cresciuta nel vivaio di Roseto e tornato alla casa madre dopo un’annata in prestito in DNB con Giulianova, 1.4 punti e 0.9 rimbalzi di media; Riccardo Trevisan, playmaker classe 1996, giunto in prestito a inizio stagione dal prestigioso vivaio della Reyer Venezia; Gianmarco Mariani, guardia classe 1996, altro cavallo di ritorno visto che il giovane è cresciuto nelle giovanili della Fides Roseto fino al 2013 quando passò alla Benacquista Latina per fare esperienza e rimanervi fino a quest’estate; Francesco D’Emilio, playmaker classe 1998 cresciuto nel vivaio degli Sharks.

La Remer Treviglio cercherà di cavalcare fino in fondo l’onda positiva del grande successo di domenica scorsa contro Verona (74-62 il punteggio dopo 40’ di gioco) conquistato disputando una partita su livelli di intensità e brillantezza altissimi, fattori che le hanno permesso di mandare in tilt i più blasonati veneti (reduci tra l’altro dalla vittoria contro la capolista Brescia) e scappare nel punteggio sin dal primo quarto e gestire poi il punteggio nell’ultimo periodo dopo aver dato un ulteriore strappo nel terzo.

Difficile trovare un giocatore sul quale dovranno maggiormente focalizzarsi le attenzioni dei trevigliesi in quanto il roster abruzzese presenta diverse insidie. Sicuramente interessanti saranno le sfide Moreno vs. Marino, Allen vs. Kyzlink, Weaver-Bryan vs. Sorokas-Rossi, fondamentali gli apporti dalla panchina dove Treviglio cercherà di rispolverare la coppia Chillo-Tambone dopo un paio di match in ombra rispetto alle scintillanti prestazioni precedenti.

 

Arbitri dell’incontro: Daniele Caruso di Pavia (PV), Andrea Longobucco di Ciampino (RM) e Michele Capurro di Reggio Calabria (RC)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy