San Severo verso Latina

San Severo verso Latina

Vincere, senza se e senza ma, questo è l’imperativo categorico per la EnoAgrimm Cestistica San Severo.

Vista l’aria che tira a San Severo coach Piero Millina ed i propri giocatori non possono assolutamente più sbagliare, dopo aver perso ad Agrigento ed aver raggiunto malauguratamente il terzultimo posto, vincere è l’unico risultato da dover conseguire contro i nerazzurri laziali.

L’ambiente, come già detto, non è dei migliori, si vive in un clima ricco di contestazioni, dove tifosi  ed anche i meno appasionati individuano in Millina il capro espiatorio.

Latina è certamente un avversario assolutamente da non sottovalutare soprattutto per l’imprevedibilità e la giovane età del proprio roster, formato prettamente da giocatori under, su cui la società ha fondato e sta portando avanti un serio progetto guidato da coach Ferrari.

La Cestistica dal canto proprio ha un roster di tutto rispetto per questa categoria e che certamente non merita l’attuale posizione in classifica, seppure la EnoAgrimm abbia l’handicap di vari infortuni e ridotte rotazioni, soprattutto Maggio è alle prese con degli acciacchi fisici, di cui uno al polso rimediato contro Casalpusterlengo, purtroppo per il giovane e promettente play partenopeo il compito non sarà agevole, dovrà affrontare a viso aperto e tener testa ad un veterano come Santolamazza ed un giovane altrettanto promettente e pericoloso come Tavernelli, Gueye dovrà prendere per mano la squadra, giocando con parsimonia e lucidità offensiva e difendendo a dovere su giocatori come Plateo e Milani, Scarponi dovrà onorare al meglio i gradi di capitano ritrovando la sua vena realizzativa non solo dalla lunga ma anche in penetrazione, contrastando nel migliore dei modi Micevic, ex conoscenza giallonera, che di Latina è il vero e proprio trascinatore, da Del Brocco ci si aspetta invece la solita buona e convincente prestazione, il lungo infatti ha sempre ben figurato sia in fase offensiva che difensiva, grazie anche alla sua buona condizione fisica, nonostante i seri problemi fisici invece, Iannilli continua a farsi rispettare, onora il campo e la maglia giallonera giocando per circa 40’ anche se vistosamente zoppicante (come nella gara interna contro Castelleto Ticino), se la vedrà con il giovane Cecchetti e l’esperto Gagliardo, serviranno e saranno strettamente indispensabili i punti dalla panchina giallonera che ad Agrigento ha portato solo due miseri punticini, così Sirakov, De Paoli e Centrone, se impiegati, potranno dare il giusto apporto e guadagnandosi fiducia e minuti importanti.

La palla a due verrà alzata dai signori Caforio e Maniero alle 20.30 di mercoledì 21 p.v. al “Falcone e Borsellino” di San Severo, dove il caloroso pubblico sanseverese dovrà sostenere incondizionatamente i propri colori affinchè arrivi la tanto attesa vittoria.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy