Scafati, il punto. Trapani vuole coach Finelli: “Ma io sto bene qui”

Scafati, il punto. Trapani vuole coach Finelli: “Ma io sto bene qui”

Commenta per primo!

«Scafati merita la massima serie. La seconda parte di stagione disputata su alti livelli, l’ottima organizzazione societaria ed il calore di questi tifosi meritano palcoscenici più importanti». Non sono parole di un tesserato o di un tifoso della Givova Scafati, bensì di Alessandro Magro, allenatore della Paffoni Omegna, l’ultima avversaria ad essere uscita sconfitta dal PalaMangano. Parole che legittimano le positive sensazioni che si respirano negli ultimi tempi intorno alla società dell’Agro, che sta continuando a sorprendere tutti a suon di risultati utili e prestazioni encomiabili. La serata evento organizzata dalla società in occasione del turno di campionato disputatosi il sabato Santo (terzultimo stagionale), nella quale si è festeggiata la Pasqua insieme ai bambini del minibasket e ai ragazzi delle giovanili, rallegrata dalla partecipazione della showgirl Francesca Cipriani e del comico Ciro Giustiniani, è stata coronata da una bella prova della squadra, capace di superare senza grosse difficoltà la Paffoni Omegna, pur facendo a meno dell’infortunato Evans. «Sono soddisfatto della serata e dell’organizzazione societaria, che ha permesso ai giovani del vivaio e alle loro famiglie di essere presenti al PalaMangano. Ci tenevamo, per l’occasione, a fare bella figura – ha commentato l’allenatore gialloblu Alex Finelli – e a disputare una gara di sostanza, riuscendo anche a ribaltare il passivo subito nella gara di andata. La principale nota positiva è stata la difesa: intensa e concreta». L’intero quintetto base in doppia cifra a fine partita è l’emblema di una squadra che ha giocato in maniera corale, remando tutti nella medesima direzione. «Voglio sottolineare la prestazione da grande campione disputata da Spinelli – ha proseguito – e quella di spessore di Ghiacci, che non ha fatto sentire l’assenza di Evans. Bene anche Zaccariello, nonostante il lungo infortunio che lo ha tenuto fermo ai box». La Givova Scafati non si gode solo i suoi campioni, bensì anche i giovani Izzo (in prestito a Francavilla in serie B) e Matrone (in doppio tesseramento con Maddaloni in serie B), recentemente convocati per il raduno della nazionale under 20. «La convocazione per il raduno non significa niente – ha spiegato il tecnico scafatese – perché ciò che realmente conta è la convocazione nelle gare ufficiali. Ma resta comunque un premio per la società, che sta lavorando bene anche nella valorizzazione dei giovani di talento del proprio vivaio». Dopo la breve pausa per la Santa Pasqua, la squadra ritornerà ad allenarsi, in vista della trasferta di domenica prossima a Piacenza, fanalino di coda del campionato di A2 Silver. «Non dobbiamo sottovalutare Piacenza – ha ammonito Finelli – perché contro di noi darà il massimo per giocarsi le residue chance di salvezza, provando ad agganciare Matera. Anche se non abbiamo obiettivi di classifica, vogliamo continuare a vincere e finire la stagione con l’acquolina in bocca». Voci di mercato parlano di un interessamento del Lighthouse Trapani (serie A2 Gold) per Finelli, che sarebbe già stato contattato per la prossima stagione, ma l’allenatore bolognese prende le distanze. «E’ prematura parlare di futuro. Il mio obiettivo è solo quello di finire al meglio la stagione e poi vedremo. Devo ammettere però – ha chiosato – che qui a Scafati mi trovo davvero bene».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy